Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Aliona Oleinic a Francavilla al Mare

Vittima:
Aliona Oleinic
Presunto killer:
Roland Bushi
Località:
Francavilla al Mare
Decesso:
Roma
Data:
18 ottobre 2019
Uno scorcio dall'alto di Francavilla al Mare in provincia di Chieti

Uno scorcio dall'alto di Francavilla al Mare in provincia di Chieti

Voce su Aliona Oleinic

Uno scorcio dall'alto di Francavilla al Mare in provincia di Chieti

Uno scorcio dall'alto di Francavilla al Mare in provincia di Chieti

Aliona Oleinic, 33 anni, originaria della Moldavia, era stata accoltellata da Roland Bushi, 27 anni, il 3 settembre 2019 nel cortile della sua abitazione a Francavilla al Mare in provincia di Chieti.‍‍[1] Dopo 45 giorni di agonia, passati prima all'ospedale di Chieti e poi al policlinico Agostino Gemelli di Roma, la donna perse la vita nella mattinata del 18 ottobre.‍‍[2]

Bushi aggredì la vittima sferrando circa 11 fendenti. I due si conobbero su Facebook e lui aveva cominciato a frequentarla da alcuni mesi nel night club dove lavorava. La mattina del 3 settembre il giovane si presentò a casa della donna per avere un chiarimento ma, alla notizia dell'ennesimo rifiuto, scavalcò la recinzione, estrasse un coltello e iniziò a colpirla.

Il ventisettenne di origini albanesi, dopo aver atteso l'arrivo dei Carabinieri, fu arrestato. Il 5 settembre, nell'interrogatorio di garanzia davanti al giudice per le indagini preliminari, il ventisettenne confessò di aver aggredito la vittima specificando però di non averlo fatto con l'intenzione di ucciderla. Il giudice confermò la custodia cautelare in carcere con l'accusa di tentato omicidio.

Aliona Oleinic aveva subito gravi lesioni al fegato e ad un polmone.‍‍[3] All'ospedale di Chieti fu sottoposta a due interventi chirurgici, ma il quadro clinico si aggravò al punto da rendere necessario il trasferimento al policlinico Gemelli di Roma dove furono effettuati altri quattro interventi. Purtroppo le condizioni non migliorarono e, all'inizio di ottobre, la trentatreenne andò in coma.‍‍[4] Dopo la morte, l'accusa nei confronti di Bushi fu modificata in omicidio volontario.‍‍[5] L'autopsia stabilì il decesso per "insufficienza multiorgano".‍‍[6]

Uno scorcio del policlinico Agostino Gemelli di Roma dove Aliona Oleinic è stata ricoverata

Uno scorcio del policlinico Agostino Gemelli di Roma dove Aliona Oleinic è stata ricoverata (di Sergio D'Afflitto, licenza CC BY-SA 3.0)

Nel luglio del 2020 l'uomo fu rinviato a giudizio. La Procura contestò nei suoi confronti le aggravanti della premeditazione e dei motivi abietti e futili.‍‍[7] Nel corso del processo era emerso che Bushi, la sera precedente alla fatale aggressione, si recò a casa della trentatreenne e scoprì che lei sarebbe uscita con un giovane di Francavilla al Mare. Per questa ragione l'imputato affrontò lo stesso individuo e gli sferrò un pugno.

La mattina seguente, dopo una notte passata a consumare alcol e droga, tornò a casa della vittima dove finì per aggredirla con conseguenze fatali. Ascoltato in udienza dinanzi alla Corte, il ventisettenne ribadì di essere andato da lei con la sola intenzione di minacciarla, ma la discussione degenerò e lui sferrò le molteplici coltellate.

Il 23 marzo 2021 la Corte d'Assise di Chieti lo aveva condannato all'ergastolo, escludendo però l'aggravante della premeditazione.‍‍[8] Il 21 gennaio 2022 la Corte d'Appello de L'Aquila confermò la sentenza di primo grado.‍[9][10]

Note

  1. Francavilla, aggredisce una donna con 12 coltellate: il cane di lei lo assale e lo ferisce. Il Messaggero. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 ottobre 2019.
  2. Giovane accoltellata a Francavilla muore a Roma dopo 45 giorni. Rete8. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 ottobre 2019.
  3. Ragazza colpita da 11 coltellate dallo 'spasimante': "Raptus di gelosia, non volevo ucciderla". ChietiToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 ottobre 2019.
  4. Accoltellata 11 volte dallo spasimante, muore dopo 45 giorni di agonia. Il Messaggero. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 ottobre 2019.
  5. Accoltellata nel cortile di casa a Francavilla: non ce l'ha fatta Aliona Oleinic. ChietiToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 ottobre 2019.
  6. Morta dopo un mese dall'accoltellamento, eseguita autopsia sul corpo della 33enne Aliona Oleinic. AbruzzoLive. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 ottobre 2019.
  7. Omicidio Oleinic: rinviato a giudizio l'albanese Roland Bushi. Rete8. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 luglio 2020.
  8. Uccise donna a coltellate, manovale condannato all'ergastolo. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 marzo 2021.
  9. Francavilla: Accoltellò a morte donna, confermato ergastolo a muratore albanese. AbbuzzoWeb. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 gennaio 2022.
  10. Accoltellò a morte ballerina di night, confermato ergastolo per albanese. VeraTV. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 gennaio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.