Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

L'omicidio di Jolanda Passariello a Sant'Egidio del Monte Albino

Vittima:
Jolanda Passariello
Presunto killer:
Giuseppe Passariello
Località:
Sant'Egidio del Monte Albino
Decesso:
Nocera Inferiore
Data:
22 giugno 2019
Foto dell'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore (Salerno) dove la piccola Jolanda è stata trasportata nella notte tra il 21 e il 22 giugno 2019

Foto dell'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore (Salerno) dove la piccola Jolanda è stata trasportata nella notte tra il 21 e il 22 giugno 2019

Voce su Jolanda Passariello

Jolanda Passariello era una bambina di 8 mesi che nella notte tra venerdì 21 e sabato 22 giugno 2019 fu trasportata in gravi condizioni all'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore in provincia di Salerno. Il suo corpo presentava segni di lividi, ecchimosi ed escoriazioni. I medici tentarono di rianimarla, ma non riuscirono a evitarne la morte.‍‍[1]

Foto dell'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore (Salerno) dove la piccola Jolanda è stata trasportata nella notte tra il 21 e il 22 giugno 2019

Foto dell'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore (Salerno) dove la piccola Jolanda è stata trasportata nella notte tra il 21 e il 22 giugno 2019

Avuto notizia dell'accaduto, la Procura di Nocera iscrisse nel registro degli indagati i genitori della vittima. La coppia viveva a Sant'Egidio del Monte Albino in provincia di Salerno e aveva un altro figlio di 2 anni. Il sindaco del paese in una dichiarazione alla stampa dichiarò che la famiglia in questione versava in oggettive condizioni di fragilità ed era stata segnalata ai servizi sociali.‍‍[2]‍‍[3]

Dall'esame autoptico emerse che la bambina fu sottoposta a maltrattamenti e lesioni perpetrati sul suo fragile corpo e che il decesso avvenne per soffocamento.‍‍[4]‍‍[2] Il papà Giuseppe Passariello, 37 anni, aveva avuto in passato problemi di tossicodipendenza. La mamma, Immacolata Monti, accusò il compagno di aver commesso ripetute violenze nei confronti della figlia, tuttavia lei non aveva mai denunciato alcun episodio e, secondo le ricostruzioni degli inquirenti, sarebbe stata complice delle vessazioni che la piccola aveva subito.‍‍[2]‍‍[3]

Circa 48 ore dopo il triste evento, l'uomo era stato fermato. Negli interrogatori si dichiarò innocente.‍‍[5] Il giudice per le indagini preliminari convalidò il fermo con l'accusa di omicidio aggravato.‍‍[6] Il successivo 5 luglio fu arrestata anche la madre per concorso in omicidio.‍‍[7] Pure lei negli interrogatori respinse le accuse.‍‍[8] Il 18 luglio il Tribunale del Riesame di Salerno confermò la detenzione in carcere per il trentasettenne sostenendo che la vittima fosse stata soffocata con un cuscino dal padre.

I giudici sottolinearono che la piccola Jolanda il 6 giugno era stata visitata all'ospedale Santobono di Napoli dove le vennero riscontrate delle malformazioni congenite alle braccia e alle gambe, elemento a sostegno della tesi che la bambina fosse stata ripetutamente maltrattata nei giorni precedenti alla morte.‍‍[9] Anche per la madre Immacolata Monti fu confermata la reclusione in carcere. La richiesta di revoca degli arresti, presentata dai suoi legali, fu respinta poiché la donna, pur non avendo ucciso sua figlia, non aveva impedito in alcun modo che suo marito eseguisse atti persecutori nei confronti della bambina.‍‍[10]‍‍[11] Nell'aprile del 2020, tuttavia, alla stessa furono concessi i domiciliari.

Nell'autunno del 2019 i due coniugi furono rinviati a giudizio.‍‍[12] Nel settembre del 2020, in un'udienza del processo davanti alla Corte d'Assise di Salerno, il perito della difesa della signora Monti sostenne che la bimba era morta per delle lesioni pregresse ai polmoni, compatibili con una patologia da individuare, in grado di compromettere le funzioni vitali.

