Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Speranza Ponti ad Alghero

Vittima:
Speranza Ponti
Presunto killer:
Massimiliano Farci
Località:
Alghero
Data:
31 gennaio 2020
La nuova Parrocchia di Nostra Signora della Pazienza a Uri (Sassari) dove l'8 ottobre 2020 sono stati celebrati i funerali di Speranza Ponti

La nuova Parrocchia di Nostra Signora della Pazienza a Uri dove l'8 ottobre 2020 sono stati celebrati i funerali di Speranza Ponti (di Gianni Careddu, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Speranza Ponti

I resti del corpo senza vita di Speranza Ponti, 50 anni, furono ritrovati la mattina del 31 gennaio 2020 in un terreno di Carrabuffas, zona di campagna nella periferia di Alghero in provincia di Sassari.‍‍[1]

Panoramica serale dall'alto di Uri, paese d'origine di Speranza Ponti in provincia di Sassari

Panoramica serale dall'alto di Uri, paese d'origine di Speranza Ponti (di Antonio Carboni, licenza CC BY-SA 3.0)

La donna, originaria di Uri (Sassari), era scomparsa dal precedente mese di dicembre. Il rinvenimento avvenne in seguito all'interrogatorio del convivente Massimiliano Farci, 53 anni. Quest'ultimo, messo sotto torchio dinanzi alle evidenze investigative, dopo ore di colloquio di fronte agli inquirenti, ammise l'occultamento del cadavere della cinquantenne sostenendo che lei si fosse suicidata il precedente 6 dicembre, indicando agli investigatori il luogo dove aveva nascosto la salma.

Tale versione tuttavia non convinse pienamente la Procura di Sassari che dispose il fermo con l'accusa di omicidio volontario, nonché dei reati di occultamento di cadavere, furto e utilizzo indebito di carta Bancomat.‍‍[2]‍‍[3] Il cinquantatreenne era pregiudicato, condannato in vita definitiva all'ergastolo per l'omicidio nel 1999 dell'imprenditore Roberto Baldussi, originario di San Sperate (Sud Sardegna).

Il delitto venne compiuto allo scopo di impadronirsi della Lotus Rossa di proprietà dell'imprenditore. Baldussi chiedeva una cifra troppo alta per la vendita, così Farci, secondo la sentenza, non rassegnandosi a quell'esito e volendo a tutti i costi impossessarsi dell'auto, attirò l'uomo in una trappola fino a strangolarlo. Successivamente, insieme al fratello, si sbarazzò del cadavere gettandolo in una discarica nei pressi della pedemontana di Assemini (Cagliari).‍‍[4]

Il cinquantatreenne, durante il periodo di detenzione, era stato poi sottoposto a un regime di semilibertà che gli aveva permesso, di giorno, di convivere insieme a Speranza Ponti e di gestire con lei una pizzeria ad Alghero, mentre la sera ritornava in carcere. Secondo le ricostruzioni, la donna aveva di recente venduto un appartamento e coi soldi derivanti da quella cessione Farci ne avrebbe tratto beneficio eseguendo alcuni lavori di ristrutturazione nella pizzeria.

Inoltre, dopo la scomparsa della cinquantenne, l'uomo avrebbe prelevato denaro dal Bancomat a lei intestato per un ammontare di circa 5 mila euro. Per questi motivi gli inquirenti ritennero che il movente del delitto potesse essere di natura economica.‍‍[5] L'indiziato avrebbe anche depistato le indagini inviando, col cellulare della vittima, messaggi ad amici e parenti per fargli credere che la donna fosse ancora viva e che si era trasferita all'estero.‍‍[6]‍‍[7]

Il 3 febbraio 2020, nel corso dell'udienza di convalida del fermo svolta di fronte al giudice per le indagini preliminari, Farci ribadì di non aver commesso l'omicidio. L'indiziato sostenne che la compagna, a suo dire depressa, si fosse tolta la vita, impiccandosi all'interno dell'abitazione dove convivevano ad Alghero. L'uomo giustificò l'occultamento del cadavere dichiarando di temere di non essere creduto dagli investigatori. Inoltre la vittima gli avrebbe confidato la volontà di essere sepolta sul Monte Carru nei pressi di Carrabuffas, dove era possibile vedere il mare e Capo Caccia, un imponente promontorio di roccia calcarea situato nell'estremità nord-occidentale dell'isola sarda.

