Menu Ricerca voce
Menu
Oggi è la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le Donne.

È una ricorrenza importante che, nell'obiettivo di eliminare qualsiasi forma di violenza nella piena affermazione dei diritti di tutti gli esseri umani, pone una marcata attenzione sul fenomeno della violenza contro le donne.

È stata ufficialmente istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999 con la risoluzione 54/134 che richiamava i principi espressi nella risoluzione 48/104 del 23 dicembre 1993 sull'eliminazione della violenza contro le donne.

Il suddetto documento riconosce che la violenza contro le donne rappresenta, storicamente, la manifestazione della disuguaglianza tra i generi che ha portato nel tempo gli uomini alla dominazione e alla discriminazione nei confronti delle donne. Fenomeni che hanno ostacolato l'avanzamento delle donne nella società, spesso ponendole in posizioni di subordinazione.

Per questi motivi l'Assemblea ha ritenuto urgente il bisogno di istituire una giornata per ricordare che la violenza perpetrata sulle donne costituisce un ostacolo all'uguaglianza, la sicurezza, la libertà, l'integrità e la dignità di tutti gli esseri umani.

È stato scelto quel giorno per commemorare le "Sorelle Mirabal", tre donne uccise il 25 novembre del 1960 nella Repubblica Dominicana per essersi opposte alla dittatura di Rafael Trujillo, presidente che aveva governato il paese centroamericano dal 1930 al 1961.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Desirée Mariottini a San Lorenzo di Roma

Vittima:
Desirée Mariottini
Presunti killer:
Mamadou Gara, Yusef Salia, Brian Minthe e Alinno Chima
Località:
San Lorenzo di Roma
Data:
19 ottobre 2018
Foto del Quartiere San Lorenzo a Roma
Foto del Quartiere San Lorenzo a Roma (di LPLT, licenza CC BY-SA 3.0)
Foto del Quartiere San Lorenzo a Roma
Foto del Quartiere San Lorenzo a Roma (di LPLT, licenza CC BY-SA 3.0)

Desirée Mariottini, 16 anni, è stata trovata morta nella notte fra giovedì 18 e venerdì 19 ottobre 2018 in un cantiere abbandonato di via dei Lucani nel quartiere di San Lorenzo a Roma.

È stata la telefonata di una persona anonima, durante la notte, ad avvisare i soccorsi della presenza di un corpo esanime tra le impalcature del posto. L'intervento dei sanitari non è servito a rianimare la ragazza, rinvenuta già priva di vita. Dalle ricostruzioni è emerso che il giorno precedente, 17 ottobre, la sedicenne originaria di Cisterna di Latina aveva telefonato alla nonna riferendole che non avrebbe fatto ritorno a casa per aver perso l'autobus, dunque sarebbe rimasta a dormire da un'amica. Da allora i parenti non ne hanno più avuto notizia fino al tragico ritrovamento.‍[1][2]

Gli esami autoptici hanno rivelato che la giovane, all'interno di quello stabile di via dei Lucani, è stata violentata da più persone e nel corso dello stupro ha provato a sottrarsi dalla morsa dei propri aggressori fin quando è rimasta cosciente.‍[3] Il decesso è poi avvenuto durante la notte per una grave insufficienza cardiorespiratoria, presumibilmente innescata da un mix di droghe oltre alla violenza fisica subita.‍[4]

Secondo le indagini, Desirée aveva già frequentato il quartiere di San Lorenzo nelle due settimane precedenti alla morte per procurarsi della droga. Dopo giorni di investigazioni, il 25 ottobre la procura di Roma ha emesso un mandato d'arresto per Mamadou Gara detto Paco, 26 anni, Brian Minthe, 43 anni e Alinno Chima detto Sisco, 46 anni. I primi due, senegalesi senza permesso di soggiorno, l'altro originario della Nigeria. Nei loro confronti sono stati contestati i reati di violenza sessuale di gruppo, cessione di stupefacenti e omicidio volontario. Per gli elementi raccolti dagli inquirenti, sarebbero stati loro a fornire la droga alla vittima, in moda da renderla incosciente per circa 12 ore e, in quel lasso di tempo, approfittarsi di lei stuprandola più volte fino al decesso. Per tutti e tre è stato convalidato il provvedimento di custodia cautelare in carcere da parte del giudice per le indagini preliminari.‍[1][2]

Il lavoro della procura è proseguito senza sosta e il 26 ottobre è stato fermato anche Yusif Salia, ghanese di 32 anni. Il gip della procura di Foggia, città dove l'uomo si era trasferito in seguito ai fatti accaduti a Roma, ha convalidato il fermo per concorso in omicidio, violenza sessuale di gruppo e spaccio di droga.‍[5] L'11 novembre è stato fermato un italiano, Marco Mancini, 26 anni, accusato di aver ceduto a Desirée le sostanze stupefacenti che la notte della sua morte si sono rivelate fatali.‍[6]

