Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Gavoi. Nel 13º anniversario dell'omicidio di Dina Dore, l'Amministrazione Comunale posa un mazzo di fiori sulla tomba della vittima.

Immagine della notizia (Miniatura di Denis Barthel su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Nel giorno del 13º anniversario della morte di Dina Dore, la mamma 37enne di Gavoi (Nuoro) uccisa il 26 marzo 2008 davanti agli occhi della figlioletta di 8 mesi, l'amministrazione comunale del paese ha posto un mazzo di fiori sulla tomba della vittima, per il cui omicidio è stato condannato all'ergastolo in via definitiva il marito Francesco Rocca, come mandante, e il giovane Pierpaolo Contu, come esecutore materiale del delitto.

Salvatore Lai, sindaco di Gavoi anche nel 2008, ha voluto ricordare quel femminicidio che per anni ha sconvolto il paese e rendere omaggio alla vittima. "Quella data del 26 marzo del 2008 in cui una giovane donna madre di una bambina in tenera età, veniva barbaramente privata della sua vita, mi è rimasta impressa nella mente - confessa all'ANSA il primo cittadino.

"Ho ritenuto doveroso nei confronti di Dina, di sua figlia Elisabetta e dei suoi familiari, portare un segno di attenzione e presenza istituzionale, interprete di un sentimento di affetto e solidarietà della comunità di Gavoi. Questo gesto ha anche il significato di tenere vivo il ricordo come condanna del barbaro assassinio, che serva di monito perché fatti così gravi non abbiano più a ripetersi".

Un'iniziativa particolarmente gradita anche da Graziella Dore, sorella della vittima: "È un gesto che la nostra famiglia apprezza tantissimo. Siamo grati al sindaco e all'amministrazione per l' iniziativa e per il pensiero".

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.