Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Tunde Blessing a Mazzo di Rho

Vittima:
Tunde Blessing
Presunto killer:
George Kyeremeh
Località:
Mazzo di Rho
Data:
12 maggio 2021
Uno scorcio di Piazza San Vittore a Rho (Milano) con la Basilica omonima sullo sfondo

Uno scorcio di Piazza San Vittore a Rho con la Basilica omonima sullo sfondo (di Kaosrimo, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Tunde Blessing

Uno scorcio di Piazza San Vittore a Rho (Milano) con la Basilica omonima sullo sfondo

Uno scorcio di Piazza San Vittore a Rho con la Basilica omonima sullo sfondo (di Kaosrimo, licenza CC BY-SA 3.0)

Tunde Blessing, 25 anni, era una ragazza originaria della Nigeria trovata morta nel pomeriggio del 12 maggio 2021 lungo i campi di Mazzo, frazione del comune di Rho in provincia di Milano.‍[1]

Il corpo senza vita si presentava in stato avanzato di decomposizione. La scomparsa della vittima era stata denunciata il precedente 7 maggio, ma una coinquilina con la quale viveva in un appartamento a Novara aveva riferito di non aver avuto più notizie di lei dal 3 maggio. Secondo l'esame autoptico il decesso era avvenuto diversi giorni prima del ritrovamento, causato da asfissia per strangolamento con l'ausilio di un nastro.‍[2] La giovane era incinta e si prostituiva nella zona dove era stato rinvenuto il cadavere.

I sospetti degli investigatori si erano concentrati sull'ex compagno della vittima, George Kyeremeh, 35 anni, originario del Ghana e operaio presso un'impresa di pulizie del quartiere Primaticcio di Milano. Ascoltato dai Carabinieri pochi giorni dopo il ritrovamento, aveva ammesso che fra lui e la ragazza c'era stata una relazione durata circa un anno, raccontando che il padre di lei non voleva che la figlia frequentasse un ghanese e i due si erano infine lasciati. Il bambino che la giovane portava in grembo sarebbe stato suo.

Il trentacinquenne non aveva raccontato nulla sulla morte dell'ex compagna, sostenendo di non essere a Rho il 3 maggio, giorno in cui la vittima era stata uccisa secondo le risultanze delle indagini. Tuttavia il successivo 11 giugno nei confronti dell'uomo è stata eseguita un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, accusato dell'omicidio della venticinquenne. Una telecamera di videosorveglianza a Mazzo lo aveva ripreso proprio nel corso del pomeriggio del 3 maggio, mentre era in compagnia della giovane nei pressi del luogo del delitto. Dopo l'omicidio, si sarebbe impossessato dei soldi e del telefono della ragazza, portandoli via con sé.‍[3][4]

In passato Blessing avrebbe confidato a un'amica dei frequenti litigi con il compagno e del presagio che lui potesse farle del male. Sarebbe stata lei a interrompere la relazione il precedente 12 aprile, ma l'uomo non si sarebbe rassegnato a quella decisione. Nell'ordinanza di custodia cautelare, il giudice per le indagini preliminari ha sottolineato che l'indagato era caratterizzato da un ossessivo controllo, insofferenza e mancata accettazione di qualsivoglia forma di autodeterminazione della persona a sé legate sentimentalmente.‍[5]

Note

  1. Tunde, la ragazza trovata morta in strada con le trecce strette attorno al collo. MilanoToday. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2021.
  2. Blessing Tunde è morta per asfissia: si rafforza la pista dell'omicidio. ilgiorno.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2021.
  3. Nigeriana uccisa nel Milanese, arrestato l'ex fidanzato. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2021.
  4. Il giallo di Blessing, strangolata e uccisa a Rho: arrestato l'ex fidanzato. ilgiorno.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2021.
  5. Arrestato l'ex fidanzato di Blessing, la giovane strangolata in strada nel Milanese. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2021.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.