Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Maria Carmina Fontana ad Altopascio

Vittima:
Maria Carmina Fontana
Killer:
Luigi Fontana
Località:
Altopascio
Data:
28 maggio 2021
La Chiesa di Santa Maria Assunta a Castelfranco Emilia in provincia di Modena dove sono stati celebrati i funerali della signora Maria Carmela

La Chiesa di Santa Maria Assunta a Castelfranco Emilia (Modena) dove sono stati celebrati i funerali della signora Maria Carmela (di Sailko, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Maria Carmina Fontana

Uno scorcio della Chiesa di San Jacopo Maggiore ad Altopascio, comune della provincia di Lucca

Uno scorcio della Chiesa di San Jacopo Maggiore ad Altopascio (di Davide Papalini, licenza CC BY-SA 3.0)

Maria Carmina Fontana, 50 anni, conosciuta come Carmela, è stata uccisa nel corso del pomeriggio di venerdì 28 maggio 2021 all'interno dell'abitazione in cui risiedeva ad Altopascio, comune della provincia di Lucca.‍[1][2]

A commettere il delitto era stato il marito di 54 anni, Luigi Fontana, operaio impiegato nel settore dell'edilizia. La donna, casalinga ed ex cameriera (prima in un ristorante a Castelfranco Emilia, poi a Galleno), fu aggredita a coltellate.

Dopo aver sferrato numerosi fendenti alla vittima, l'uomo si recò fuori dall'abitazione e avvertì i vicini che, in seguito, allertarono i soccorsi. Sul posto giunse il personale sanitario che provò a rianimare la donna, riversa esanime sul pavimento del soggiorno. Per lei purtroppo non si poté fare altro che constatare il decesso.

Fontana fu sottoposto a fermo dai Carabinieri con l'accusa di omicidio volontario. Il cinquantaquattrenne venne condotto in caserma per essere interrogato dai militari, ma poco prima del colloquio ebbe un malore. Fu trasferito nel reparto psichiatrico dell'ospedale San Luca di Lucca.‍[3]

I due coniugi erano originari di Casapesenna (Caserta). Lui nato a San Cipriano d'Aversa (Caserta), lei molto conosciuta a Villaricca (Napoli).‍[4] Insieme si erano trasferiti ad Altopascio in Toscana. Il matrimonio era stato celebrato circa trent'anni prima. La coppia aveva due figli, una ragazza e un ragazzo. La giovane era convivente nell'abitazione, ma non presente in casa al momento del delitto. Presenti sul posto, invece, due nipotine della coppia, figlie della figlia, che però non avrebbero assistito al drammatico episodio.‍[5]

Secondo le ricostruzioni, l'uomo avrebbe commesso la fatale aggressione perché temeva un tradimento da parte della moglie. I parenti avevano compreso la gravità della situazione e cercarono di convincere il cinquantaquattrenne a lasciare la casa, lui però rifiutò. Per questi motivi, secondo alcune testimonianze, la donna sarebbe stata intenzionata ad allontanarsi dall'abitazione per trovare temporaneamente un'altra sistemazione.‍[6][7] Tuttavia tale ipotesi fu in seguito smentita poiché la donna era intestataria dell'immobile e non avrebbe accettato di abbandonare la residenza.‍[8]

Il successivo 31 maggio Luigi Fontana confessò le proprie responsabilità, davanti al giudice per le indagini preliminari, nel corso dell'interrogatorio di garanzia eseguito all'interno del reparto di psichiatria dell'ospedale dove si trovava ricoverato. L'operaio riferì di aver aggredito la moglie al culmine di un litigio, cominciando a colpirla con un coltello. L'arma da taglio a un certo punto si era spezzata, ma lui continuò a infierire sul corpo della donna impugnando una seconda lama per sferrare ulteriori fendenti.‍[9][10]

Nei confronti del cinquantaquattrenne fu convalidata la custodia cautelare in carcere. L'esame autoptico stabilì il decesso della vittima per una grave emorragia causata da oltre dieci coltellate inferte in varie parti del corpo, in particolare al tronco, all'addome e alla schiena, mentre lei aveva provato, invano, a difendersi.‍[11][12] Nell'autunno dello stesso anno la Procura aveva chiuso le indagini.‍[13] Il reo confesso fu rinviato a giudizio dinanzi alla Corte d'Assise di Lucca.

