Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Castegnato. Omicidio Elena Casanova. Cercò di farle avere guai con la giustizia. Ezio Galesi indagato anche per calunnia.

Immagine della notizia (Miniatura di Moliva su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 3.0)

Castegnato. Omicidio Elena Casanova. Cercò di farle avere guai con la giustizia. Ezio Galesi indagato anche per calunnia.

Prima di ucciderla a martellate cercò di farla finire in un mare di guai con la giustizia. Scrisse una lettera alla Squadra Mobile della Polizia (un'altra l'aveva nel cassetto pronto a farla recapitare in Procura) accusandola falsamente di far parte, insieme al nuovo compagno, di un'organizzazione specializzata nella produzione di fatture per operazioni inesistenti.

Lo ha scoperto, nel corso delle indagini per il femminicidio consumato il 20 ottobre dello scorso anno, il sostituto procuratore Carlo Pappalardo, che lo ha indagato anche per calunnia.

Ezio Galesi, il 59enne arrestato con l'accusa di aver ucciso Elena Casanova, potrebbe essere a processo entro l'estate. Il pubblico ministero è prossimo alla chiusura delle indagini.

Galesi, in carcere da allora, interrogato nell'immediatezza del femminicidio dell'ex compagna, ammise la sua responsabilità e disse di aver avuto un "raptus", di non averci più visto, di non essere stato in sé. Circostanza che potrebbe indurre l'accusa, secondo le aspettative del suo difensore, a chiedere un approfondimento psichiatrico.

Nel fascicolo il pm però ha raccolto elementi di prova che sembrerebbero confliggere con questa ipotesi. Gli inquirenti ritengono che quel pomeriggio l'uomo abbia pianificato il delitto.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.