Tuttavia, due giorni dopo, il Tribunale del Riesame ha fatto decadere le accuse di omicidio volontario nei confronti di Alinno Chima e Brian Minthe, per il quale comunque è stata confermata la custodia in carcere per altri reati a loro imputati.‍[7] Il 14 novembre è stato convalidato l'arresto per Marco Mancini, ma il gip ha annullato l'aggravante della cessione di droga a un minore, confermando dunque che l'uomo spacciava nei pressi di San Lorenzo, ma non sarebbe stato lui a cedere la droga alla sedicenne di Cisterna di Latina.‍[8] Il giorno seguente il Tribunale del Riesame ha confermato l'accusa di omicidio per Mamadou Gara, però nei suoi confronti sono state stralciate le aggravanti dei futili motivi e la cessione di stupefacenti da tre a più persone.‍[9]

Il 16 febbraio 2019 è stata arrestata Antonella Fauntleroy, 21 anni, originaria del Botswana, accusata di essere stata lei ad aver ceduto la droga a Desirée. La donna si era presentata spontaneamente presso il commissariato di San Lorenzo nelle ore successive alla morte della giovane.‍[10] Il 15 aprile è cambiato il quadro accusatorio per Alinno Chima che, già in carcere, si è visto destinatario di una nuova ordinanza di custodia cautelare dopo i risultati del test del DNA effettuato sulla salma della vittima e su una serie di reperti. In particolare, le tracce del nigeriano sono state trovate su un flacone di metadone e su una cannuccia utilizzata dalla sedicenne per fumare crack. Per questo motivo, si riterrebbe lui il principale responsabile della cessione di sostanze stupefacenti alla ragazza.‍[11] Il DNA di Mamadou Gara è stato invece trovato sul corpo, sotto le unghie e sui vestiti della giovane.‍[12]

Foto del centro storico di Cisterna di Latina, paese d'origine di Desirée Mariottini
Foto del centro storico di Cisterna di Latina, paese d'origine di Desirée Mariottini

Nel mese di giugno 2019 la procura di Roma ha chiuso le indagini e non ha modificato il proprio impianto accusatorio nonostante i precedenti rilievi del Tribunale del Riesame. Sono stati rinviati a giudizio per concorso in omicidio volontario, violenza sessuale di gruppo e somministrazione di droghe a minori Mamadou Gara, Yusef Salia, Alinno Chima e Brian Minthe.

Stesso metodo anche nei confronti di Marco Mancini e Antonella Fauntleroy: a entrambi è stata contestata la cessione di sostanze stupefacenti nelle mani di Desirée. Il medesimo reato è stato contestato pure a Mamadou Gara, ma per la cessione in un giorno precedente al 18 ottobre 2018. Infine, a Gara è stato anche imputato il reato di prostituzione minorile.‍[13] L'impostazione accusatoria è stata recepita in toto dal giudice per l'udienza preliminare che il 21 ottobre ha rinviato a giudizio i quattro africani indiziati.‍[14]

Il nome di Desirée Mariottini è stato inciso su una pietra d'inciampo in travertino bianco ai piedi delle scale di piazza degli Angeli nel borgo storico di Cisterna di Latina, suo paese d'origine. Il luogo, denominato "Scalinata degli Angeli", è stato dedicato al ricordo della sua scomparsa e presenta anche i nomi di altre vittime di femminicidio della stessa cittadina in provincia di Latina.‍‍[15]

Note

  1. a b Desirée Mariottini, 3 fermi per stupro e omicidio: uno era stato espulso. Si indaga per trovare il quarto uomo. Il Fatto Quotidiano. Archiviato dall'originale.
  2. a b Desirée, 12 ore di agonia e abusi. Adnkronos. Archiviato dall'originale.
  3. Desirée era vergine, in aula parla il padre: "Non sono riuscito a salvarla". LatinaCorriere.it. Archiviato dall'originale.
  4. Omicidio Desirée Mariottini. L'autopsia "16enne provò ad opporsi ma violenza fu inaudita" (Quarto Grado). IlSussidiario.net. Archiviato dall'originale.
  5. Desirée: resta in carcere Yusuf Salia. ANSA. Archiviato dall'originale.
  6. Omicidio Desirée, fermato un pusher italiano. Repubblica.it. Archiviato dall'originale.
  7. Morte Desirée Mariottini, Riesame annulla l'accusa di omicidio per due arrestati. Repubblica.it. Archiviato dall'originale.
  8. Morte Desirée Mariottini, il pusher italiano resta in carcere. Da Foggia, Salia dice: "Le avevo detto di venire via con me". Repubblica.it. Archiviato dall'originale.
  9. Desirée, confermata accusa di omicidio per Mamadou Gara. IlGiornale.it. Archiviato dall'originale.
  10. Antonella, ecco chi è "l'amica romana" di Desirée Mariottini. Latinaoggi.eu. Archiviato dall'originale.
  11. Omicidio Mariottini, confermato il carcere a Sisco: fu lui a dare il metadone a Desy. Il Corriere della Città. Archiviato dall'originale.
  12. Desirée, Dna incastra nigeriano. Adnkronos. Archiviato dall'originale.
  13. Desirée Mariottini, chiuse le indagini a Roma: in sette rischiano il processo. Il Messaggero. Archiviato dall'originale.
  14. Omicidio Desirée Mariottini, 4 persone a processo. AGI. Archiviato dall'originale.
  15. Cisterna, inaugurata la Scalinata degli Angeli dedicata alle vittime di femminicidio. Latina 24ore.it. Archiviato dall'originale.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.