Il femminicidio di Maria Michelle Causo a Primavalle di Roma

Vittima:
Maria Michelle Causo
Località:
Primavalle di Roma
Data:
28 giugno 2023
Uno scorcio della Chiesa di Santa Maria della Presentazione nel quartiere Primavalle di Roma dove sono stati celebrati i funerali di Michelle Causo

Uno scorcio della Chiesa di Santa Maria della Presentazione nel quartiere Primavalle di Roma dove sono stati celebrati i funerali di Michelle Causo (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Voce su Maria Michelle Causo

Uno scorcio della Chiesa di Santa Maria della Presentazione nel quartiere Primavalle di Roma dove sono stati celebrati i funerali di Michelle Causo

Uno scorcio della Chiesa di Santa Maria della Presentazione nel quartiere Primavalle di Roma dove sono stati celebrati i funerali di Michelle Causo (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Maria Michelle Causo, 17 anni, chiamata "Misci" dagli amici, fu trovata morta nel corso del pomeriggio del 28 giugno 2023 nel quartiere Primavalle di Roma. La ragazza abitava nello stesso quartiere e frequentava il liceo psicopedagogico Vittorio Gassman della Capitale.‍[1]

Ad allertare le forze dell'ordine furono alcuni residenti della zona. Uno, in particolare, aveva segnalato un giovane mentre spingeva un carrello che trasportava all'interno un sacco nero da cui gocciolava del sangue. Il carrello fu poi abbandonato vicino ad alcuni cassonetti dell'immondizia.

Gli agenti di Polizia intervenuti sul posto, nei pressi di via Stefano Borgia, avevano effettuato la macabra scoperta: avvolto nel sacco c'era il cadavere di Maria Michelle Causo. Gli investigatori seguirono poi la scia di sangue sull'asfalto che conduceva in via Giuseppe Benedetto Dusmet, a circa 150 metri dal luogo del ritrovamento.‍[2]

Nei dintorni fu individuato un coetaneo della vittima, residente nelle vicinanze, nato in Italia da genitori stranieri originari dello Sri Lanka. Il giovane, considerato il principale sospettato dell'omicidio di Maria Michelle, fu fermato dagli agenti e condotto in Commissariato. Sottoposto a un lungo interrogatorio, aveva confessato il delitto.

Davanti al pubblico ministero della Procura minorile, avrebbe riferito di aver compiuto il gesto per "un debito di appena trenta, quaranta euro", relativo all'acquisto di alcune dosi di droga. La diciassettenne, che risiedeva in un altro edificio dello stesso quartiere, si sarebbe recata nell'abitazione del coetaneo perché voleva i soldi indietro, ma lui l'avrebbe derisa. A quel punto, tra i due sarebbe iniziato un violento alterco, degenerato nell'omicidio.‍[3]

La madre del reo confesso non era a casa nel momento del delitto, che si sarebbe consumato tra le 15:30 e le 16.00, quando alcuni vicini avevano sentito delle forti urla provenire dall'appartamento del giovane. Secondo le prime risultanze dell'esame autoptico, la vittima sarebbe stata colpita da almeno sei fendenti, inferti con un coltello da cucina, forse in rapida successione. Michelle aveva tentato, invano, di difendersi nel corso dell'aggressione mortale. La ragazza non aveva subito abusi di tipo sessuale.‍[4]

Dopo le coltellate, il corpo esanime della diciassettenne fu avvolto in un sacco e immesso in un carrello. Di seguito il tentativo di occultarlo, trasportandolo per circa 150 metri fino ai cassonetti dei rifiuti. Tra la vittima e il sospettato non sussisteva alcuna relazione sentimentale: i due erano semplici conoscenti.‍[5][6] Michelle era fidanzata con un altro ragazzo residente nel quartiere di Torre Spaccata.‍[7]

Il successivo 1º luglio, l'indagato ribadì la propria versione dei fatti nell'interrogatorio di garanzia. La famiglia della vittima, però, sollevò numerosi dubbi sul movente di natura economica, ipotizzando piuttosto il delitto compiuto in seguito a un rifiuto: la diciassettenne non aveva problemi di soldi, mentre il giovane potrebbe essere stato invaghito di lei, che però era già fidanzata con un altro ragazzo. In ogni caso, il giudice per le indagini preliminari aveva convalidato il fermo nei confronti del minorenne.‍[8][9]

Nel successivo mese di dicembre, la Procura minorile ottenne il giudizio immediato per il reo confesso. Nei suoi confronti furono contestati l'omicidio volontario, l'occultamento e il vilipendio di cadavere con le aggravanti della premeditazione, della minore età della vittima e dell'aver agito per (minimo) profitto.‍[10] Tutti reati compiuti "in continuazione", ovvero come parte un unico piano.

