Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Martina Scialdone a Tuscolano di Roma

Vittima:
Martina Scialdone
Presunto killer:
Costantino Bonaiuti
Località:
Tuscolano di Roma
Data:
13 gennaio 2023
Uno scorcio sulla Basilica di Santa Maria Ausiliatrice in zona Furio Camillo, quartiere Tuscolano di Roma, dove sono stati celebrati i funerali di Martina Scialdone

Uno scorcio sulla Basilica di Santa Maria Ausiliatrice in zona Furio Camillo, quartiere Tuscolano di Roma, dove sono stati celebrati i funerali di Martina Scialdone (di LPLT, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Martina Scialdone

Martina Scialdone, 34 anni, è stata uccisa nel corso della tarda serata del 13 gennaio 2023 a Roma, in zona Furio Camillo tra i quartieri Tuscolano e Appio Latino. La vittima è stata raggiunta da un colpo di pistola sparato dall'ex compagno Costantino Bonaiuti, 61 anni.‍[1][2]

Uno scorcio sulla Basilica di Santa Maria Ausiliatrice in zona Furio Camillo, quartiere Tuscolano di Roma, dove sono stati celebrati i funerali di Martina Scialdone

Uno scorcio sulla Basilica di Santa Maria Ausiliatrice in zona Furio Camillo, quartiere Tuscolano di Roma, dove sono stati celebrati i funerali di Martina Scialdone (di LPLT, licenza CC BY-SA 3.0)

Secondo le ricostruzioni, i due si trovavano a cena in un ristorante di viale Amelia. Probabilmente si erano dati un appuntamento per delle questioni da chiarire riguardanti la loro relazione, ormai terminata. Nel corso dell'incontro Bonaiuti e Scialdone hanno alzato i toni, passando da una discussione pacata e un vero e proprio litigio. Nel corso dell'alterco sarebbe persino intervenuto il proprietario del locale che ha invitato i due a continuare il colloquio all'esterno per non disturbare i clienti.

C'è stato anche un tentativo di aggressione, poiché la trentaquattrenne, per sfuggire all'ex compagno si era riparata in bagno. Il proprietario aveva chiamato i Carabinieri e,‍[3] nel frattempo, Bonaiuti si era allontanato, mentre la donna avrebbe anche avvertito il fratello che in seguito si è recato sul posto. Quando la situazione era sembrata placarsi, la donna è uscita all'esterno del ristorante. Purtroppo però la discussione è ricominciata in strada e il sessantunenne ha esploso contro di lei uno o più proiettili d'arma da fuoco, ferendola mortalmente dinanzi agli occhi del fratello.‍[4][5]

L'uomo si è introdotto nuovamente nel locale, mandando nel panico i presenti che avevano sentito lo sparo, poi si è dileguato per darsi alla fuga.‍[6] La vittima rimasta ferita e agonizzante, si era accasciata sul marciapiede. Alcuni passanti e il fratello di lei hanno allertato i soccorsi che, poco dopo, si sono precipitati sulla scena del crimine. Il personale sanitario ha provato a tenere in vita la trentaquattrenne, ma non c'è stato nulla da fare. Troppo gravi le sue condizioni, alla fine è deceduta.

In seguito Bonaiuti è stato rintracciato e fermato dalla Polizia. L'uomo è un sindacalista, ingegnere e tecnico dell'Enav. Risiedeva a Colle Salario, in un'abitazione che condivideva con l'ex moglie. La pistola utilizzata per compiere l'omicidio risulterebbe regolarmente detenuta per uso sportivo.‍[7] Martina Scialdone era un'avvocata e lavorava in uno studio legale di Roma.‍[8] Aveva iniziato a frequentare Bonaiuti nel 2021. Una relazione durata circa un anno fin quando, pochi mesi prima del delitto, lei aveva deciso di chiudere quel rapporto.

Il sessantunenne è stato condotto in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dai motivi abietti e futili e dall'avere agito contro una persona a cui era legato sentimentalmente.‍[9] Il successivo 16 gennaio, nell'interrogatorio di garanzia, l'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Il difensore di Bonaiuti ha precisato che il proprio assistito era seguito da un centro specializzato per una forma di depressione, poiché il sessantunenne sarebbe stato affetto da difficoltà psicologiche e psichiatriche. Sempre secondo il parere del legale, l'uomo non avrebbe avuto l'intenzione di uccidere l'ex compagna, quanto piuttosto di far del male a sé stesso. Probabilmente si voleva suicidare, ma sarebbe partito accidentalmente un proiettile che ha colpito mortalmente la vittima.

Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato l'arresto e disposto la permanenza in carcere.‍[10] Nell'ordinanza di custodia cautelare, lo stesso giudice ha precisato che l'unico obiettivo perseguito da Bonaiuti fosse esclusivamente quello di uccidere l'ex compagna poiché, dopo il delitto, "pur potendo rivolgere l'arma nei suoi stessi confronti, ha con estrema lucidità diretto la sua azione esclusivamente alla fuga".

Inoltre il sessantunenne non era solito portare con sé armi, se non per scopi sportivi. Sarebbe stato dunque ragionevole ritenere che l'ingegnere, consapevole della volontà della donna di voler interrompere definitivamente la relazione, unitamente alla scoperta di una nuova frequentazione di lei, si fosse recato all'ultimo appuntamento portando con sé preordinatamente la pistola, con la quale poi le avrebbe sparato, uccidendola.‍[11]

Note

  1. L'ex le spara: l'avvocata Martina Scialdone uccisa a 34 anni fuori dal ristorante. Canale Dieci. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 gennaio 2023.
  2. Chi è Martina Scialdone, la donna uccisa dall'ex al Tuscolano: aveva 35 anni ed era un'avvocata. Fanpage. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 gennaio 2023.
  3. Femminicidio Scialdone, il gip che ha convalidato l'arresto di Bonaiuti commenta il caso su Facebook: "Il ristoratore aveva chiamato il 112". Open. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 gennaio 2023.
  4. Femminicidio a Roma, convalidato il fermo per l'uomo che ha sparato a Martina Scialdone. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 gennaio 2023.
  5. Donna uccisa dall'ex compagno: lite nel ristorante, fuga in bagno e l'invito a lasciare il locale: "State dando fastidio". Il Riformista. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 gennaio 2023.
  6. I testimoni del femminicidio di Martina Scialdone: "Le ha sparato ed è tornato nel ristorante con l'arma, ci siamo nascosti sotto i tavoli". Open. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 gennaio 2023.
  7. Chi è Costantino Bonaiuti, l'ex di Martina Scialdone: il tiro con la pistola e la storia della malattia. Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 gennaio 2023.
  8. Martina Scialdone: chi era l'avvocata uccisa dall'ex. Canale Dieci. Archiviato dall'originale. Consultato il 14 gennaio 2023.
  9. Omicidio Martina Scialdone, la Procura: "Delitto premeditato". Today.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 gennaio 2023.
  10. Femminicidio a Roma: Bonaiuti non risponde al gip e resta in carcere. AGI. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 gennaio 2023.
  11. Martina Scialdone, ordinanza: "Bonaiuti aveva un solo obiettivo: ucciderla". Adnkronos. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 gennaio 2023.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.