Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

L'omicidio di Anna Piccato a Barge

Vittima:
Anna Piccato
Killer:
Daniele Ermanno Bianco
Località:
Barge
Data:
23 gennaio 2019
Il Municipio di Barge in provincia di Cuneo, a poche centinaia di metri dal luogo dell'omicidio di Anna Piccato

Il Municipio di Barge in provincia di Cuneo, a poche centinaia di metri dal luogo dell'omicidio di Anna Piccato (di F. Ceragioli, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Anna Piccato

Anna Piccato, 70 anni, fu trovata morta nelle prime ore del mattino del 23 gennaio 2019 vicino alla Chiesa di San Rocco a Barge, comune in provincia di Cuneo.

Il Municipio di Barge in provincia di Cuneo, a poche centinaia di metri dal luogo dell'omicidio di Anna Piccato

Il Municipio di Barge in provincia di Cuneo, a poche centinaia di metri dal luogo dell'omicidio di Anna Piccato (di F. Ceragioli, licenza CC BY-SA 3.0)

La donna fu rinvenuta a terra con il volto insanguinato e sfigurato da colpi inferti con un oggetto contundente inizialmente non identificato. Ex dipendente Indesit e volontaria della Croce Rossa, il 18 febbraio avrebbe compiuto 71 anni. La signora, chiamata dai conoscenti Anita, era solita uscire di mattina per svolgere varie commissioni, ma quel giorno non fece ritorno alla propria dimora. Il marito a casa la stava aspettando e aveva iniziato a preoccuparsi, poi, uscito dall'abitazione e giunto sulla scena del crimine, aveva appreso la drammatica notizia.‍‍[1]

Nelle ore seguenti al delitto venne arrestato un uomo di 40 anni, Daniele Ermanno Bianco, che non aveva alcun legame di parentela con la vittima. Inizialmente negò qualsiasi coinvolgimento, pur fornendo dichiarazioni contraddittorie. Poi il successivo 6 febbraio, messo dinanzi alle evidenze dei risultati delle indagini, crollò e confessò l'omicidio.

A inchiodarlo furono le tracce di sangue della settantenne rinvenute sulle sue scarpe e all'interno del suo zaino.‍‍[1] L'omicida aveva ammesso di aver utilizzato una chiave inglese come arma del delitto. Oggetto che gli inquirenti non riuscirono a recuperare perché fu gettato in un cassonetto, poi svuotato dai netturbini, prima che gli investigatori ne avessero notizia.‍‍[2]

Il movente alla base dell'efferato gesto fu ricondotto a una rapina finita male. Bianco dichiarò di aver ucciso la signora Anna per derubarla. Secondo le ricostruzioni, l'assassino aveva atteso che la vittima uscisse da un bar del paese, nel quale la donna aveva consumato la colazione, per poi pedinarla.

Successivamente, di ritorno a casa, l'aveva fermata in un luogo poco trafficato. Poi l'aggressione a colpi in testa, facendole perdere i sensi. Da lì l'aveva trascinata nel giardino adiacente alla Chiesa di San Rocco per assestarle altri colpi al volto. Dall'esame autoptico fu stabilito che i colpi in tutto ammontavano a dieci. Tutto ciò per impossessarsi dei tre euro e 20 centesimi che la signora aveva ricevuto come resto dal pagamento del conto alla cassa del bar.‍‍[3]‍‍[4]

Nel mese di ottobre iniziò il processo in rito abbreviato a carico del reo confesso. L'imputato fu sottoposto a una perizia psichiatrica.‍‍[5][6] L'esito dell'esame ritenne l'uomo capace di intendere e di volere nel momento del delitto.‍[7] Il 16 settembre 2020 la Corte d'Assise di Cuneo lo aveva condannato all'ergastolo senza isolamento diurno.‍‍[8] Il 10 novembre 2021 la Corte d'Appello di Torino ridusse la pena a 30 anni di reclusione.‍[9][10]

Nell'autunno del 2022 la condanna fu resa definitiva dalla Corte di Cassazione. I giudici stabilirono che l'imputato non meritava le attenuanti generiche per "la particolare gravità del fatto", per "l'intensità dell'elemento soggettivo" e per "la condotta di totale disinteresse nei confronti della vittima".‍[11][12]

Note

  1. a b Barge è incredula per la morte di Anna Piccato, la 70enne vittima del presunto omicidio. Targatocn.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 maggio 2019.
  2. Anna Piccato uccisa con una "grossa chiave inglese", ma sul movente le indagini "non sono ancora concluse". Targatocn.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 maggio 2019.
  3. Daniele Ermanno Bianco confessa, ha ucciso Anna Piccato: il sangue della vittima trovato sulle scarpe e all'interno del suo zainetto. Targatocn.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 maggio 2019.
  4. Omicidio di Barge: davvero Anna Piccato può esser stata uccisa per una rapina "finita male"? Targatocn.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 maggio 2019.
  5. Omicidio di Barge: chiesta la perizia psichiatrica. L'Eco del Chisone. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 ottobre 2019.
  6. Omicidio di Barge, il gip dispone la perizia psichiatrica per Bianco. Cuneodice.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 novembre 2019.
  7. A giudizio Daniele Ermanno Bianco, l'assassino di Anna Piccato. Cuneo24. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 dicembre 2019.
  8. Cuneo, uccise una donna per 3 euro e 20 centesimi: condannato all'ergastolo. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 settembre 2020.
  9. Uccisa per tre euro mentre va a fare la spesa: pena ridotta dall'ergastolo a 30 anni per il killer dell'omicidio di Barge. TorinoToday. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 novembre 2021.
  10. Delitto di Barge: così Daniele Ermanno Bianco ha evitato l'ergastolo in appello. Targatocn.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 novembre 2021.
  11. Barge: condanna definitiva a 30 anni per l'assassino di Anna Piccato, uccisa per due spiccioli. Quotidiano Piemontese. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 novembre 2022.
  12. Uccise una pensionata per 3 euro, nessuna attenuante per Daniele Ermanno Bianco. Cuneodice.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 novembre 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.