Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Agitu Ideo Gudeta a Frassilongo

Vittima:
Agitu Ideo Gudeta
Killer:
Adams Souleiman
Località:
Frassilongo
Data:
29 dicembre 2020
Uno scorcio di Frassilongo, comune della Valle dei Mocheni (o Valle del Fersina) in provincia di Trento
Uno scorcio di Frassilongo, comune della Valle dei Mocheni in provincia di Trento (di Teseo Massimo Telò, licenza CC BY-SA 3.0)

Agitu Ideo Gudeta, 42 anni, è stata trovata morta nel corso del pomeriggio del 29 dicembre 2020 nella camera da letto della sua abitazione in località Maso Villalta a Frassilongo, comune della Valle dei Mocheni in provincia di Trento.‍[1][2]

A rinvenire il corpo senza vita della vittima furono alcuni vicini di casa, allertati da un conoscente che si era preoccupato perché la donna non si recò a un appuntamento. Il cadavere presentava lesioni alla testa, riconducibili a una violenta aggressione, e aveva i pantaloni e la biancheria intima sfilati. Sin dal primo momento le indagini dei Carabinieri si indirizzarono sulla pista dell'omicidio.‍[3][4]

Uno scorcio di Frassilongo, comune della Valle dei Mocheni (o Valle del Fersina) in provincia di Trento
Uno scorcio di Frassilongo, comune della Valle dei Mocheni in provincia di Trento (di Teseo Massimo Telò, licenza CC BY-SA 3.0)

La signora Gudeta operava come imprenditrice e conduceva un'azienda agricola locale molto rinomata, "La Capra Felice", consistente nell'allevamento di capre autoctone su un vasto campo della Valle del Fersina. La quarantaduenne era un volto conosciuto anche a livello nazionale, divenuta simbolo di integrazione per il suo attivismo di cui si erano occupati anche diversi giornali e trasmissioni televisive.

Nacque nel 1978 ad Addis Abeba, capitale dell'Etiopia. Aveva studiato sociologia all'Università di Trento, prima di tornare nel suo paese d'origine. Nel 2010, in seguito alle minacce e al mandato d'arresto emesso da parte del governo etiope per la sua attività di contrasto al "land grabbing", l'accaparramento dei terreni a favore delle multinazionali, la donna si trasferì nuovamente in Italia come rifugiata. Così in Trentino diede vita alla sua azienda agricola.‍[5][6]

Nel 2018 Agitu fu destinataria di minacce e subì un'aggressione a sfondo razziale. Nel gennaio del 2019 il presunto autore della violenza venne condannato a 9 mesi di reclusione per lesioni dal Tribunale di Trento, mentre l'accusa di stalking finalizzato alla discriminazione razziale fu esclusa dalla sentenza, contrariamente a quanto sostenuto dal magistrato.

Foto della Piazza di Santa Maggiore a Trento dove Agitu Gudeta partecipava al mercato cittadino per vendere i prodotti della sua azienda derivanti dal latte delle capre mochene
Foto della Piazza di Santa Maggiore a Trento dove Agitu Gudeta partecipava al mercato cittadino per vendere i prodotti della sua azienda derivanti dal latte delle capre mochene (di Sailko, licenza CC BY 3.0)

Nella serata del 29 dicembre 2020, poche ore dopo la scoperta del delitto, i Carabinieri fermarono un sospettato: Adams Souleiman, 32 anni, originario del Ghana, dipendente dell'azienda della vittima e addetto al pascolo delle capre. Nell'interrogatorio avvenuto durante la notte, l'uomo confessò l'omicidio.‍[7]

Secondo le ricostruzioni e la testimonianza resa dinanzi ai Carabinieri, l'indiziato aveva colpito la donna con un martello. Il trentaduenne avrebbe raccontato di aver agito per motivi economici: fra lui e la vittima sarebbe sorto un diverbio a causa di uno stipendio arretrato e non corrisposto dalla datrice di lavoro. Il delitto sarebbe stato compiuto nel corso delle prime ore del mattino, dopodiché l'operaio gettò l'arma bianca, ritrovata dagli investigatori nella cantina dell'abitazione, e si andò a nascondere nella stalla del maso.‍[8][9]

Souleiman fu arrestato e condotto in carcere.‍[10] Il 2 gennaio 2021, nell'interrogatorio di garanzia, il ghanese si avvalse della facoltà di non rispondere. Nei suoi confronti il giudice per le indagini preliminari convalidò la misura di custodia cautelare.‍[11] L'esame autoptico stabilì la causa del decesso in un grave trauma cranico prodotto dai molteplici colpi assestati con un oggetto contundente che provocarono una vasta ferita e complesse fratture alla testa.

La quarantunenne presentava anche ecchimosi e abrasioni che indicavano un suo vano tentativo di difesa durante l'aggressione. La donna crollò a terra e sarebbe rimasta agonizzante per alcuni minuti, prima di perdere definitivamente la vita. Diversi organi di stampa, nelle ore successive all'accaduto, diffusero l'indiscrezione che il reo confesso avrebbe anche compiuto una violenza sessuale sulla vittima dopo averla colpita a martellate. Tale circostanza tuttavia è stata esclusa dall'autopsia.‍[12][13]

Note

  1. Morte di Agitu Giudeta, la nota della Procura della Repubblica. www.ladigetto.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 dicembre 2020.
  2. Trento, trovata morta Agitu Gudeta, simbolo di integrazione. Si indaga per omicidio. Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 dicembre 2020.
  3. Agitu uccisa con dei colpi di martello, l'amica: ''Non riesco a crederci, ci eravamo da poco sentite al telefono''. Sospetti su una persona. il Dolomiti. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 dicembre 2020.
  4. Morte di Agitu Gudeta: la dinamica, l'arma del delitto, la scena del crimine, l'assassino nascosto nella stalla. Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 dicembre 2020.
  5. La forza di Agitu Ideo Gudeta, "coraggiosa in ogni passaggio della sua vita". L'HuffPost. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 dicembre 2020.
  6. Agitu Ideo Gudeta, simbolo di autonomia e libertà femminile. Montagna.TV. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 dicembre 2020.
  7. Uccisa da un suo collaboratore: arrestato l'omicida di Agitu Gudeta. Alto Adige. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 dicembre 2020.
  8. Agitu, la verità dall'autopsia. Suleiman in cella: "Voglio morire", dalla confessione particolari efferati. l'Adige.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 dicembre 2020.
  9. Omicidio di Agitu: l'assassino ha tentato di violentarla mentre era a terra agonizzante. Trentino. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 dicembre 2020.
  10. Uccisa e violentata Agitu Gudeta, la donna etiope simbolo dell'integrazione. Confessa un dipendente. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 dicembre 2020.
  11. Omicidio di Agitu, Suleiman interrogato, non risponde al magistrato: "Nel panico, perché in cella con altri". l'Adige.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 gennaio 2021.
  12. L'esito dell'autopsia: Ideo Gudeta Agitu, lotta disperata per parare i colpi. l'Adige.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 aprile 2021.
  13. Omicidio Agitu, "Sul corpo nessuna violenza sessuale". L'autopsia: ha cercato di difendersi dall'aggressione. il Dolimiti. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 aprile 2021.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.