Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Jessica Novaro a Vellego di Casanova Lerrone

Vittima:
Jessica Novaro
Killer:
Corrado Testa
Località:
Vellego di Casanova Lerrone
Data:
6 dicembre 2020
La Chiesa della Santissima Annunziata di Bastia d'Albenga in provincia di Savona, dove sono stati celebrati i funerali di Jessica Novaro

La Chiesa della Santissima Annunziata di Bastia d'Albenga in provincia di Savona, dove sono stati celebrati i funerali di Jessica Novaro (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Voce su Jessica Novaro

Jessica Novaro, 29 anni, è stata uccisa nel tardo pomeriggio del 6 dicembre 2020 a Vellego, frazione di Casanova Lerrone in provincia di Savona. La vittima era impiegata come commessa in un supermercato della zona.

Uno scorcio panoramico dall'alto di Vellego, frazione di Casanova Lerrone in provincia di Savona

Uno scorcio panoramico dall'alto di Vellego, frazione di Casanova Lerrone in provincia di Savona (di Davide Papalini, licenza CC BY-SA 3.0)

A compiere l'omicidio era stato Corrado Testa, agricoltore di 57 anni ed ex compagno della madre della vittima.‍‍[1]‍‍[2] L'episodio avvenne in un'abitazione della zona, nella quale l'uomo e l'ex compagna, Maria Donzella, ebbero un incontro. Fra di loro sarebbe scoppiato un litigio al quale aveva assistito anche la figlia della donna, che si era frapposta tra i due nel tentativo di sedare gli animi. Il cinquantasettenne però estrasse una pistola e sparò.

Secondo le ipotesi iniziali, la giovane aveva cercato di difendere la madre, ma sarebbe stata colpita da un proiettile partito involontariamente. Tuttavia, secondo le successive ricostruzioni, lo sparo sarebbe stato intenzionalmente indirizzato verso la ventinovenne. Il colpo aveva provocato una lesione agli organi interni e una fatale emorragia.‍‍[3]‍‍[4]

Jessica, gravemente ferita al torace, si allontanò dall'abitazione. Seguita dalla coppia, aveva raggiunto la strada, percorrendo circa un centinaio di metri fino a raggiungere la piazza del borgo. Mamma e figlia gridarono aiuto per allertare i vicini e i passanti affinché chiamassero i soccorsi ma, nonostante il successivo intervento dei sanitari sul posto, non ci fu nulla da fare. La giovane si accasciò al suolo e perse la vita sotto gli occhi della madre disperata.‍‍[5]

La Chiesa della Santissima Annunziata di Bastia d'Albenga in provincia di Savona, dove sono stati celebrati i funerali di Jessica Novaro

La Chiesa della Santissima Annunziata di Bastia d'Albenga in provincia di Savona, dove sono stati celebrati i funerali di Jessica Novaro (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Nel frattempo il cinquantasettenne nelle vicinanze, ancora armato, impugnò la pistola ed esplose un proiettile contro sé stesso, suicidandosi. L'arma da fuoco in suo possesso risultava illegalmente detenuta.‍‍[6]

L'uomo in passato era stato sposato con una donna di 43 anni, Daniela Giordani, dalla quale aveva avuto un figlio. La signora Giordani era morta nel 2011 per un incidente nei campi dove lavorava insieme al marito. Negli anni successivi l'agricoltore aveva iniziato una nuova relazione con Maria Donzella.

I due però, nell'autunno del 2020, si lasciarono. Jessica sapeva che fra la madre e l'ex compagno i rapporti erano tesi. Secondo le testimonianze dei conoscenti, l'uomo avrebbe più volte minacciato l'ex compagna nonostante non fossero mai state presentate denunce di maltrattamenti.

Diverse sarebbero state le scenate di gelosia messe in atto dal cinquantasettenne, soprattutto dopo la rottura, non essendosi rassegnato alla decisione della donna di terminare quella relazione. Per questi motivi la ventinovenne aveva voluto assistere all'ultimo incontro fra la madre e Testa, ma ebbe la peggio nel tentativo di interrompere l'ennesimo litigio.‍‍[7]‍‍[8]

Le indagini della Procura avevano anche valutato l'ipotesi che l'omicida avesse premeditato il delitto, dato che l'uomo si era recato armato all'incontro. Secondo altre valutazioni, il cinquantasettenne riteneva la giovane Jessica la principale causa della fine della relazione con la madre Maria.‍‍[9]

Note

  1. Liguria, femminicidio nell'entroterra di Albenga, 29 enne muore per salvare la madre. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 dicembre 2020.
  2. Casanova Lerrone: una vallata in lacrime per la morte di Jessica, uccisa dal compagno della madre. Savonanews.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 dicembre 2020.
  3. Omicidio-suicidio di Vellego: primi risultati dell'autopsia. La Stampa. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 dicembre 2020.
  4. Omicidio suicidio di Vellego, Jessica Novaro uccisa da un solo colpo: sabato i funerali. IVG.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 dicembre 2020.
  5. Ancora troppi femminicidi, Jessica l'ultima di una lunga lista. Primocanale.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 dicembre 2020.
  6. Omicidio a Casanova Lerrone, Corrado Testa possedeva 5 fucili e una pistola, quest'ultima detenuta illegalmente. Riviera Press. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 dicembre 2020.
  7. Omicidio suicidio di Vellego, un colpo volontario al petto di Jessica. È giallo sull'arma. IVG.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 dicembre 2020.
  8. Muore per difendere la madre, omicidio-suicidio a Casanova Lerrone. Primocanale.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 dicembre 2020.
  9. Omicidio suicidio di Vellego, disposta l'autopsia: gelosia e dissapori all'origine della tragedia. IVG.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 dicembre 2020.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.