Il femminicidio di Lisa Gabriele a Montalto Uffugo

Vittima:
Lisa Gabriele
Località:
Montalto Uffugo
Data:
9 gennaio 2005

Originaria di Rose in provincia di Cosenza, fu trovata morta a 22 anni il 9 gennaio 2005, riversa all'interno della sua auto nei boschi tra Montalto Uffugo e Rende (Cosenza). Accanto a lei un biglietto di addio. La vicenda fu ufficialmente archiviata come un decesso per suicidio, nonostante l'autopsia non avesse rilevato elementi chiari per suffragare tale eventualità.

Al contempo si pensò anche a un tentativo di depistaggio per nascondere un omicidio, considerando tra l'altro che le impronte della vittima sul luogo del ritrovamento furono cancellate e il biglietto accanto al corpo non era totalmente autentico, dunque sarebbe stato scritto da lei solo in parte.

Una lettera anonima inviata alla Gazzetta del Sud nel 2019 ha riaperto il caso con la riesumazione del cadavere per effettuare nuovi accertamenti. Nella missiva sarebbe stato riportato che a uccidere la ventiduenne sarebbe stato il suo amante, un poliziotto sposato con un'altra donna e che aveva frequentazioni negli ambienti della malavita. Costui l'avrebbe soffocata con un cuscino per poi simularne il suicidio. Già 4 mesi prima della morte, l'uomo l'aveva maltrattata, mandandola all'ospedale.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.