Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Pavia. Omicidio Lidia Peschechera. La contrapposizione delle perizie tra accusa e difesa sullo stato mentale di Alessio Nigro.

Immagine della notizia (Miniatura di Luca Volpi (Goldmund100) su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Pavia. Omicidio Lidia Peschechera. La contrapposizione delle perizie tra accusa e difesa sullo stato mentale di Alessio Nigro.

Pareri diversi da tre esperti su una questione fondamentale: l'eventuale presenza di un vizio di mente e la conseguente capacità o meno di intendere e di volere di Alessio Nigro. Il 28enne è a processo in Corte d'Assise per l'omicidio di Lidia Peschechera, 49 anni, uccisa il 12 febbraio 2021 nella sua abitazione di Pavia.

Nigro aveva una relazione con la donna che l'aveva accolto in casa. Secondo l'accusa, la sera dell'omicidio l'imputato aveva litigato con lei, poi l'aveva strangolata e infine deposto il corpo senza vita nella vasca da bagno. Era rimasto nell'appartamento, alternando al sonno momenti in cui beveva. Aveva anche cercato di fuggire, ma era stato bloccato a Milano dalle forze dell'ordine.

La difesa, affidata all'avvocato Giovanni Caly, ha sollevato la questione della lucidità di Nigro e affidato la perizia a un esperto che ha evidenziato la presenza di un disturbo borderline che avrebbe inciso al momento del reato.

Il perito della Procura di Pavia invece ha ritenuto che Nigro fosse lucido al momento dell'accaduto e che dalle analisi non emergerebbe tale disturbo di personalità.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.