Il femminicidio di Yana Malayko a Castiglione delle Stiviere

Vittima:
Yana Malayko
Presunto killer:
Dumitru Stratan
Località:
Castiglione delle Stiviere
Ritrovamento:
Lonato del Garda
Data:
1 febbraio 2023
La Chiesa di San Defendente a Romano di Lombardia, in provincia di Brescia, dove sono stati celebrati i funerali di Yana Malayko

La Chiesa di San Defendente a Romano di Lombardia, in provincia di Brescia, dove sono stati celebrati i funerali di Yana Malayko (di Carlo Dell'Orto, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Yana Malayko

Uno scorcio della Basilica di San Luigi Gonzaga a Castiglione delle Stiviere in provincia di Mantova

Uno scorcio della Basilica di San Luigi Gonzaga a Castiglione delle Stiviere in provincia di Mantova (di Massimo Telò, licenza CC BY-SA 3.0)

Yana Malayko (Яни Малайко) era una ragazza di 23 anni, originaria dell'Ucraina e residente a Castiglione delle Stiviere in provincia di Mantova, scomparsa nel corso della notte tra il 19 e il 20 gennaio 2023. Il suo corpo senza vita è stato trovato il successivo 1º febbraio nel territorio di Lonato del Garda in provincia di Brescia.‍[1][2]

La giovane, chiamata Bonnie dai conoscenti, era nata a Černivci in Ucraina ed era arrivata in Italia nel 2016. La sua famiglia viveva a Cercina, una frazione sparsa del comune di Sesto Fiorentino (Firenze). Lei si era trasferita insieme ai genitori a Romano di Lombardia (Bergamo). Aveva frequentato le scuole nella Bassa Bergamasca e a Seriate, poi aveva iniziato a lavorare come barista in alcuni locali della provincia. Negli ultimi tempi si era stabilita nel Mantovano, a Castiglione, dove lavorava in un locale gestito dalla sorella dell'ex compagno, Dumitru Stratan, 34 anni, originario della Moldavia e chiamato Dima dai conoscenti.‍[3]

Nella giornata del 22 gennaio lo stesso trentaquattrenne è stato sottoposto e fermo di indiziato di delitto da parte della Procura di Mantova, accusato di omicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere.‍[4][5] Secondo gli inquirenti, l'uomo avrebbe ucciso l'ex compagna per poi nascondere il cadavere.

La Chiesa di San Defendente a Romano di Lombardia, in provincia di Brescia, dove sono stati celebrati i funerali di Yana Malayko

La Chiesa di San Defendente a Romano di Lombardia, in provincia di Brescia, dove sono stati celebrati i funerali di Yana Malayko (di Carlo Dell'Orto, licenza CC BY-SA 4.0)

A denunciare la scomparsa della vittima era stata la sorella del sospettato che, preoccupata, non riusciva più a mettersi in contatto con lei da diverse ore. Secondo le ricostruzioni, Yana e Dima avevano convissuto per circa tre anni in un appartamento situato nel condominio sopra al bar dove era impiegata la ragazza. Poi la giovane aveva deciso di chiudere quella relazione e si era trovata un nuovo compagno. Nel frattempo si era trasferita nell'appartamento di Cristina, sorella di Dima, titolare del bar e sua datrice di lavoro. Il trentaquattrenne, tuttavia, non si rassegnava alla fine di quel rapporto, insistendo più volte per una riconciliazione che non era riuscito a ottenere. Saputo della nuova relazione della ragazza, avrebbe provato un profondo rancore e un desiderio di vendetta.

Cristina avrebbe riferito di aver cercato la sua coinquilina nel corso della notte e, in un locale dello stabile, avrebbe notato diverse tracce di sangue, presumibilmente appartenenti alla vittima.‍[6][7] Nello stesso luogo Yana e Dima avevano avuto un ultimo incontro: l'uomo con un pretesto l'aveva convinta a ricevere una sua visita, dicendole che il suo cane stava male. Dopodiché, nelle prime ore del mattino, Dumitru sarebbe stato filmato da una telecamera di videosorveglianza mentre, uscendo dal condominio, caricava un sacco nella propria auto. Per gli inquirenti, in quel sacco ci sarebbe stato il corpo senza vita della giovane.

Il trentaquattrenne si sarebbe poi recato in località Valle, frazione periferica di Castiglione, percorrendo più volte il tragitto tra casa e la zona di campagna di Valle. Nel frattempo sarebbe rimasto impantanato con la sua auto, chiedendo aiuto ad alcuni residenti del posto per rimettere in moto il veicolo. Facendo ritorno a casa, probabilmente accompagnato da qualcuno, avrebbe nuovamente raggiunto Valle utilizzando l'auto della vittima.

