Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Mihaela Kleics a Quartu Sant'Elena

Vittima:
Mihaela Kleics
Presunto killer:
Sandro Sarais
Località:
Quartu Sant'Elena
Data:
13 dicembre 2021
La Basilica Pontificia Minore di Sant'Elena Imperatrice a Quartu Sant'Elena in provincia di Cagliari

La Basilica Pontificia Minore di Sant'Elena Imperatrice a Quartu Sant'Elena in provincia di Cagliari (di Sailko, licenza CC BY 3.0)

Voce su Mihaela Kleics

La Basilica Pontificia Minore di Sant'Elena Imperatrice a Quartu Sant'Elena in provincia di Cagliari

La Basilica Pontificia Minore di Sant'Elena Imperatrice a Quartu Sant'Elena in provincia di Cagliari (di Sailko, licenza CC BY 3.0)

Mihaela Kleics, 50 anni, è stata trovata morta nel corso del pomeriggio di lunedì 13 dicembre 2021 all'interno dell'abitazione dove risiedeva a Quartu Sant'Elena in provincia di Cagliari. La donna, originaria della Romania, conviveva insieme al compagno di 56 anni, Sandro Sarais.‍[1]

Ad allertare i soccorsi era stata la sorella della vittima, che dalla Romania aveva telefonato alle forze dell'ordine in Italia, preoccupata perché da giorni non riusciva più a mettersi in contatto con la cinquantenne. I Carabinieri in precedenza si erano già recati più volte nell'abitazione della coppia per sedare diversi litigi.

A chiamarli i vicini di casa che frequentemente sentivano delle forti urla provenire dall'appartamento dove i due convivevano. I militari sarebbero intervenuti l'ultima volta sul posto il sabato precedente, 11 dicembre. In passato fu persino richiesto il supporto di un'ambulanza per medicare la donna. I Carabinieri nel pomeriggio del 13 dicembre avevano trovato la porta chiusa a chiave, mentre nessuno rispondeva dall'interno e Sarais risultava irreperibile. Dovettero intervenire i Vigili del Fuoco per fare irruzione nell'appartamento.

Il corpo senza vita della vittima giaceva nella camera da letto e presentava numerose ferite d'arma da taglio. I militari avviarono subito le indagini con le ricerche del cinquantaseienne che si era allontanato dal posto. L'uomo fu rintracciato e poi bloccato nelle ore successive lungo la strada fra Maracalagonis (Cagliari) e Castiadas (Sud Sardegna), nelle campagne di Solanas, frazione di Sinnai (Cagliari).

Si era nascosto con la propria auto vicino a un cavalcavia. Alla vista dei militari aveva tentato di suicidarsi, provando a tagliarsi la gola e i polsi con un coltello. Le lesioni fortunatamente non risultarono gravi, ma Sarais fu comunque trasportato e ricoverato all'ospedale di Cagliari, piantonato dai Carabinieri che lo sottoposero a fermo con l'accusa di omicidio volontario della compagna.‍[2][3]

Uno scorcio di Arad, una delle più grandi città della regione occidentale della Romania, da cui era originaria Mihaela Kleics

Uno scorcio di Arad, una delle più grandi città della regione occidentale della Romania, da cui era originaria Mihaela Kleics (di Nick Savchenko, licenza CC BY-SA 2.0)

Il cinquantaseienne, disoccupato e originario di Nuraminis (Sud Sardegna), avrebbe ammesso dinanzi ai militari di essere il responsabile del delitto. Tuttavia in ospedale, interrogato dal pubblico magistrato, non rispose ad alcuna domanda. L'esame autoptico disposto dalla Procura rilevò numerose coltellate sul corpo della vittima, contando circa una trentina di fendenti. Non si escluse che la donna fosse stata uccisa nei giorni precedenti al ritrovamento, probabilmente sabato 11 dicembre, dopodiché il compagno si era allontanato dall'abitazione.

La signora Kleics era originaria di Arad, capoluogo dell'omonimo distretto situato nella regione occidentale della Romania.‍[4] Da alcuni anni viveva in Italia. Ultimamente era disoccupata, anche se in passato aveva lavorato come cameriera in un bar del Cagliaritano. Era madre di una figlia di 32 anni, rimasta però con i parenti in Romania.‍[5]

La cinquantenne nel precedente mese di agosto aveva presentato al commissariato di Quartu una denuncia a carico del convivente per maltrattamenti.‍[6][7] Tuttavia pochi giorni dopo lei aveva tentato di ritirare la querela, un'operazione non possibile poiché per legge scattava il procedimento d'ufficio e tutti gli atti furono già trasmessi in Procura.‍[8]

Sarais il 16 dicembre continuò ad avvalersi della facoltà di non rispondere dinanzi al giudice per le indagini preliminari che lo interrogò nel reparto dell'ospedale dove si trovava ricoverato.‍[9] Nei confronti dell'indiziato fu convalidata la custodia cautelare in carcere.‍[10]

Il successivo 20 dicembre il cinquantaseienne si suicidò, gettandosi da una finestra al terzo piano del nosocomio Businco di Cagliari. I soccorritori avevano provato a rianimarlo, ma l'uomo non riuscì a sopravvivere.‍[11][12]

Note

  1. Cagliari, uccisa a coltellate in casa: Mihaela trovata morta vestita sul letto. Fermato il compagno. Leggo.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2021.
  2. Quartu Sant'Elena: donna uccisa a coltellate in casa, il compagno fermato per omicidio. Rai News. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2021.
  3. Femminicidio a Quartu, il compagno di Mihaela piantonato al Brotzu: "È indagato per omicidio". Casteddu On line. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2021.
  4. Il femminicidio di Quartu, il corpo di Mihaela di nuovo a casa in Romania. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 dicembre 2021.
  5. Quartu, lo choc della sorella di Mihaela: "Voleva sposarlo, lui la minacciava di morte ma sembrava uno scherzo". Casteddu On line. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 dicembre 2021.
  6. Quartu, uccisa a coltellate. Il compagno accusato di femminicidio non risponde al pm. Sardiniapost.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 dicembre 2021.
  7. Sarais confessa: "L'ho uccisa io". Poi non risponde al magistrato. La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 dicembre 2021.
  8. Massacrata con 30 coltellate a Quartu, ad agosto denunciò il compagno. I vicini: "Un omicidio annunciato". L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 dicembre 2021.
  9. Femminicidio a Quartu, Sarais ancora in silenzio. È mistero sui soggiorni in un albergo di Cagliari. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 dicembre 2021.
  10. Femminicidio di Quartu, il giudice: "Sandro Sarais rinchiuso a Uta appena sarà guarito". Casteddu On line. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 dicembre 2021.
  11. Uccisa in casa a coltellate, suicida il compagno arrestato. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 dicembre 2021.
  12. Quartu, si toglie la vita l'uomo accusato dell'omicidio di Mihaela Kleics. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 dicembre 2021.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.