In un'udienza del marzo 2022 fu chiamata a testimoniare un'ex compagna dell'uomo. Costei raccontò che lei e l'imputato avevano avuto una relazione dalla metà del 1989 alla fine del 1990, periodo durante il quale i due avevano anche convissuto insieme nel Bolognese. La donna descrisse Fontana come un uomo violento, brutale e geloso, tanto da picchiarla in casa e pedinarla quando usciva. In un episodio, in particolare, lui la percosse fino a romperle un timpano e procurarle una lesione permanente all'orecchio sinistro.

La Chiesa di Santa Maria Assunta a Castelfranco Emilia in provincia di Modena dove sono stati celebrati i funerali della signora Maria Carmela

La Chiesa di Santa Maria Assunta a Castelfranco Emilia (Modena) dove sono stati celebrati i funerali della signora Maria Carmela (di Sailko, licenza CC BY-SA 3.0)

La teste rimase anche incinta di Fontana e, allo stesso tempo, venne a sapere che lui si era fidanzato con un'altra ragazza, l'allora giovane Carmela. L'uomo andò su tutte le furie e la costrinse ad abortire, poi si lasciarono definitivamente. La donna all'epoca non ebbe il coraggio di denunciarlo, ma quando seppe dell'omicidio avvenuto ad Altopascio in cui era coinvolto l'ex compagno, si recò dai Carabinieri per raccontare la sua storia.‍[14]

La consulente psichiatrica di parte civile, chiamata a processo per analizzare lo stato dell'imputato in base agli atti, ritenne Fontana capace di intendere e di volere nel momento del delitto.‍[15] Di diverso avviso invece il perito nominato dalla difesa secondo cui l'uomo, avendo scoperto di essere stato tradito dalla moglie, sarebbe caduto in uno stato di profonda depressione e disperazione che lo resero sostanzialmente incapace di intendere, ma soprattutto di volere nel momento della fatale azione omicida.‍[16]

La Corte d'Assise di Lucca però rigettò la richiesta della difesa di accogliere la perizia, ritenendo sufficiente quella già prodotta dalla Procura nel corso delle indagini. Il 25 maggio 2022 Fontana venne condannato in primo grado all'ergastolo.‍[17][18]

Note

  1. Donna uccisa in Lucchesia, fermato il marito dai Carabinieri. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 maggio 2021.
  2. Altopascio, uccide la moglie a coltellate: arrestato. "Aveva le mani insanguinate". lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 maggio 2021.
  3. Lucca, donna uccisa: il marito l'ha colpita con dieci coltellate. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 maggio 2021.
  4. Uccide la moglie per gelosia. "Aveva scoperto il tradimento". CasertaNews. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 maggio 2021.
  5. Uccide la moglie a coltellate in casa mentre le nipotine giocano in giardino: arrestato. Luccaindiretta. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 maggio 2021.
  6. Uccisa dal marito per gelosia. Raffica di coltellate e poi la fuga. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 maggio 2021.
  7. "Lunedì faccio le valigie e me ne vado". Uccisa con una lama di 20 centimetri. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 maggio 2021.
  8. Fontana sorvegliato in carcere dopo l'omicidio della moglie: si teme il suicidio. CasertaNews. Archiviato dall'originale. Consultato il 4 giugno 2021.
  9. Ha ucciso la moglie usando due coltelli. Il Tirreno. Archiviato dall'originale. Consultato il 4 giugno 2021.
  10. Uccisa dal marito, l'addio a Castelfranco: "Carmela era una donna meravigliosa". Gazzetta di Modena. Archiviato dall'originale. Consultato il 4 giugno 2021.
  11. Il marito confessa al magistrato: per ora resta ricoverato in psichiatria. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 1º giugno 2021.
  12. Femminicidio ad Altopascio, il marito confessa di aver ucciso Maria Carmina. NoiTV. Archiviato dall'originale. Consultato il 1º giugno 2021.
  13. Femminicidio, indagine chiusa chiesto il giudizio immediato. Il Tirreno. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 dicembre 2021.
  14. Femminicidio di Altopascio, spunta un'ex convivente del muratore: "Mi ha fatto abortire e rotto un timpano". Il Tirreno. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 marzo 2022.
  15. "L'ha uccisa sapendo quello che faceva". lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 29 aprile 2022.
  16. "Quando la uccise non era in grado di volere". lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 maggio 2022.
  17. Uccise la moglie a coltellate: condannato all'ergastolo. Luccaindiretta. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 maggio 2022.
  18. Ergastolo al marito per l'omicidio della moglie in Lucchesia. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 maggio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.