Proprio durante queste operazioni, lo stesso trentaquattrenne, avrebbe effettuato due telefonate, una ad un amico, l'altra alla sorella Cristina, ammettendo di aver fatto una "cavolata". In una seconda conversazione con la sorella, avrebbe rivelato: "L'ho uccisa come lei ha ucciso me". Di seguito la segnalazione ai Carabinieri da parte di Cristina. Il fermo dell'uomo è avvenuto nel pomeriggio, quando lo stesso si trovava a casa.‍[8][9]

Uno scorcio panoramico sulla Torre Medievale e la Cupola del Duomo di Lonato del Garda in provincia di Brescia

Uno scorcio panoramico sulla Torre Medievale e la Cupola del Duomo di Lonato del Garda in provincia di Brescia (su concessione di Depositphotos)

Interrogato dagli inquirenti, non ha collaborato e si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ma, proprio nelle ore precedenti, Stratan avrebbe occultato il cadavere dell'ex compagna.‍[10] Il 23 gennaio, al termine dell'interrogatorio di garanzia, nel corso del quale il trentaquattrenne si è nuovamente avvalso della facoltà di non rispondere, il giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo e disposto la permanenza in carcere dell'indiziato confermando le accuse di omicidio volontario e occultamento di cadavere.‍[7][11]

Le ricerche della giovane si sono protratte per diversi giorni, fino a terminare il successivo 1º febbraio, quando il cadavere è stato rinvenuto nelle campagne di Lonato del Garda, poco distante dal confine con Valle di Castiglione delle Stiviere.‍[1][2] Secondo i risultati dell'autopsia, la vittima sarebbe stata colpita più volte alla testa con un corpo contundente, presumibilmente una spranga di metallo. Probabilmente anche soffocata con un cuscino dopo essere stata pestata. La ventitreenne avrebbe provato strenuamente a difendersi nel corso dell'aggressione.‍[12][13]

Il corpo esanime sarebbe stato poi stipato e sigillato in una valigia, di seguito avvolto in un sacco nero. La giovane, però, sarebbe stata ancora viva nel momento in cui era stata posizionata all'interno del trolley, probabilmente in stato di semi-coscienza dopo essere stata aggredita a sprangate sul volto.‍[14][15]

Il successivo mese di marzo Stratan è stato nuovamente interrogato e, dinanzi agli inquirenti, ha confessato di aver cagionato la morte dell'ex compagna, negando tuttavia di aver agito intenzionalmente. In merito all'occultamento del cadavere, il trentaquattrenne ha riferito elementi frammentari, specificando in particolare di non ricordare esattamente quanto fosse accaduto.‍[16][17]

Nell'autunno del 2023 la Procura di Mantova ha chiuso le indagini, confermando a carico di Stratan l'accusa di omicidio volontario mediante percosse e soffocamento violento, con le aggravanti della premeditazione e dell'aver agito nei confronti della persona con cui aveva avuto una relazione affettiva. Contestato anche il reato di occultamento di cadavere al fine di assicurarsi l'impunità.‍[18]

Note

  1. a b Femminicidio a Castiglione, trovato sul confine con Lonato il corpo di Yana Malayko. Giornale di Brescia · Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2023.
  2. a b Yana Malayko, corpo ritrovato nelle campagne tra Castiglione e Lonato: le tappe del dramma. Bresciaoggi · Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2023.
  3. Romano, il papà di Yana al presunto assassino: "Vorrei incontrarlo per sapere dove è mia figlia". BergamoNews · Archiviato dall'originale. Consultato il 23 gennaio 2023.
  4. Uccisa la donna scomparsa a Castiglione, fermato l'ex fidanzato. Si cerca il corpo in un laghetto. Mantovauno.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 23 gennaio 2023.
  5. Castiglione delle Stiviere, fermato 33enne. "Ha ucciso l'ex fidanzata". Si cerca il corpo. Il Giorno · Archiviato dall'originale. Consultato il 23 gennaio 2023.
  6. Yana Malayko, la telefonata della sorella che ha fatto arrestare Dumitru: "Lei è sparita, c'è del sangue". Corriere.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 24 gennaio 2023.
  7. a b La lite con l'ex e il sangue in casa. Ma il corpo di Yana non si trova. Quotidiano Nazionale · Archiviato dall'originale. Consultato il 24 gennaio 2023.
  8. La delirante versione del killer: "Ho ucciso Yana come lei ha ucciso me". Quotidiano Nazionale · Archiviato dall'originale. Consultato il 26 gennaio 2023.
  9. Delitto Yana, a chiamare i Carabinieri è stata la sorella del presunto assassino. Gazzetta di Mantova · Archiviato dall'originale. Consultato il 23 gennaio 2023.
  10. Castiglione: il corpo di Yana ancora non si trova. L'ex fidanzato interrogato in carcere, ma non collabora. Mantovauno.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 23 gennaio 2023.
  11. Scomparsa di Yana Malayko, si indaga sui movimenti dell'ex compagno Dumitru: forse ha avuto un complice. Nella sua auto una vanga. la Repubblica · Archiviato dall'originale. Consultato il 25 gennaio 2023.
  12. Yana massacrata con colpi di spranga alla testa. Si è difesa fino all'ultimo. Mantovauno.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 5 febbraio 2023.
  13. Yana Malayko, l'autopsia rivela: sprangate in faccia e soffocata con un cuscino. Il Giorno · Archiviato dall'originale. Consultato il 5 febbraio 2023.
  14. Yana uccisa dal fidanzato, l'autopsia: "Quando è stata rinchiusa nel trolley era ancora viva". Leggo.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 7 febbraio 2023.
  15. Yana: autopsia, lesioni e asfissia meccanica violenta. ANSA · Archiviato dall'originale. Consultato il 7 febbraio 2023.
  16. Omicidio Yana, ex fidanzato confessa: "Ma non volevo ucciderla". ANSA · Archiviato dall'originale. Consultato il 9 marzo 2023.
  17. "Sì, ho colpito Yana, ma non volevo ucciderla". Telemantova · Archiviato dall'originale. Consultato il 10 marzo 2023.
  18. Yana, uccisa a 23 anni dall'ex fidanzato: Dumitru Stratan rischia l'ergastolo. BergamoNews · Archiviato dall'originale. Consultato il 3 novembre 2023.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.