Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Bologna. Omicidio Kristina Gallo del marzo 2019. Respinto il ricorso di Giuseppe Cappello. L'uomo resta in carcere.

Immagine della notizia (Immagine di Fenilefrina su Wikimedia Commons — CC BY-SA 4.0)

Bologna. Omicidio Kristina Gallo del marzo 2019. Respinto il ricorso di Giuseppe Cappello. L'uomo resta in carcere.

Il tribunale della Libertà ha rigettato il ricorso di Giuseppe Cappello, accusato dell'omicidio dell'ex fidanzata Kristina Gallo. L'indagato, in custodia cautelare dallo scorso 29 luglio, rimane dunque in carcere.

I Carabinieri, coordinati dal procuratore aggiunto Francesco Caleca e dal pm Stefano Dambruoso, gli contestano di aver isolato la 27enne, instaurando con lei una relazione segnata dalla gelosia, dalle minacce e dai maltrattamenti. L'avrebbe uccisa soffocandola con un cuscino. La giovane fu trovata morta il 26 marzo 2019 nella sua abitazione alla Bolognina.

I primi accertamenti si indirizzarono su un decesso naturale. Ipotesi che poi le successive indagini avevano sconfessato, portando all'arresto a distanza di oltre tre anni. I giudici della Libertà avevano incaricato un consulente medico legale di valutare le condizioni di salute di Cappello, affetto da una patologia, e l'accertamento ha concluso per la non incompatibilità con la detenzione carceraria.

La patologia, come ha spiegato in aula il medico Matteo Tudini, è sì grave, ma non tale da porlo in condizioni di non poter continuare a restare alla Dozza. L'appello della difesa, avvocati Gabriele Bordoni e Alessandra Di Gianvincenzo, era contro la decisione del Gip di non concedergli gli arresti domiciliari.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.