Il femminicidio di Deborah Saltori a Cortesano di Trento

Vittima:
Deborah Saltori
Presunto killer:
Lorenzo Cattoni
Località:
Cortesano di Trento
Data:
22 febbraio 2021
Foto della Chiesa dell'Immacolata a Vigo Meano, frazione di Trento, dove sono stati celebrati i funerali di Deborah Saltori
Foto della Chiesa dell'Immacolata a Vigo Meano, frazione di Trento, dove sono stati celebrati i funerali di Deborah Saltori (di Andrea Syrio, licenza CC BY-SA 4.0)
Uno scorcio dall'alto di Cortesano, frazione della città di Trento
Uno scorcio dall'alto di Cortesano, frazione della città di Trento (di Andrea Syrio, licenza CC BY-SA 4.0)

Deborah Saltori, 42 anni, è stata uccisa il 22 febbraio 2021 in località Maso Saracini a Cortesano, frazione della città di Trento.‍‍[1]‍‍[2]

La vittima era stata colpita con un'accetta dall'ex marito Lorenzo Cattoni, 39 anni, in una zona di campagna dove lui stava lavorando. Ad allertare i soccorsi sarebbe stato un passante che, durante il pomeriggio, aveva notato i corpi esanimi dei due ex coniugi, riversi al suolo.

L'uomo aveva prima colpito a morte la quarantaduenne, poi avrebbe tentato di suicidarsi usando la stessa arma da taglio contro sé stesso. I soccorsi giunti sul posto non poterono fare nulla per rianimare la vittima, ormai deceduta a causa delle profonde ferite inferte all'altezza della carotide. Cattoni invece, agonizzante, era stato trasportato e ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Santa Chiara di Trento.

Il trentanovenne era già stato ammonito due volte dal questore della città per violenza domestica, perpetrata anche ai danni di un'altra precedente compagna. Dal dicembre del 2020 era sottoposto agli arresti domiciliari a casa dei genitori nel comune di Terre d'Adige (Trento) perché, nel corso degli ultimi anni, era ricorso più volte a violenze fisiche e psicologiche nei confronti della vittima.

Foto della Chiesa dell'Immacolata a Vigo Meano, frazione di Trento, dove sono stati celebrati i funerali di Deborah Saltori
Foto della Chiesa dell'Immacolata a Vigo Meano, frazione di Trento, dove sono stati celebrati i funerali di Deborah Saltori (di Andrea Syrio, licenza CC BY-SA 4.0)

Nonostante la misura restrittiva in vigore a suo carico con l'accusa di maltrattamenti in famiglia, al trentanovenne imprenditore agricolo era stato concesso di potersi recare a lavorare nell'appezzamento di terra dove è avvenuto l'omicidio, a poca distanza dall'abitazione dell'ex compagna. Secondo le ricostruzioni, l'uomo avrebbe attirato la quarantaduenne sul posto con un pretesto, inviandole un messaggio che la invitava a raggiungerlo per farsi consegnare l'assegno di mantenimento. Tra i due era in corso una causa di separazione.‍[3]‍‍[4]

La donna, residente nella frazione di Vigo Meano,‍‍[5] era madre di quattro figli di 17, 16, 14 e 4 anni: i primi tre avuti da una precedente relazione, l'ultimo con Cattoni. Nel novembre del 2020 la signora Saltori si era recata al pronto soccorso con una frattura composta dell'orbita sinistra. In quell'occasione non volle rivelare ai medici l'autore della lesione, ma dopo l'arrivo dei poliziotti in ospedale lei cominciò a parlare. Così il suo racconto si trasformò in una denuncia mai sporta prima per paura di ritorsioni. Secondo le testimonianze, gli episodi violenti erano iniziati nel 2016, anche durante la gravidanza, per poi continuare nel corso degli anni successivi.‍‍[6]

L'uomo fu accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà e dal vincolo coniugale.‍‍[7]‍‍[8] Confessò davanti ai giudici di aver commesso il delitto senza un motivo, precisando di aver discusso con l'ex compagna senza litigare. Poi l'aveva colpita alle spalle con un'accetta presente sul posto.‍[9][10] L'autopsia effettuata sulla salma della vittima avrebbe rilevato due lesioni d'arma da taglio, una al cranio e l'altra alla carotide, fatali per la quarantaduenne.‍‍[11]

Note

  1. Terribile femminicidio a Cortesano, Saltori uccisa a colpi di accetta dall'ex marito. Era madre di 4 figli. il Dolomiti. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 febbraio 2021.
  2. Uccide l'ex moglie a Trento: l'omicida era agli arresti domiciliari e aveva ricevuto due ammonizioni per violenza domestica. Alto Adige. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 febbraio 2021.
  3. Debora Saltori attirata nella trappola mortale: "Ho l'assegno per te ma devi venire a prenderlo". La voce del Trentino. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 febbraio 2021.
  4. Deborah attirata in campagna con la promessa di un assegno per il figlio. Si pensa a un omicidio premeditato, Lorenzo Cattoni è sempre grave in rianimazione. l'Adige.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 febbraio 2021.
  5. Femminicidio Trento: tantissimi alla fiaccolata per Deborah. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 febbraio 2021.
  6. Omicidio Trento, Deborah Saltori uccisa a colpi d'accetta. L'sms-trappola del marito: "Ho l'assegno". Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 febbraio 2021.
  7. Premeditazione e crudeltà: Deborah uccisa con diversi colpi di accetta. TrentoToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 febbraio 2021.
  8. Femminicidio di Cortesano: per Lorenzo Cattoni le accuse sono da ergastolo. l'Adige.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 febbraio 2021.
  9. Le parole dell'ex marito: "Nessun litigio, ho ucciso Deborah ma non so perché". l'Adige.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 giugno 2021.
  10. La lettera dell'ex marito di Deborah Saltori: "Chiedo scusa a tutti, non so perché l'ho fatto". l'Adige.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 giugno 2021.
  11. L'autopsia conferma: Deborah Saltori uccisa da due colpi alla testa. l'Adige.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 marzo 2021.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.