Il femminicidio di Desirée Mariottini a San Lorenzo di Roma

Vittima:
Desirée Mariottini
Killer:
Yusef Salia, Brian Minthe e Alinno Chima
Presunto killer:
Mamadou Gara
Località:
San Lorenzo di Roma
Data:
19 ottobre 2018
Uno scorcio del quartiere di San Lorenzo a Roma

Uno scorcio del quartiere di San Lorenzo a Roma (di LPLT, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Desirée Mariottini

Uno scorcio del quartiere di San Lorenzo a Roma

Uno scorcio del quartiere di San Lorenzo a Roma (di LPLT, licenza CC BY-SA 3.0)

Desirée Mariottini, 16 anni, fu trovata morta nella notte tra giovedì 18 e venerdì 19 ottobre 2018 in un cantiere abbandonato di via dei Lucani nel quartiere San Lorenzo di Roma.

Fu la telefonata di una persona anonima, durante quella notte, ad avvisare i soccorsi della presenza di un corpo esanime tra le impalcature del posto. L'intervento dei sanitari non poté fare altro che constatare il decesso della ragazza, rinvenuta già priva di vita. Dalle indagini si apprese che il giorno precedente, 17 ottobre, la sedicenne originaria di Cisterna di Latina aveva telefonato alla nonna per riferirle di non poter ritornare a casa poiché aveva perso l'autobus, dunque sarebbe rimasta a dormire da un'amica. Da allora i parenti non ebbero più notizie di lei, fino al drammatico ritrovamento.‍‍[1]‍‍[2]

Gli esami autoptici rivelarono che la giovane fu violentata sessualmente da più persone all'interno dello stabile di via dei Lucani. Nel corso dello stupro la vittima aveva provato a sottrarsi dalla morsa dei propri aguzzini, fin quando non perse coscienza.‍‍[3] Il decesso avvenne durante la notte per una grave insufficienza cardiorespiratoria, presumibilmente innescata da un mix di droghe, oltre alla violenza fisica subita.‍‍[4]

Secondo le ricostruzioni, Desirée aveva già frequentato il quartiere di San Lorenzo nelle due settimane precedenti alla morte per procurarsi delle sostanze stupefacenti. Dopo alcuni giorni di attività investigativa, il successivo 25 ottobre, la Procura di Roma richiese e ottenne l'arresto per Mamadou Gara detto Paco, 26 anni, Brian Minthe, 43 anni e Alinno Chima detto Sisco, 46 anni. I primi due originari del Senegal, l'altro proveniente dalla Nigeria.

Nei loro confronti furono contestati i reati di omicidio volontario, violenza sessuale di gruppo e cessione di stupefacenti. Sarebbero stati loro a fornire la droga alla vittima, in modo da renderla incosciente per circa 12 ore e, in quel lasso di tempo, approfittarsi di lei stuprandola più volte fino al decesso. Il giudice per le indagini preliminari convalidò la custodia cautelare in carcere per tutti e tre gli indiziati.‍‍[1]‍‍[2]

Il lavoro della Procura proseguì senza sosta e il 26 ottobre fu fermato anche Yusef Salia, ghanese di 32 anni. Il gip di Foggia, città dove l'uomo si era trasferito in seguito ai fatti accaduti a Roma, convalidò il fermo per concorso in omicidio, violenza sessuale di gruppo e spaccio di droga.‍‍[5] L'11 novembre fu fermato un italiano, Marco Mancini, 26 anni, accusato di aver ceduto a Desirée le sostanze stupefacenti che la notte della morte si rivelarono fatali.‍‍[6]

Tuttavia, due giorni dopo, il Tribunale del Riesame fece decadere le accuse di omicidio volontario nei confronti di Alinno Chima e Brian Minthe, per i quali venne comunque confermata la custodia in carcere per altri reati a loro imputati.‍‍[7] Il 14 novembre fu convalidato l'arresto per Marco Mancini, ma il gip annullò l'aggravante della cessione di droga a un minore, confermando dunque che l'uomo spacciava nei pressi di San Lorenzo, ma non era stato lui a cedere la droga alla sedicenne di Cisterna di Latina.‍‍[8]

Il giorno seguente il Tribunale del Riesame confermò l'accusa di omicidio per Mamadou Gara, però nei suoi confronti vennero stralciate le aggravanti dei futili motivi e la cessione di stupefacenti da tre a più persone.‍‍[9] Il 16 febbraio 2019 fu arrestata Antonella Fauntleroy, 21 anni, originaria del Botswana, accusata di essere stata lei ad aver ceduto la droga a Desirée. La donna si era presentata spontaneamente presso il commissariato di San Lorenzo nelle ore successive alla morte della giovane.‍‍[10]

