Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Silvia Manetti a Monterotondo Marittimo

Vittima:
Silvia Manetti
Killer:
Nicola Stefanini
Località:
Monterotondo Marittimo
Data:
12 agosto 2021
Uno scorcio del Palazzo Comunale di Monterotondo Marittimo in provincia di Grosseto

Uno scorcio del Palazzo Comunale di Monterotondo in provincia di Grosseto (di Mongolo1984, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Silvia Manetti

Silvia Manetti, 46 anni, è stata uccisa dal compagno Nicola Stefanini, 48 anni, nel corso della notte tra l'11 e il 12 agosto 2021 a Monterotondo Marittimo in provincia di Grosseto.‍[1][2]

Uno scorcio del Palazzo Comunale di Monterotondo Marittimo in provincia di Grosseto

Uno scorcio del Palazzo Comunale di Monterotondo in provincia di Grosseto (di Mongolo1984, licenza CC BY-SA 4.0)

L'uomo intorno alle ore 00.20 aveva telefonato al 112 rivelando di aver commesso un omicidio. In preda a un forte stato di agitazione, non era in grado di specificare dove si trovasse, riuscendo soltanto a riferire più volte di aver tolto la vita alla compagna.

Lo stesso, diversi minuti più tardi, fu localizzato dai Carabinieri in zona Campetroso, un'area periferica del comune di Monterotondo. Il quarantottenne aveva i vestiti sporchi di sangue mentre, a poca distanza, sostava un auto con il cadavere della signora Manetti. La quarantaseienne giaceva sul sedile del passeggero e presentava una vistosa ferita d'arma da taglio al collo. Nella stessa vettura anche il coltello con cui fu compiuto l'omicidio.

La coppia si era trasferita da poco a Monterotondo. Lei era originaria di Pontassieve (Firenze), ma ultimamente risiedeva ad Altopascio (Lucca). Madre di due figli di 10 e 14 anni, aveva vissuto ad Ascoli Piceno, nelle Marche, con il marito per circa venti anni, poi era rimasta vedova. Dopo il decesso del coniuge, era tornata in Toscana insieme ai figli.‍[3][4]

In seguito aveva conosciuto Stefanini, operaio di un'azienda del posto, originario di Volterra (Pisa). Secondo le ricostruzioni, la coppia aveva festeggiato la sera di mercoledì 11 agosto in un locale di Suvereto (Livorno) il terzo anniversario della loro relazione.‍[5][6] Sconosciuto il motivo del gesto, scaturito probabilmente al culmine di una violenta lite in auto.

L'uomo fu arrestato con l'accusa di omicidio volontario. Il 14 agosto, nell'interrogatorio di garanzia dinanzi al giudice per le indagini preliminari, il quarantottenne aveva confessato il delitto, riferendo che lungo il tragitto di ritorno verso casa la coppia avrebbe avuto una discussione in auto. A un certo punto Stefanini accostò la vettura e cominciò a colpire la compagna con un coltello. Tuttavia l'uomo, secondo il suo racconto, non ricordava quando si consumò l'aggressione e il motivo per cui aveva agito in quel modo.

Il giudice convalidò l'arresto e la custodia cautelare in carcere.‍[7][8] L'esame autoptico rilevò 16 fendenti sferrati al collo della vittima con un coltello che il quarantottenne quella notte aveva portato con sé. I colpi recisero la carotide e il decesso, causato da "anemia meta-emorragica", fu pressoché immediato.‍[9] Secondo le ricostruzioni, negli ultimi tempi l'armonia della coppia sarebbe stata compromessa da diverse discussioni e incomprensioni relative ai figli della donna.‍[10][11]

Note

  1. Uccide la compagna e chiama il 112: "Venite, non so dove sono". Adnkronos. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 agosto 2021.
  2. Silvia Manetti uccisa dal compagno a Grosseto dopo la cena per l'anniversario di fidanzamento: aveva due figli. Il Messaggero. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 agosto 2021.
  3. Femminicidio a Monterotondo; la vittima aveva abitato ad Altopascio. NoiTV. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 agosto 2021.
  4. Femminicidio di Grosseto: Pontassieve piange la sua Silvia. OK!Valdisieve. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 agosto 2021.
  5. Silvia, uccisa dal compagno: una vita di grandi tragedie e amori. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 agosto 2021.
  6. Silvia Manetti uccisa da Nicola Stefanini, la confessione: "L'ho ammazzata". ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 agosto 2021.
  7. "L'ho uccisa ma non ricordo nulla". E per i due figli si prospetta l'affido. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 agosto 2021.
  8. Silvia, uccisa a Grosseto. Il compagno: "Non ricordo perché l'ho fatto". lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 agosto 2021.
  9. Il delitto di Monterotondo. "Silvia Manetti uccisa da 16 coltellate al collo". lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 gennaio 2022.
  10. Femminicidio di Monterotondo, due colpi per uccidere Silvia con il coltello regalo degli amici. Il Tirreno. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 agosto 2021.
  11. Femminicidio di Monterotondo Marittimo, Nicola litigava con Silvia per i figli di lei. Il Tirreno. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 agosto 2021.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.