Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

L'omicidio di Giuseppina Addante a Torino

Vittima:
Giuseppina Addante
Killer:
Tomas Scancarello
Località:
Torino
Data:
5 giugno 2019
Uno scorcio panoramico dall'alto di Torino
Uno scorcio panoramico dall'alto di Torino
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+

Giuseppina Addante, 86 anni, è morta il 5 giugno 2019 all'ospedale Giovanni Bosco di Torino. Era stata ricoverata il precedente 30 aprile in seguito a un'aggressione subita all'interno della propria abitazione in corso Giulio Cesare. Fu ritrovata dalla badante distesa sul pavimento con delle gravi ferite alla testa. Dopo oltre un mese di agonia, la signora non è riuscita a salvarsi.

Uno scorcio panoramico dall'alto di Torino
Uno scorcio panoramico dall'alto di Torino

Lo stesso 5 giugno, durante il pomeriggio, è stato fermato con l'accusa di omicidio e rapina il signor Tomas Scancarello, 42 anni, nipote della vittima. Sarebbe stato filmato dalle telecamere di videosorveglianza mentre entrava e usciva dall'appartamento della nonna il giorno dell'agguato. In casa fu ritrovata una mazza da baseball, presumibilmente usata per compiere l'aggressione mortale.‍[1][2]

Nei mesi successivi l'uomo è stato rinviato a giudizio in rito ordinario. Secondo la procura che ha coordinato le indagini, il quarantaduenne avrebbe aggredito l'anziana in casa per occultare una rapina allo scopo di ottenere del denaro per comprare sostanze stupefacenti. Già in passato l'imputato aveva chiesto denaro alla zia per procurarsi della droga. Scancarello tuttavia ha respinto le accuse, sostenendo di essersene andato subito dopo aver bussato alla porta perché nessuno gli aveva risposto.‍[3]

Il 20 aprile 2020 l'uomo è stato giudicato colpevole e condannato all'ergastolo.‍[4][5]

Note

  1. ^ Anziana aggredita e ferita in casa. ANSA.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 giugno 2019.
  2. ^ Omicidio Giuseppina Addante, fermato il nipote. Lui si difende: "Non ho fatto nulla". Blitz Quotidiano. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 giugno 2019.
  3. ^ Anziana aggredita con una mazza da baseball: c'è il remake del delitto. Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 febbraio 2020.
  4. ^ Torino, uccise la zia con una mazza da baseball per rapinarla: ergastolo. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 aprile 2020.
  5. ^ Ammazzata in casa con una mazza: il nipote condannato all'ergastolo. CronacaQui. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 aprile 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.