Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Maiolati Spontini. Il cadavere riaffiorato nel Po potrebbe appartenere alla 27enne Andreea Rabciuc, scomparsa lo scorso 12 marzo.

Immagine della notizia (Miniatura di Tiziana Tobaldi su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Maiolati Spontini. Il cadavere riaffiorato nel Po potrebbe appartenere alla 27enne Andreea Rabciuc, scomparsa lo scorso 12 marzo.

Potrebbe esserci una svolta nel caso del cadavere mutilato ritrovato nelle acque del Po, vicino a Occhiobello (Rovigo). Quei resti potrebbero appartenere a una ragazza scomparsa un mese fa in provincia di Ancona. Si tratta di Andreea Rabciuc, 27 anni, originaria della Romania, che viveva a Jesi ed è campionessa di tiro a segno.

Dalla mattina dello scorso 12 marzo si sono perse le sue tracce. La sera precedente aveva partecipato a una festa in un casolare in provincia, a Maiolati Spontini (Ancona). Il giorno dopo nessuno l'ha più vista o sentita.

La ragazza aveva dei vistosi tatuaggi alle mani e i capelli blu, particolari che l'avrebbero resa immediatamente riconoscibile e forse per questo cancellati da chi l'ha uccisa e ha fatto scempio del suo corpo. Si dovranno attendere ulteriori riscontri, gli inquirenti per il momento mantengono uno stretto riserbo sulle indagini.

La Procura di Ancona ha aperto un fascicolo sul caso dopo la denuncia della madre della 27enne ai Carabinieri, presentata qualche giorno dopo la scomparsa. La ragazza era solita allontanarsi da casa e poi ritornare.

Stando alle dichiarazioni del fidanzato e degli amici della coppia, la giovane si sarebbe allontanata dal casolare intorno alle 7.00 della mattina di sabato 12 marzo, a piedi, dopo aver passato la serata a litigare con il compagno, al quale aveva lasciato anche il suo cellulare prima di incamminarsi sulla strada che porta alla frazione di Moie.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.