Montesilvano. Donna aggredita davanti casa, sequestrata e seviziata in un ripostiglio. I Carabinieri sulle tracce del malintenzionato.

Immagine della notizia

Una donna è stata aggredita mentre usciva di casa, afferrata per i capelli e trascinata in uno ripostiglio da un uomo che le ha tappato la bocca con del nastro adesivo, le ha tagliato alcune ciocche di capelli e poi le ha punzecchiato le braccia con una siringa sterile.

L'uomo l'avrebbe anche cosparsa di alcool e, tirando fuori un accendino, avrebbe affermato di voler giocare con lei. L'inquientante episodio è avvenuto ieri mattina, intorno alle 7.15 a Montesilvano, in provincia di Pescara. Sul caso sono in corso le indagini dei Carabinieri.

Dopo l'aggressione, l'uomo si è dato alla fuga. La donna non è stata né minacciata, né rapinata. I militari stanno ascoltando i residenti del palazzo e stanno visionando le riprese registrate dal sistema di videosorveglianza presente in zona. L'aggressore aveva anche posto una bottiglia di plastica tra le porte dell'ascensore al piano terra del palazzo probabilmente per non essere raggiunto facilmente dagli altri inquilini.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.