Il 15 aprile cambiò il quadro accusatorio per Alinno Chima che, già in carcere, si vide destinatario di una nuova ordinanza di custodia cautelare dopo i risultati del test del DNA effettuato sulla salma della vittima e su una serie di altri reperti. In particolare, le tracce del nigeriano furono trovate su un flacone di metadone e su una cannuccia utilizzata dalla sedicenne per fumare crack. Per questo motivo, venne ritenuto lui il principale responsabile della cessione di sostanze stupefacenti alla ragazza.‍‍[11] Il DNA di Mamadou Gara fu invece rilevato sul corpo, sotto le unghie e sui vestiti della giovane.‍‍[12]

Nel mese di giugno del 2019 la Procura di Roma chiuse le indagini. Non fu modificato l'impianto accusatorio nonostante i precedenti rilievi del Tribunale del Riesame. Vennero rinviati a giudizio per concorso in omicidio volontario, violenza sessuale di gruppo e somministrazione di droghe a minori Mamadou Gara, Yusef Salia, Alinno Chima e Brian Minthe.

Per quanto riguarda Marco Mancini e Antonella Fauntleroy, a entrambi fu contestata la cessione di sostanze stupefacenti nelle mani di Desirée. Il medesimo reato fu contestato pure a Mamadou Gara, ma per la cessione in un giorno precedente al 18 ottobre 2018. Infine, a Gara fu anche imputato il reato di prostituzione minorile.‍‍[13] L'impostazione accusatoria venne recepita in toto dal giudice per l'udienza preliminare che, il successivo 21 ottobre, rinviò a giudizio i quattro africani indiziati.‍‍[14]

Il 12 aprile 2021 Antonella Fauntleroy venne condannata in rito abbreviato a 6 anni di reclusione per cessione di droga a un minorenne.‍‍[15]‍‍[16] Il 19 giugno 2021 la Corte d'Assise di Roma aveva condannato Mamadou Gara e Yusef Salia all'ergastolo.‍[17] 27 e 24 anni di reclusione furono invece inflitti ad Alinno Chima e Brian Minthe. La pubblica accusa aveva chiesto il "fine pena mai" per tutti e quattro gli imputati.‍[18][19]

La sentenza non riconobbe a nessuno di loro l'aggravante della crudeltà. Nelle motivazioni i giudici sottolinearono il cinico assoluto disinteresse dei quattro imputati nel salvare la ragazza agonizzante affinché potessero tenersi stretto quel luogo nel quartiere di San Lorenzo, ritenuto un eccezionale rifugio e fonte di reddito dove poter spacciare e consumare droga indisturbati e in sostanziale tranquillità.‍[20][21]

Il 21 novembre 2022 la Corte d'Appello di Roma confermò gli ergastoli a Mamadou Gara e Yusef Salia, nonché le condanne a 27 e 24 anni di reclusione per Alinno Chima e Brian Minthe.‍[22][23] Il 20 ottobre 2023, però, la Corte di Cassazione fece cadere, a vario titolo, diverse aggravanti e capi d'imputazione.

Nello specifico, la Suprema Corte confermò il giudizio di responsabilità nei confronti di Yusef Salia, Alinno Chima e Brian Minthe per il reato di omicidio. Su tale capo d'imputazione, invece, la sentenza fu annullata nei confronti di Gara Mamadou per una nuova valutazione in Appello bis. Per quanto riguarda la violenza sessuale commessa sulla vittima, fu annullata la sentenza nei confronti di Yusef Salia, senza rinvio in Appello.

Nonostante ciò, sarebbe stato confermato il giudizio di responsabilità, poiché il reato di violenza sessuale sarebbe stato assorbito in quello di omicidio. Infine, furono confermati i giudizi di responsabilità per le cessioni di sostanze stupefacenti, ma la sussistenza di un'aggravante attribuita a Brian Minthe fu rimandata a una nuova valutazione in Appello bis.‍[24][25]

Secondo le motivazioni della Suprema Corte, gli imputati non potevano non essere "a conoscenza della condizione di estrema debilitazione psico-fisica della minore prima di morire, essendo stata l'overdose provocata dalla reiterata somministrazione di sostanze stupefacenti".

Tale consapevolezza era ulteriormente dimostrata dal fatto che, "dopo che la minore era stata violentata nel container ed era precipitata in uno stato di incoscienza, Salia, Minthe e Alinno tentavano di rianimarla, schiaffeggiandola, versandole acqua sul viso e facendole ingerire una miscela di acqua e zucchero, fino a quando, resisi conto di non essere in grado di farla riprendere, la lasciavano agonizzante sul letto della stanza dove veniva trovata priva di vita".

Uno scorcio del centro storico di Cisterna di Latina, il paese d'origine di Desirée Mariottini

Uno scorcio del centro storico di Cisterna di Latina, il paese d'origine di Desirée Mariottini

Per quanto riguarda il capo d'imputazione di omicidio volontario ascritto a Gara Mamadou, i giudici della Suprema Corte precisarono che l'imputato "si allontanava dall'edificio abbandonato in concomitanza con il trasporto del corpo della vittima dal container, dove era stata violentata, alla 'sala del crack' dove veniva adagiata esanime su un letto".

