Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Laura Zizzo a San Giovanni La Punta

Vittima:
Laura Zizzo
Killer:
Roberto Russo
Località:
San Giovanni La Punta
Data:
22 agosto 2014

Voce su Laura Zizzo

La piccola Laura, 11 anni, fu uccisa dal padre Roberto Russo, 47 anni, alle prime luci dell'alba del 21 agosto 2014 a San Giovanni La Punta in provincia di Catania.‍[1]

L'uomo, padre di quattro figli, due maschi e due femmine, era in fase di separazione dalla moglie Giovanna Zizzo. Quest'ultima nelle settimane precedenti al drammatico accaduto aveva scoperto, insieme alle figlie, una relazione extra coniugale intrattenuta dal marito. Per questo motivo la donna decise di prendersi una pausa, allontanandosi temporaneamente dal compagno e trasferendosi nella casa dei genitori.

Roberto Russo il 21 agosto 2014 decise di passare una giornata insieme ai figli, prelevandoli a casa della nonna per portarli nell'abitazione dove prima della separazione viveva tutta la famiglia. Tuttavia, all'alba del giorno successivo, l'uomo si scagliò sul corpo di Laura che dormiva nel letto, ferendola a morte con molteplici fendenti d'arma da taglio.

Secondo le ricostruzioni, il quarantasettenne non aveva mai mostrato comportamenti violenti nei confronti dei familiari in precedenza, nonostante negli ultimi tempi lui stesse attraversando un periodo difficile a causa della perdita del lavoro e della depressione della moglie.‍[2][3]

Dopo aver colpito Laura a coltellate, l'uomo fece lo stesso anche sull'altra figlia più grande, Marika, che aveva tentato di difendere la sorella. La ragazzina ricevette numerosi fendenti, ma riuscì comunque a divincolarsi e a fuggire fuori dall'abitazione per chiedere aiuto. Nonostante una grave emorragia interna, la vittima riuscì a sopravvivere dopo quattro giorni di coma.

Infine a bloccare l'uomo furono i figli maschi, che comunque rimasero feriti nella colluttazione. Il quarantasettenne aveva anche tentato di togliersi la vita, colpendosi con le stesse armi da taglio utilizzate contro i figli, ma non riuscì nel suo intento. I Carabinieri accorsi in casa scoprirono poi che l'aggressore aveva lasciato un messaggio, scritto al computer, in cui aveva accusato la moglie di essere responsabile per quanto accaduto perché lei non lo aveva mai perdonato.‍[4][5]

Roberto Russo, sottoposto a una perizia psichiatrica, fu valutato capace di intendere e di volere. Il 30 ottobre 2017 fu condannato in primo grado all'ergastolo dalla Corte d'Assise di Catania.‍[6] Sentenza confermata il 12 novembre 2018 dalla Corte d'Appello di Catania e il 18 luglio 2019 in via definitiva dalla Corte di Cassazione.‍[7][8]

Secondo le motivazioni del verdetto, l'obiettivo dell'uomo era quello di vendicarsi e infliggere un castigo alla moglie, non solo per le sofferenze che aveva subito, ma anche per aver coinvolto i loro figli nella crisi coniugale.‍[9]

Note

  1. Catania, padre accoltella le figlie: muore dodicenne. la Repubblica. Archiviato dall'originale.
  2. Omicidio Lauretta Russo, "Così mio marito ha ucciso mia figlia per punirmi". QdS. Archiviato dall'originale.
  3. Catania, cinque anni fa Laura Russo uccisa dal padre. La mamma: "Vivo per esaudire i suoi sogni". Corriere.it. Archiviato dall'originale.
  4. Marika Russo: "Mio padre ha accoltellato Laura. Poi ha iniziato con me...". Sonia La Farina. Archiviato dall'originale.
  5. Omicidio Laura Russo, parla la madre: "La mia famiglia dimenticata dalle Istituzioni". CataniaToday. Archiviato dall'originale.
  6. Uccise la figlia 12enne, ergastolo per Roberto Russo. Nel 2014 omicidio e tentato suicidio a S. G. La Punta. MeridioNews. Archiviato dall'originale.
  7. Uccise la figlia 12enne, confermato il carcere a vita. La accoltellò mentre dormiva nel letto matrimoniale. MeridioNews. Archiviato dall'originale.
  8. Uccise la figlia di 12 anni: definitivo l'ergastolo. Cassazione respinge ricorso di Roberto Russo. MeridioNews. Archiviato dall'originale.
  9. Lauretta accoltellata e uccisa nel sonno dal padre: "Ha organizzato l'ultima cena coi figli". Fanpage. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.