Secondo il professionista, l'ipotesi del soffocamento con il cuscino sarebbe compatibile, ma non dimostrabile, dunque non certa, considerando tra l'altro che troverebbe fondamento soltanto nelle intercettazioni ambientali recuperate nella sala d'attesa del commissariato di Nocera Inferiore.‍‍[13] In una successiva udienza del marzo 2021 i due genitori, interrogati dinanzi alla Corte, avevano negato le accuse, pur non spiegando concretamente cosa accadde la sera quando la bimba fu trasportata in ospedale.‍‍[14]

Il 29 aprile 2021 gli imputati furono condannati dalla Corte d'Assise di Salerno. Ergastolo per Passariello e 24 anni di reclusione per Monti. La pubblica accusa aveva richiesto la massima pena per entrambi gli imputati.‍‍[15]‍‍[16] Secondo le motivazioni della sentenza, la vittima fu uccisa in due fasi, l'una successiva all'altra. Prima un tentativo di soffocamento a mani nude, poi un'azione di soffocamento mortale, attuata con l'ausilio di un corpo soffice per ostruire completamente le vie respiratorie. Il movente sarebbe riconducibile nel rifiuto pregiudiziale, da parte dell'imputato, della figlia femmina poiché lui avrebbe fortemente desiderato un secondogenito maschio.‍[17]

Nel corso del processo di secondo grado alla Corte d'Appello di Salerno, i legali della difesa avevano chiesto e ottenuto due nuove perizie per stabilire le cause della morte della bimba.‍[18][19] Le analisi avevano individuato evidenze per collegare la morte ad un agente esterno, con presenza di lesioni, con un'ipotizzata azione portata con le mani o un altro mezzo fisico in grado di aderire al volto, evidenziando l'incertezza sull'impiego del cuscino, senza intravedere ulteriori concause per il decesso rispetto all'azione esterna violenta. Furono esclusi collegamenti con la morte per quanto riguarda le altri lesioni rilevate al braccio, alla gamba, al volto e ai piedi, ritenute non direttamente legate ad un mezzo unico, risultando invece prodotte in tempi diversi, senza aver contribuito al decesso.‍[20]

Il 21 aprile 2022 la Corte d'Appello confermò le condanne inflitte in primo grado ai due genitori.‍[21][22]

Note

  1. Salerno, bambina di 8 mesi arriva senza vita in ospedale. Sul corpo lividi ed escoriazioni. Indagati i genitori. Il Fatto Quotidiano. Archiviato dall'originale. Consultato il 27 giugno 2019.
  2. a b c Lacrime e commozione ai funerali della bimba di 8 mesi. Salernonotizie.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 27 giugno 2019.
  3. a b Nocera, Jolanda muore a 8 mesi: per la madre della piccola suo marito voleva un maschio. Blasting News. Archiviato dall'originale. Consultato il 27 giugno 2019.
  4. La piccola Jolanda è morta per soffocamento: la conferma dall'autopsia. Salernonotizie.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 ottobre 2019.
  5. La morte della piccola Iolanda, fermato il papà per omicidio. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 27 giugno 2019.
  6. Sant'Egidio. Bimba morta: il padre resta in carcere, gip convalida fermo. Agro24.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 27 giugno 2019.
  7. Morte della piccola Jolanda: arrestata la madre. La Città di Salerno. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 luglio 2019.
  8. Bimba morta, la mamma si difende: "Dormivo, era già priva di vita". Il Mattino. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 luglio 2019.
  9. Morte di Iolanda, i giudici: "La piccola fu soffocata dal padre con un cuscino". L'Occhio di Salerno. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 luglio 2019.
  10. Morte Jolanda, la madre resta in carcere. I giudici: "Non ha fatto nulla per salvarla". SalernoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 luglio 2019.
  11. Morte della piccola Jolanda, la Cassazione respinge il ricorso della madre. SalernoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 ottobre 2019.
  12. Omicidio Iolanda, chiesto il processo per i genitori: "La bimba è stata soffocata". L'Occhio di Salerno. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 ottobre 2019.
  13. "Jolanda non è stata uccisa dai genitori". La Città di Salerno. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 settembre 2020.
  14. Jolanda morta a 8 mesi, i genitori sott'accusa si difendono in aula: "Non siamo stati noi". Il Mattino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 marzo 2021.
  15. Omicidio della piccola Jolanda, 24 anni alla mamma: ergastolo per il papà. SalernoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 aprile 2021.
  16. Uccisero la piccola Jole, ergastolo per il papà, 24 anni per la mamma. Il Mattino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 aprile 2021.
  17. Jolanda uccisa dai genitori a Salerno, i giudici: soffocata e presa a morsi dal papà. Il Mattino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 agosto 2021.
  18. Caso Jolanda, due superperizie. La Città di Salerno. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 dicembre 2021.
  19. Jole, la bimba uccisa dai genitori: disposte nuove perizie. Il Mattino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 dicembre 2021.
  20. "Delitto Jolanda, condannate i genitori". La Città di Salerno. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 aprile 2022.
  21. Jolanda uccisa a 8 mesi, condanna bis per i genitori. In Prima News. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 aprile 2022.
  22. Omicidio della piccola Jolanda, ergastolo per il padre e 24 anni per la madre: conferma in Appello. SalernoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 aprile 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.