Quantcast
Visualizza menu
Visualizza menu Visualizza campo di ricerca

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Scorri alla news precedente
Scorri alla news precedente

Il femminicidio di Elisa Ciotti a Cisterna di Latina

Vittima:
Elisa Ciotti
Killer:
Fabio Trabacchin
Località:
Cisterna di Latina
Data:
10 giugno 2019
Foto della Parrocchia di San Francesco d'Assisi a Cisterna di Latina dove si sono svolti i funerali di Elisa Ciotti
Foto della Parrocchia di San Francesco d'Assisi a Cisterna di Latina dove si sono svolti i funerali di Elisa Ciotti
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Foto della Parrocchia di San Francesco d'Assisi a Cisterna di Latina dove si sono svolti i funerali di Elisa Ciotti
Foto della Parrocchia di San Francesco d'Assisi a Cisterna di Latina dove si sono svolti i funerali di Elisa Ciotti

Elisa Ciotti è stata uccisa dal marito Fabio Trabacchin il 10 giugno 2019 a Cisterna di Latina.‍[1] Il delitto si è consumato nell'appartamento della coppia, entrambi trentacinquenni, situato nel quartiere San Valentino del comune alle porte di Latina. A scoprire il corpo senza vita della donna è stata la figlia di 10 anni che nelle prime ore del mattino ha dovuto assistere alla straziante scena della mamma, esanime, distesa sul letto con le lenzuola bagnate di sangue. Il padre non era in casa e la bambina ha chiamato alcuni parenti che in seguito hanno allertato i carabinieri.

Secondo le ricostruzioni degli inquirenti, l'uomo avrebbe avuto una violenta lite con la moglie durante la notte. L'omicidio sarebbe avvenuto alle prime luci dell'alba quando Trabacchin ha colpito a martellate la vittima. L'assassino in preda alla disperazione è uscito dall'abitazione vagando con la sua auto tra le campagne del paese. Nel frattempo la figlia ha scoperto il cadavere della madre e sul posto sono giunti i militari della zona. Il trentacinquenne è poi rientrato a casa nelle ore successive e i carabinieri l'hanno immediatamente preso in custodia trasferendolo alla caserma del comando provinciale di Latina. Lì ha confessato di aver ucciso la moglie. È stato dunque arrestato e condotto in carcere con l'accusa di omicidio volontario. Non è stato precisato il movente, ma si presume che Elisa avesse intenzione di separarsi e Fabio non accettasse la fine di quel matrimonio.‍[2][3]

Il nome di Elisa Ciotti è stato inciso su una pietra d'inciampo in travertino bianco ai piedi delle scale di piazza degli Angeli nel borgo storico di Cisterna di Latina. Il luogo, denominato "Scalinata degli Angeli", è stato dedicato al ricordo della sua scomparsa e presenta anche i nomi di altre vittime di femminicidio della stessa cittadina in provincia di Latina.‍[4]

Note

  1. ^ Omicidio a Cisterna, la vittima è Elisa Ciotti. Latinaoggi.eu. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2019.
  2. ^ Cisterna: uccisa a martellate, arrestato il marito. Sabaudia Informa. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2019.
  3. ^ Cisterna di Latina, donna di 35 anni uccisa in casa. La figlia scopre il cadavere, il marito confessa. Latina 24ore.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2019.
  4. ^ La Scalinata degli Angeli intitolata alle vittime di femminicidio. Latinaoggi.eu. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 agosto 2019.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici di terze parti per la raccolta di dati statistici. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando sul tasto "Accetto" o continuando la navigazione interagendo con gli altri elementi della pagina, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.