Visualizza menu Visualizza campo di ricerca
Visualizza menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia precedente

Il femminicidio di Filomena Bruno a Orta Nova

Vittima:
Filomena Bruno
Killer:
Cristoforo Aghilar
Località:
Orta Nova
Data:
28 ottobre 2019
Foto di Orta Nova in provincia di Foggia
Foto di Orta Nova in provincia di Foggia (di Vincenzoxvivolo, licenza CC BY-SA 4.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Foto di Orta Nova in provincia di Foggia
Foto di Orta Nova in provincia di Foggia (di Vincenzoxvivolo, licenza CC BY-SA 4.0)

Filomena Bruno, 53 anni, è stata uccisa a coltellate nella sua abitazione di via Diaz a Orta Nova in provincia di Foggia il 28 ottobre 2019.‍[1]

La donna era stata minacciata due giorni prima dall'ex genero Cristoforo Aghilar, 36 anni, con una pistola in un bar della città. Costui, pregiudicato e condannato per reati contro il patrimonio, aveva una relazione con la figlia ventunenne della vittima. L'uomo era fuggito con la fidanzata in Germania il 29 settembre evadendo dagli arresti domiciliari a cui era sottoposto.‍[2] Trascorso un breve periodo di convivenza, la ragazza aveva voluto troncare il rapporto, tornando in Italia dalla famiglia in Puglia. A quel punto però il latitante avrebbe maturato una profonda ossessione verso l'ex compagna, tanto da ritornare in Italia per cercarla nonostante su di lui pendesse un mandato di cattura.

La sera del 26 ottobre il trentaseienne incontrò la madre della ex in un bar del paese e la minacciò con una pistola.‍[3] Dopo quell'episodio, la signora segnalò l'accaduto ai carabinieri che le avevano consigliato di lasciare casa e trasferirsi dalla madre. Tuttavia la Bruno nel pomeriggio del 28 ottobre era ritornata nella propria abitazione per recuperare alcuni effetti personali. Lì Aghilar ha avuto un nuovo confronto con lei e dalla discussione sarebbe scaturita una colluttazione nella quale il malintenzionato ha colpito la donna con diversi fendenti d'arma da taglio provocandone la morte.

Irreperibile nei momenti successivi al delitto, è stato nuovamente ricercato dalle forze dell'ordine, la cui attività di rintracciamento era stata intensificata.‍[4][5] È stato poi arrestato la sera successiva a Carapelle (Foggia), dopo essersi rifugiato a casa degli zii.‍[6] Due i provvedimenti di custodia cautelare in carcere eseguiti nei suoi confronti: il primo richiesto dalla Corte d'Appello dell'Aquila per evasione dagli arresti domiciliari, il secondo richiesto dalla procura di Foggia per omicidio volontario premeditato e porto d'arma illegale.‍[7] Nell'interrogatorio di fronte al giudice per le indagini preliminari, il trentaseienne ha confessato il delitto, ma il suo avvocato ha escluso la premeditazione sostenendo che l'uomo sia entrato nell'abitazione della signora senza essere armato e di aver trovato all'interno di essa un coltello col quale ha compiuto un gesto d'impeto.‍[8]

Il legale della famiglia Bruno invece ha sostenuto l'aggravante della premeditazione in seguito a un sopralluogo dei carabinieri nella casa in cui si è consumato il crimine. Durante i rilievi sarebbe emerso che Aghilar si era introdotto di nascosto nell'appartamento, appostandosi da diverso tempo, probabilmente dalla sera precedente, armato di coltello in attesa di sferrare l'agguato alla vittima. A sostegno di questa ipotesi ci sarebbe anche il ritrovamento dei suoi peli nel lavandino, dove il trentaseienne si sarebbe fatto la barba. Poi appena la signora Filomena ha varcato l'ingresso, è stata ragiunta da numerose coltellate, mentre la madre in sua compagnia sarebbe stata scaraventata a terra. La cinquantatreenne avrebbe provato a fuggire, sanguinante, recandosi fuori dell'abitazione, ma ha percorso pochi passi prima di accasciarsi a terra al sopraggiungere della morte.‍[9]

Note

  1. ^ Orta Nova, donna di 53 anni uccisa a coltellate: due giorni prima era stata minacciata dall'ex genero. Repubblica.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 ottobre 2019.
  2. ^ Femminicidio Orta Nova, la fuga in Germania poi il ritorno in paese. L'ossessione di Aghilar per l'ex fidanzata. l'Immediato. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 ottobre 2019.
  3. ^ Foggia, "Filomena uccisa per proteggere sua figlia": caccia all'ex genero, latitante da un mese. Le ricerche estese fuori dalla Puglia. Il Fatto Quotidiano. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 ottobre 2019.
  4. ^ Filomena, uccisa perché voleva proteggere sua figlia. Accoltellata davanti agli occhi dell'anziana madre. l'Immediato. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 ottobre 2019.
  5. ^ Femminicidio di Filomena Bruno a Orta Nova, caccia serrata al sospettato. Carabinieri sulle tracce di Aghilar. l'Immediato. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 ottobre 2019.
  6. ^ Femminicidio a Orta Nova, fermato l'ex genero di Filomena: era a cena dagli zii. Repubblica.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 ottobre 2019.
  7. ^ Donna accoltellata a Orta Nova, figlia tenta il suicidio: sta bene. La Gazzetta del Mezzogiorno. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 ottobre 2019.
  8. ^ "Aghilar in lacrime, è ancora scosso". Parla l'avvocato: "Non era armato, il coltello da sub era all'interno della casa". l'Immediato. Consultato il 30 ottobre 2019.
  9. ^ "Scena del delitto terrificante". Aghilar "era già in casa". Prima di morire Filomena si è diretta verso la statua della Madonna. FoggiaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 novembre 2019.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.