Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Lucia Bocci a Brugherio

Vittima:
Lucia Bocci
Presunto killer:
Vincenzo Zarba
Località:
Brugherio
Data:
26 gennaio 2014
Uno scorcio della Chiesa di San Bartolomeo a Brughiero

Uno scorcio della Chiesa di San Bartolomeo a Brughiero (di Andrea Stillone, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Lucia Bocci

Lucia Bocci, 56 anni, fu uccisa dal marito Vincenzo Zarba, 63 anni, nell'abitazione in cui la coppia risiedeva a Brugherio in provincia di Monza e Brianza.‍[1][2]

Uno scorcio della Chiesa di San Bartolomeo a Brughiero

Uno scorcio della Chiesa di San Bartolomeo a Brughiero (di Andrea Stillone, licenza CC BY-SA 4.0)

A scoprire il drammatico accaduto fu il figlio trentanovenne della coppia, giunto preoccupato sul posto perché non riusciva più a mettersi in contatto con i genitori, la mattina del 26 gennaio 2014. Utilizzò il suo mazzo di chiavi per entrare nell'appartamento e lo spettacolo che gli si parò davanti fu terrificante. La madre era riversa sul pavimento della camera da letto, in una pozza di sangue. Il padre era in cantina, impiccato.

Prima di suicidarsi, l'uomo aveva lasciato un biglietto per spiegare il suo gesto. "Mi ha tradito", avrebbe scritto in modo confuso. Il sessantatreenne, originario della Sicilia, aggredì la moglie in camera da letto, forse mentre stava dormendo. La vittima fu colpita ripetutamente all'addome con un coltello da macellaio e infine tramortita con un violento fendente alla testa, utilizzando una mazza da carpentiere.

Lucia Bocci era una casalinga che negli ultimi anni di vita si era dedicata ai propri nipotini. Aveva conosciuto il marito a Sesto San Giovanni. L'uomo era un ex imprenditore in pensione che negli ultimi tempi avrebbe manifestato delle insofferenze nei confronti della moglie. La coppia era descritta dai conoscenti come tranquilla e dedita alla famiglia ma, secondo indiscrezioni, l'uomo mostrava una forte e ingiustificata gelosia.‍[3][4]

Note

  1. Tragedia in via Bindellera. Due morti, non si esclude l'ipotesi omicidio-suicidio. Noi Brugherio. Archiviato dall'originale.
  2. Tragedia a Brugherio, il figlio trova la madre uccisa a coltellate e il padre impiccato. MonzaToday. Archiviato dall'originale.
  3. Brugherio, uccide la moglie di 56 anni e si impicca in cantina: "Mi ha tradito". la Repubblica. Archiviato dall'originale.
  4. Omicidio-suicidio a Brugherio: "Lucia era una bella donna ma viveva solo per i nipotini, assurdo essere gelosi di lei". ilgiorno.it. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.