Visualizza menu Visualizza campo di ricerca
Visualizza menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia precedente

Il femminicidio di Luminita Brocan e Giuseppina Pantone a Cerignola

Vittime:
Luminita Brocan e Giuseppina Pantone
Killer:
Francesco Ciuffreda
Località:
Cerignola
Data:
13 novembre 2019
Una zona di campagna a Cerignola in provincia di Foggia
Una zona di campagna a Cerignola in provincia di Foggia (di Giovanni Zagaria licenza CC BY-SA 3.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+

Luminita Brocan, 55 anni, originaria della Romania, e Giuseppina Pantone, 65 anni, sono state uccise da Francesco Ciuffreda, 69 anni, la mattina del 13 novembre 2019 a Cerignola in provincia di Foggia.

Una zona di campagna a Cerignola in provincia di Foggia
Una zona di campagna a Cerignola in provincia di Foggia (di Giovanni Zagaria licenza CC BY-SA 3.0)

Il delitto è avvenuto nel cortile del casolare di proprietà dell'uomo situato nelle campagne della zona, in località Posta Aucello. Il sessentanovenne ha sparato con la sua pistola, regolarmente detenuta, verso la moglie Giuseppina. Luminita, che risiedeva in un alloggio del casolare e operava da custode, ha cercato di difendere la donna, ma Ciuffreda ha sparato anche a lei. La cinquantacinquenne non è riuscita a salvarsi, mentre la congiunta del malintenzionato è rimasta in vita, gravemente ferita. L'uomo, in seguito, ha puntato l'arma contro sé stesso e si è suicidato.‍[1]

Il marito di Luminita ha allertato i soccorsi e sul posto è giunto anche il figlio dell'omicida che ha trasportato la madre al pronto soccorso. La donna è stata poi trasferita all'ospedale di San Giovanni Rotondo.‍[2] Dalle indagini dei carabinieri non è emerso un chiaro movente che potesse spiegare il motivo del tragico gesto. Non risultavano pregressi, vecchie ruggini, né rancori tra le due coppie. Tuttavia, le condizioni psicofisiche dell'uomo sarebbero peggiorate negli ultimi tempi, probabilmente a causa di una malattia recentemente diagnosticata.‍[3]

Il 28 novembre, dopo circa due settimane di agonia, è deceduta anche la signora Giuseppina a causa delle gravi complicazioni subite durante la sparatoria.‍[4]

Note

  1. ^ Femminicidio Cerignola. La vita spezzata di Luminita, uccisa dal vicino di casa. Si prega per Giuseppina. l'Immediato. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 novembre 2019.
  2. ^ Cerignola, dopo lite uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si ammazza. La Gazzetta del Mezzogiorno. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 novembre 2019.
  3. ^ Giuseppina lotta tra la vita e la morte: le condizioni psicofisiche del marito erano peggiorate, giallo sul dramma di Cerignola. FoggiaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 novembre 2019.
  4. ^ Un nefasto 2019: morta Giuseppina, la donna di Cerignola sparata dal marito. Il decesso dopo due settimane di agonia. l'Immediato. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 novembre 2019.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.