Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Ragusa. Caso Santa Trovato. Il figlio Carmelo Chessari condannato a 8 anni di reclusione per omicidio volontario.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia

Carmelo Chessari, 49 anni, residente a Ragusa, è stato condannato con rito abbreviato a 6 anni e 8 mesi di reclusione per l'omicidio volontario della madre Santa Trovato, 79 anni.

I fatti avvennero tra il 20 e il 21 aprile del 2019. L'anziana donna fu picchiata in casa dal figlio, poi venne ricoverata all'ospedale di Catania. Un grave trauma cranico, conseguenza delle botte, fu fatale per lei e morì il successivo 11 maggio.

Una folle violenza scaturita dal fatto che la madre non gli aveva aperto la porta del terrazzo, e lui era rimasto chiuso fuori. Una volta rientrato, forzando la porta, l'aveva aggredita. La vittima era rimasta cosciente, ma la situazione sarebbe precipitata il giorno successivo. L'uomo, tornato nell'abitazione per pranzo, trovò la madre priva di conoscenza.

La svolta arrivò con gli esiti dell'autopsia: la terapia antiaggregante a cui era sottoposta l'anziana madre aveva fatto differire gli effetti devastanti dell'aggressione. Secondo le indagini dei carabinieri, non fu un singolo episodio, ma una storia di violenze riportate anche dalle testimonianze dei vicini di casa e la donna, probabilmente per pudore e vergogna, non aveva avuto il coraggio di denunciare.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.