Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Rosalia Garofalo a Mazara del Vallo

Vittima:
Rosalia Garofalo
Presunto killer:
Marcello Vincenzo Frasillo
Località:
Mazara del Vallo
Data:
29 gennaio 2020
Foto di Piazza della Repubblica a Mazara del Vallo in provincia di Trapani. Sullo sfondo la Cattedrale dove sono stati celebrati i funerali di Rosalia Garofalo

Foto di Piazza della Repubblica a Mazara del Vallo in provincia di Trapani. Sullo sfondo la Cattedrale dove sono stati celebrati i funerali di Rosalia Garofalo (di Morgan Sand, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Rosalia Garofalo

Rosalia Garofalo, 52 anni, è stata trovata morta la sera del 29 gennaio 2020 nella sua abitazione di Mazara del Vallo in provincia di Trapani.‍‍[1]

Foto di Piazza della Repubblica a Mazara del Vallo in provincia di Trapani. Sullo sfondo la Cattedrale dove sono stati celebrati i funerali di Rosalia Garofalo

Foto di Piazza della Repubblica a Mazara del Vallo in provincia di Trapani. Sullo sfondo la Cattedrale dove sono stati celebrati i funerali di Rosalia Garofalo (di Morgan Sand, licenza CC BY-SA 3.0)

A dare l'allarme fu il marito, Marcello Vincenzo Frasillo, 53 anni, che telefonò al pronto intervento medico segnalando che la moglie aveva avuto un malore. I sanitari giunti sul posto non poterono fare nulla per rianimarla: la donna, riversa sul letto matrimoniale, aveva già perso la vita. La cinquantaduenne presentava numerosi lividi, ecchimosi e tumefazioni su diverse parti del corpo.

Le molteplici lesioni riscontrate furono riconducibili a un violento pestaggio eseguito a mani nude e con oggetti contundenti. L'ispezione medico legale rilevò soprattutto segni di recenti percosse, ricevute nell'arco dei tre giorni precedenti. L'esame evidenziò fratture a uno zigomo, al naso, alla regione lombosacrale, alle costole e diverse altre lesioni alle gambe. Proprio le fratture alle costole provocarono uno pneumotorace con conseguente insufficienza respiratoria acuta da cui derivò il decesso.

L'ora della morte fu collocata tra le 12.00 e le 16.00 del 29 gennaio, ma la chiamata ai soccorsi fu effettuata da Frasillo intorno alle 20.00.‍‍[2] Quando il personale sanitario giunse nell'abitazione, l'uomo disse di aver trovato la moglie già morta. Dopodiché il cinquantatreenne fu condotto dalla Polizia nel locale commissariato. Sottoposto a interrogatorio, si dichiarò estraneo alle responsabilità nel decesso della coniuge, pur ammettendo di averla picchiata perché, a suo dire, lei lo tradiva.‍‍[3]‍‍[4]

La signora Rosalia denunciò il marito per lesioni personali, maltrattamenti, minacce, ingiurie e percosse in tre occasioni: una volta nel dicembre del 2017, poi due volte nel corso del 2019, in aprile e in ottobre. Negli ultimi due casi, tuttavia, la vittima ritirò la querela. La donna fu anche assistita da un centro antiviolenza e ospitata in una casa famiglia, ma successivamente tornò nell'abitazione insieme al compagno.‍‍[5]

Frasillo aveva precedenti per maltrattamenti in famiglia e minacce ai propri parenti. Le violenze pregresse sulla moglie sarebbero durate molteplici anni. Alla luce degli elementi raccolti, la Procura di Marsala dispose il decreto di fermo nei confronti del cinquantatreenne.‍‍[3]‍‍[4] La coppia era sposata da circa 30 anni e aveva un figlio che si era trasferito all'estero.‍‍[6]‍‍[7]

Nei giorni successivi il giudice per le indagini preliminari respinse la richiesta di convalida del fermo ritenendo non sussistente il pericolo di fuga, ma dispose comunque l'ordinanza di custodia cautelare in carcere in virtù dei gravi indizi di colpevolezza presenti a carico dell'uomo. Nel corso dell'interrogatorio di garanzia, Frasillo si era difeso sostenendo di aver maltrattato la moglie nella sola giornata di lunedì 27 gennaio e di averle, in seguito, consigliato di farsi accompagnare in ospedale o di chiamare un medico, ma lei si era rifiutata.

Versione che non avrebbe trovato riscontri dalle risultanze dell'esame autoptico, secondo cui la vittima sarebbe stata aggredita ripetutamente, per giorni, fino al sopraggiungere della morte.‍‍[8] In autunno vennero chiuse le indagini.‍‍[9] Nel gennaio del 2021 il cinquantatreenne fu rinviato a giudizio con le accuse di omicidio volontario, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.‍‍[10]‍‍[11]

Note

  1. Uccisa dal marito a Mazara del Vallo, la donna lo aveva denunciato. BlogSicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 gennaio 2020.
  2. Femminicidio di Mazara del Vallo, avviato il processo a Vincenzo Frasillo. TrapaniSi. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 marzo 2021.
  3. a b Omicidio a Mazara del Vallo, Rosalia Garofalo massacrata di botte dal marito. Diretta Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 gennaio 2020.
  4. a b Massacrata di botte dal marito: donna uccisa a Mazara del Vallo. I particolari. Tp24.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 gennaio 2020.
  5. Processo feminicidio Mazara del Vallo, sentiti investigatori della Polizia. TrapaniSi. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 aprile 2021.
  6. Omicidio a Mazara del Vallo, morta una donna. TrapaniSì. Archiviato dall'originale. Consultato il 30 gennaio 2020.
  7. Femminicidio di Mazara. Rosalia, il marito violento, le denunce. Un omicidio annunciato? Tp24.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 gennaio 2020.
  8. Rimane in carcere Vincenzo Marcello Frasillo. Trapani Oggi. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 febbraio 2020.
  9. Al via processo per l'omicidio della mazarese Rosalia Garofalo uccisa un anno fa dal marito. Prima Pagina Trapani. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 gennaio 2021.
  10. Donna disabile uccisa a botte, rinviato a giudizio il marito. ANSA.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 febbraio 2021.
  11. Mazara, disabile uccisa a botte. Rinviato a giudizio il marito. Gazzetta del Sud. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 febbraio 2021.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.