Ne conseguiva che "nella parte conclusiva della serata del 18 ottobre 2018, nella quale si sarebbero concretizzate le condotte omissive, qualificate da un obbligo di attivazione, Gara sembrerebbe essersi allontanato dall'immobile senza più farvi ritorno, non partecipando alle fasi concitate che precedevano la morte della minore, verificatasi tra le ore 23.50 del 18 ottobre 2018 e le ore 0.50 del giorno dopo".‍[26]

Il 29 maggio 2024 la Corte d'Appello di Roma ridusse le pene ai tre imputati, stabilendo le condanne a 22 anni per Mamadou Gara, 26 anni per Alinno Chima e 18 anni per Brian Minthe.‍[27]

Il nome di Desirée Mariottini fu inciso su una pietra d'inciampo in travertino bianco ai piedi delle scale di Piazza degli Angeli nel borgo storico di Cisterna di Latina. Il luogo, denominato "Scalinata degli Angeli", fu dedicato al ricordo della sua scomparsa e presentava anche i nomi di altre vittime di femminicidio originarie della stessa cittadina in provincia di Latina.‍‍‍[28]

Note

  1. a b Desirée Mariottini, 3 fermi per stupro e omicidio: uno era stato espulso. Si indaga per trovare il quarto uomo. Il Fatto Quotidiano · Archiviato dall'originale.
  2. a b Desirée, 12 ore di agonia e abusi. Adnkronos · Archiviato dall'originale.
  3. Desirée era vergine, in aula parla il padre: "Non sono riuscito a salvarla". LatinaCorriere.it · Archiviato dall'originale.
  4. Omicidio Desirée Mariottini. L'autopsia "16enne provò ad opporsi ma violenza fu inaudita" (Quarto Grado). IlSussidiario.net · Archiviato dall'originale.
  5. Desirée: resta in carcere Yusuf Salia. ANSA · Archiviato dall'originale.
  6. Omicidio Desirée, fermato un pusher italiano. la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  7. Morte Desirée Mariottini, Riesame annulla l'accusa di omicidio per due arrestati. la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  8. Morte Desirée Mariottini, il pusher italiano resta in carcere. Da Foggia, Salia dice: "Le avevo detto di venire via con me". la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  9. Desirée, confermata accusa di omicidio per Mamadou Gara. IlGiornale.it · Archiviato dall'originale.
  10. Antonella, ecco chi è "l'amica romana" di Desirée Mariottini. Latinaoggi.eu · Archiviato dall'originale.
  11. Omicidio Mariottini, confermato il carcere a Sisco: fu lui a dare il metadone a Desy. Il Corriere della Città · Archiviato dall'originale.
  12. Desirée, Dna incastra nigeriano. Adnkronos · Archiviato dall'originale.
  13. Desirée Mariottini, chiuse le indagini a Roma: in sette rischiano il processo. Il Messaggero · Archiviato dall'originale.
  14. Omicidio Desirée Mariottini, 4 persone a processo. AGI · Archiviato dall'originale.
  15. Cedette la droga a Desy Mariottini: condannata a 6 anni. Latina TU · Archiviato dall'originale.
  16. Droga venduta a Desirée Mariottini, ragazza condannata a 6 anni di carcere. Latina24ore.it · Archiviato dall'originale.
  17. Desiree Mariottini, sentenza: tutti condannati, ma un imputato torna libero. Adnkronos · Archiviato dall'originale.
  18. Omicidio Desiree, tutti condannati. Due all'ergastolo. Latinaoggi.eu · Archiviato dall'originale.
  19. Omicidio Desirée Mariottini: 2 ergastoli, tutti condannati. Uno dei 4 fuori dal carcere. Latina TU · Archiviato dall'originale.
  20. "Cinico disinteresse a non salvare Desirèe". Le motivazioni della condanna. Il Caffè · Archiviato dall'originale.
  21. Cisterna, Desireè Mariottini: "Cinica volontà di non salvare la giovane". LatinaCorriere.it · Archiviato dall'originale.
  22. Omicidio Mariottini, confermate le condanne in Appello: 2 gli ergastoli. Latina TU · Archiviato dall'originale.
  23. Desirée, confermate in appello le condanne: anche 2 ergastoli. La madre della ragazza: "Sono mostri". RaiNews · Archiviato dall'originale.
  24. Omicidio di Desirée Mariottini: Cadono alcune accuse, ci sarà Appello bis. Latina TU · Archiviato dall'originale.
  25. Omicidio Desirée, la Cassazione dispone un nuovo processo. AGI · Archiviato dall'originale.
  26. Desirèe Mariottini "morta dopo lunga sequenza eventi criminosi". Adnkronos · Archiviato dall'originale.
  27. Omicidio Desirée, ridotte le pene nel processo di Appello bis. Quotidiano Nazionale
  28. Cisterna, inaugurata la Scalinata degli Angeli dedicata alle vittime di femminicidio. Latina 24ore.it · Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.