Menu Ricerca voce
Menu
Domani sarà la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le Donne.

È una ricorrenza importante che, nell'obiettivo di eliminare qualsiasi forma di violenza nella piena affermazione dei diritti di tutti gli esseri umani, pone una marcata attenzione sul fenomeno della violenza contro le donne.

È stata ufficialmente istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999 con la risoluzione 54/134 che richiamava i principi espressi nella risoluzione 48/104 del 23 dicembre 1993 sull'eliminazione della violenza contro le donne.

Il suddetto documento riconosce che la violenza contro le donne rappresenta, storicamente, la manifestazione della disuguaglianza tra i generi che ha portato nel tempo gli uomini alla dominazione e alla discriminazione nei confronti delle donne. Fenomeni che hanno ostacolato l'avanzamento delle donne nella società, spesso ponendole in posizioni di subordinazione.

Per questi motivi l'Assemblea ha ritenuto urgente il bisogno di instituire una giornata per ricordare che la violenza perpetrata sulle donne costituisce un ostacolo all'uguaglianza, la sicurezza, la libertà, l'integrità e la dignità di tutti gli esseri umani.

È stato scelto quel giorno per commemorare le "Sorelle Mirabal", tre donne uccise il 25 novembre del 1960 nella Repubblica Dominicana per essersi opposte alla dittatura di Rafael Trujillo, presidente che aveva governato il paese centroamericano dal 1930 al 1961.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Susanna Mallus a Quartu Sant'Elena

Vittima:
Susanna Mallus
Killer:
Massimiliano Mallus
Località:
Quartu Sant'Elena
Data:
29 giugno 2019
Foto dall'alto delle Saline di Molentargius con Quartu Sant'Elena sullo sfondo
Foto dall'alto delle Saline di Molentargius con Quartu Sant'Elena sullo sfondo (di Cristiano Cani, licenza CC BY 2.0)
Foto dall'alto delle Saline di Molentargius con Quartu Sant'Elena sullo sfondo
Foto dall'alto delle Saline di Molentargius con Quartu Sant'Elena sullo sfondo (di Cristiano Cani, licenza CC BY 2.0)

Susanna Mallus, 55 anni, è stata uccisa nella notte tra il 28 e il 29 giugno 2019 nella sua abitazione di Quartu Sant'Elena in provincia di Cagliari.

Ad allertare i soccorsi era stato il compagno della vittima che non riusciva più a mettersi in contatto con lei. La donna viveva in un complesso residenziale insieme alla madre anziana. Il fratello della cinquantacinquenne, Massimiliano Mallus, risiedeva nello stesso complesso, ma in una casa separata e non era presente all'arrivo dei militari sul luogo. Si era reso irreperibile e nelle ore successive sono scattate le ricerche.

Secondo le ricostruzioni, i due fratelli avrebbero avuto in passato frequenti litigi per l'eredità di famiglia. Si era inizialmente sospettato che l'omicidio fosse avvenuto al termine di un ennesimo furioso diverbio. L'uomo di 52 anni è stato il principale sospettato per gli inquirenti e in serata è stato ritrovato lungo le vie di Quartu mentre vagava in stato confusionale. È stato dunque arrestato e trasportato all'ospedale per accertarsi delle sue condizioni di salute. Il giorno seguente è stato trasferito al carcere Uta di Cagliari.‍[1][2]

Negli interrogatori davanti al pubblico magistrato e al giudice per le indagini preliminari, Mallus ha confessato il delitto. L'episodio che avrebbe innescato la furia omicida sarebbe una discussione sull'amministrazione dei soldi che la sorella gestiva per conto della madre pensionata.‍[3] L'esame autoptico ha rilevato circa venti coltellate sferrate in diversi punti del corpo della vittima. In particolare, il colpo letale sarebbe stato inferto alla gabbia toracica, che ha raggiunto cuore e polmone.‍[4]

Il 27 maggio 2020 il cinquantacinquenne è stato condannato in primo grado a 16 anni di reclusione.‍[5]

Note

  1. Uccisa con 18 coltellate. Fermato il fratello. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'1 luglio 2019.
  2. Donna di 55 anni uccisa a coltellate. Dimesso il fratello: andrà in carcere. Sardiniapost.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'1 luglio 2019.
  3. Delitto Mallus, il fratello confessa: "Ho perso la testa e l'ho uccisa". L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 luglio 2019.
  4. Donna uccisa: colpo letale cuore-polmone. ANSA.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'1 luglio 2019.
  5. Sorella uccisa a coltellate a Quartu, Massimiliano Mallus condannato a 16 anni. Casteddu On line. Archiviato dall'originale. Consultato il 27 maggio 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.