La facciata della Chiesa di Santa Maria della Salute nel quartiere Primavalle di Roma

La facciata della Chiesa di Santa Maria della Salute nel quartiere Primavalle di Roma (di Pufui PcPifpef, licenza CC BY-SA 4.0)

Secondo le ricostruzioni della pubblica accusa, infatti, il giovane aveva pianificato il delitto. Il diciassettenne avrebbe effettuato "reiterate ricerche" online su "come accoltellare in punti vitali". Già nella serata del 27 giugno 2023 avrebbe voluto ucciderla, attirandola con l'inganno a un incontro in un luogo appartato nei pressi del quartiere di Bastogi. Ma in quell'occasione lei si era presentata in ritardo e lui aveva rinunciato.

Il pomeriggio seguente il giovane l'aveva convinta a raggiungere la sua abitazione con il proposito di saldare il debito che aveva con lei. Le aveva scritto "porta 60 e ti do 100". Nell'appartamento l'aveva aggredita, cogliendola di sorpresa alle spalle e colpendola 23 volte con una lama da 12 centimetri. La vittima rimase agonizzante almeno per 40 minuti. Infine il diciassettenne aveva provato a sbarazzarsi del corpo senza vita, riponendolo in un cassonetto "al pari di un rifiuto da smaltire".‍[11]

Nel corso del procedimento giudiziario fu disposta una perizia psichiatrica per valutare lo stato di lucidità del minorenne nel momento del delitto.‍[12] L'esame stabilì la piena capacità di intendere e di volere dell'imputato. Nell'udienza del 29 maggio 2024, il giovane dichiarò di aver aggredito Michelle Causo dopo essersi sentito offeso per delle frasi pronunciate da lei.‍[13]

Note

  1. Chi era Michelle Causo, la 17enne uccisa da un coetaneo e trovata morta in un carrello della spesa a Primavalle. Open · Archiviato dall'originale. Consultato il 29 giugno 2023.
  2. Omicidio Primavalle, arrestato 17enne. I genitori di Michelle Causo: "Massacrata". Trovato il coltello da cucina con cui è stata uccisa. la Repubblica · Archiviato dall'originale. Consultato il 29 giugno 2023.
  3. Omicidio Michelle Causo a Primavalle, la madre: "Aveva scoperto qualcosa di losco, per questo lui l'ha uccisa". Open · Archiviato dall'originale. Consultato il 1º luglio 2023.
  4. Michelle Causo, eseguita l'autopsia: "Coltellate al collo, all'addome e alla schiena. Si è difesa". Open · Archiviato dall'originale. Consultato il 1º luglio 2023.
  5. Michelle uccisa con un coltello da cucina, il suo cadavere in un carrello: arrestato un coetaneo. Il padre della 17enne: "Lo aveva respinto, ammazzata come un cane". La madre: "Voglio giustizia". La Stampa · Archiviato dall'originale. Consultato il 29 giugno 2023.
  6. Michelle Causo uccisa a 17 anni e abbandonata accanto ai cassonetti dei rifiuti a Roma. Fermato un coetaneo. Oggi · Archiviato dall'originale. Consultato il 29 giugno 2023.
  7. Omicidio di Primavalle, convalidato il fermo. La madre di Michelle: "Caduta in una trappola". RaiNews · Archiviato dall'originale. Consultato il 3 luglio 2023.
  8. Convalidato il fermo del 17enne accusato di aver ucciso Michelle. ANSA · Archiviato dall'originale. Consultato il 1º luglio 2023.
  9. Michelle Causo, convalidato l'arresto del 17enne accusato dell'omicidio. Il giallo delle due telefonate. Today · Archiviato dall'originale. Consultato il 1º luglio 2023.
  10. Uccise Michelle Causo e mise il corpo in un carrello, giudizio immediato per il 17enne. "Omicidio premeditato". Il Fatto Quotidiano · Archiviato dall'originale. Consultato il 1º dicembre 2023.
  11. Delitto di Primavalle a Roma: "Il killer di Michelle Causo ha studiato il delitto sul web". Corriere.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 4 dicembre 2023.
  12. Omicidio Primavalle, al via il processo. I genitori di Michelle: "Assassino marcisca in carcere". RomaToday · Archiviato dall'originale. Consultato il 21 febbraio 2024.
  13. Uccise e gettò una 17enne nel carrello della spesa: "Mi aveva offeso". Today · Archiviato dall'originale. Consultato il 29 maggio 2024.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.