Il giudice, non ritenendo credibile il racconto del cinquantatreenne, aveva disposto la custodia cautelare in carcere confermando le accuse contestate dalla Procura.‍‍[8] Nel gennaio del 2021 l'uomo fu rinviato a giudizio.‍‍[9] Nel corso del processo diversi testimoni riferirono che la relazione tra la vittima e l'imputato era ormai giunta al capolinea e la donna stava riflettendo su come proseguire senza l'ex compagno al proprio fianco.‍[10]

La nuova Parrocchia di Nostra Signora della Pazienza a Uri (Sassari) dove l'8 ottobre 2020 sono stati celebrati i funerali di Speranza Ponti

La nuova Parrocchia di Nostra Signora della Pazienza a Uri dove l'8 ottobre 2020 sono stati celebrati i funerali di Speranza Ponti (di Gianni Careddu, licenza CC BY-SA 4.0)

In un'udienza svolta nell'ottobre del 2021, un dipendente della pizzeria gestita dalla coppia testimoniò che Farci gli aveva chiesto di spedire in Venezuela un telefonino con una scheda Sim intestata alla cinquantenne. Lì qualcuno lo avrebbe dovuto accendere per poi farlo sparire. Secondo l'accusa sarebbe stato uno stratagemma architettato dall'imputato per depistare le indagini. Il piano tuttavia non andò in porto poiché il dipendente di origini venezuelane raccontò tutto ai Carabinieri.‍[11]

In un'udienza del mese successivo la pubblica accusa sostenne che l'imputato avesse registrato diversi messaggi vocali sul proprio smartphone con l'intento di modificarne la voce, rendendola simile a quella della vittima, per poi mandarli ai parenti della stessa e fargli credere che la signora Ponti stesse bene e si trovasse in Spagna.‍[12]

Nel febbraio del 2022 i periti incaricati di esaminare i resti della vittima relazionarono al processo che lo stato dei reperti non aveva consentito di accertare segni di violenza, ma l'avulsione di due denti fece presupporre che la donna fosse stata colpita almeno una volta o che avesse subito un tentativo di pressione tra il collo e la mascella.‍[13]

Il successivo mese di maggio l'imputato aveva testimoniato a processo, ribadendo la propria versione dei fatti, ovvero che la mattina del 6 dicembre 2019, al rientro a casa, aveva rinvenuto la compagna senza vita, impiccata. L'uomo, dicendosi disperato, avrebbe aspettato 24 ore per poi trasportare il cadavere a Monte Carru, dove lo aveva occultato.

La deposizione lasciò molti dubbi nei magistrati che, nel corso della stessa udienza, evidenziarono una contraddizione. Dagli accertamenti tecnici eseguiti sul cellulare di Farci, risultava che lui sì recò a Monte Carru la mattina del 6 dicembre e non il giorno dopo, come testimoniato dallo stesso imputato.‍[14]

Note

  1. Ritrovato il corpo di Speranza Ponti. La Procura accusa di omicidio il suo convivente. Olbianova. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 gennaio 2020.
  2. Donna uccisa ad Alghero, il fidanzato fermato si difende: "Si è suicidata". L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 gennaio 2020.
  3. Giallo di Alghero, in carcere il compagno di Speranza Ponti. La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale. Consultato il 31 gennaio 2020.
  4. Delitto della Lotus rossa, confermate le condanne. La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 febbraio 2020.
  5. Speranza Ponti, i funerali si celebreranno a Uri. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 febbraio 2020.
  6. Il giallo di Speranza Ponti, al setaccio l'auto di Farci. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 febbraio 2020.
  7. Uccisa ad Alghero, ordinanza: "Movente denaro non restituito". Cagliaripad.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 febbraio 2020.
  8. Femminicidio di Alghero, Farci si difende: "Non ho ucciso Speranza, la amavo". La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 febbraio 2020.
  9. Femminicidio Alghero: fidanzato a processo il 29 marzo. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 gennaio 2021.
  10. Femminicidio Alghero: testi in aula, "la relazione era finita". ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 ottobre 2021.
  11. Femminicidio di Alghero, Farci voleva depistare le indagini. La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 ottobre 2021.
  12. Un trucco per far credere che Speranza era viva. La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 novembre 2021.
  13. Omicidio di Speranza Ponti ad Alghero, i periti: "E' stata colpita al volto". SardegnaLive. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 febbraio 2022.
  14. Il delitto di Alghero, Farci piange ma non convince i pm. La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 maggio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.