Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Santa Trovato a Ragusa

Vittima:
Santa Trovato
Killer:
Carmelo Chessari
Località:
Ragusa
Decesso:
Catania
Data:
11 maggio 2019
Uno scorcio panoramico di Ragusa
Uno scorcio panoramico di Ragusa (di Okkiproject, licenza CC BY-SA 4.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Uno scorcio panoramico di Ragusa
Uno scorcio panoramico di Ragusa (di Okkiproject, licenza CC BY-SA 4.0)

Santa Trovato, 79 anni, è morta l'11 maggio 2019 all'ospedale Garibaldi Centro di Catania. Il 21 aprile 2019 l'anziana donna era stata trasportata al nosocomio Giovanni Paolo II di Ragusa in stato di coma mentre aveva il volto tumefatto e un'emorragia cerebrale in corso. A richiedere l'intervento dei soccorsi era stato il figlio, Carmelo Chessari, 48 anni, convivente con la madre in un'abitazione della stessa città.

Nelle ore successive sono state avviate le indagini per accertare la dinamica dei fatti. Il figlio della signora non aveva fornito una spiegazione plausibile alle domande degli inquirenti e le lesioni della vittima erano apparse sintomatiche di una violenta aggressione avvenuta a mani nude. Messo sotto torchio, il quarantottenne ha confessato di aver picchiato la madre. Secondo le ricostruzioni, la sera del 20 aprile l'uomo era rimasto accidentalmente chiuso fuori in terrazzo e la donna, all'interno dell'abitazione, non gli aveva aperto la porta perché occupata a guardare la televisione. Chessari dunque, spazientito, ha forzato la porta per entrare e avrebbe colpito ripetutamente la signora alla testa.

Nonostante la grave violenza subita, la settantanovenne è andata a dormire, ma il giorno seguente è stata rinvenuta dal figlio in stato di incoscienza. La signora Trovato è stata così trasportata all'ospedale di Ragusa, poi trasferita al Cannizzaro di Catania dove è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico. Infine è stata condotta al Garibaldi della stessa città: la vittima non aveva mai ripreso coscienza e l'11 maggio 2019 ne è stato dichiarato il decesso.

L'esame autoptico svolto sulla salma della donna ha permesso di stabilire che il trauma cranico, avvenuto in seguito all'aggressione, sia stato causato da una terapia antiaggregante alla quale l'anziana era sottoposta. Inoltre, le indagini hanno consentito di raccogliere diversi elementi che hanno delineato una ormai consolidata situazione di maltrattamenti nei confronti della signora che, per vergogna o timore, la stessa non aveva mai denunciato.‍[1][2] Di conseguenza nel mese di novembre Chessari è stato arrestato con l'accusa di omicidio preterintenzionale aggravato e condotto nel carcere di Ragusa.‍[3]

Dopo essere stato rinviato a giudizio in rito abbreviato, nel mese di settembre del 2020 si è chiuso il processo di primo grado a suo carico. L'imputato è stato ritenuto responsabile dell'omicidio volontario della madre e condannato a 8 anni di reclusione.‍[4][5]

Note

  1. ^ Anziana colpita dal figlio con pugni alla testa, 48enne confessa: "Ero chiuso fuori e lei non mi ha aperto". Newsicilia. Consultato il 9 novembre 2019.
  2. ^ Ragusa, ha ucciso la madre prendendola a pugni, arrestato Carmelo Chessari. Ragusa News. Consultato il 9 novembre 2019.
  3. ^ Muore dopo 20 giorni di coma una ragusana picchiata dal figlio 48enne, arrestato per omicidio. Corriere di Ragusa. Consultato il 10 novembre 2019.
  4. ^ Uccise la madre a pugni, ragusano condannato a sei anni e 8 mesi - Ragusa Oggi. Ragusa Oggi. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 settembre 2020.
  5. ^ Ragusa: uccise la madre a pugni, 49enne condannato a 6 anni e 8 mesi. Giornale di Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 settembre 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.