Il femminicidio di Concetta Di Pasquale a Mascali

Vittima:
Concetta Di Pasquale
Presunto killer:
Salvatore Plumari
Località:
Mascali
Decesso:
Catania
Data:
5 gennaio 2020
Foto del Duomo di Mascali in provincia di Catania
Foto del Duomo di Mascali in provincia di Catania (di Alqasar, licenza CC BY-SA 3.0)
Foto del Duomo di Mascali in provincia di Catania
Foto del Duomo di Mascali in provincia di Catania (di Alqasar, licenza CC BY-SA 3.0)

Concetta Di Pasquale, 79 anni, è stata aggredita a colpi di bastonate dal marito Salvatore Plumari, 90 anni, la notte del 3 gennaio 2020 al culmine di una violenta lite scoppiata nella loro abitazione di Mascali in provincia di Catania. La donna, in conseguenza delle gravi ferite subite durante l'aggressione, è stata trasportata al Policlinico Vittonio Emanuele di Catania dove la mattina del 5 gennaio, in ricovero dopo due giorni di agonia, ha perso la vita.

Il novantenne era stato arrestato e condotto inizialmente in carcere con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate, ma successivamente è stato affidato a una struttura riabilitativa. In seguito al decesso della moglie, gli è stata anche contestata l'accusa di omicidio. Entrambi i coniugi erano originari di Regalbuto in provincia di Enna.‍‍[1]‍‍[2]

Il litigio sarebbe avvenuto per futili motivi: la settantanovenne lo avrebbe rimproverato di non aver portato gli alberelli di limone nel giardino della casa, dunque lui, in risposta, ha afferrato un bastone e l'ha colpita ripetutamente. Prima di morire, la donna ha confessato ai carabinieri di subire maltrattamenti da 50 anni e di non aver mai denunciato il marito.‍‍[3]

Note

  1. Orrore a Mascali: 90enne uccide la moglie a bastonate. Gazzettino online. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 gennaio 2020.
  2. Omicidio a Catania, novantenne uccide la moglie a bastonate. Giornale di Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 gennaio 2020.
  3. Mascali, il 92enne killer che ha ucciso a bastonate la moglie per un rimprovero. La Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 gennaio 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.