Il femminicidio di Sofia Castelli a Cologno Monzese

Vittima:
Sofia Castelli
Killer:
Zakaria Atqaoui
Località:
Cologno Monzese
Data:
29 luglio 2023
Uno scorcio di Piazza Castello nel centro di Cologno Monzese

Uno scorcio di Piazza Castello nel centro di Cologno Monzese (di DaveM93, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Sofia Castelli

Sofia Castelli, 20 anni, fu uccisa dall'ex compagno Zakaria Atqaoui, 23 anni, nel corso delle prime ore del mattino del 29 luglio 2023 all'interno dell'abitazione della giovane a Cologno Monzese in provincia di Milano.‍[1][2]

Uno scorcio di Piazza Castello nel centro di Cologno Monzese

Uno scorcio di Piazza Castello nel centro di Cologno Monzese (di DaveM93, licenza CC BY-SA 3.0)

La vittima, dopo una serata trascorsa fuori casa, verso le ore 6.00 ritornò nel proprio appartamento insieme a una sua amica. I genitori non erano presenti perché si trovavano in Sardegna per partecipare alle nozze d'oro dei nonni della giovane.‍[3]

Precedentemente il ventitreenne italo-marocchino si era introdotto di soppiatto nell'abitazione, essendo in possesso di una copia delle chiavi della porta d'ingresso che era riuscito a sottrarre con l'inganno alla ex compagna.‍[4] Una volta all'interno, si era nascosto nell'armadio: dunque né la vittima, né la sua amica si accorsero della presenza del malintenzionato in casa.‍[5] Atqaoui aveva atteso che entrambe si addormentassero, poi uscì allo scoperto e cominciò a colpire l'ex fidanzata a coltellate, probabilmente nel sonno, togliendole le vita.‍[6] Secondo l'autopsia, risultarono fatali alcuni fendenti sferrati alla gola.

Dopo il delitto, il ventitreenne si costituì alle forze dell'ordine. Allontanatosi dalla scena del crimine, vagò in stato confusionale nei dintorni della centrale della Polizia locale con i vestiti macchiati di sangue. Richiamò l'attenzione di un'auto di servizio e confessò agli agenti di aver ucciso l'ex compagna.‍[7] Successivamente fu accompagnato alla caserma dei Carabinieri dove, davanti agli inquirenti, ribadì le proprie responsabilità.‍[1] Nei suoi confronti fu disposto il fermo e il trasferimento nel carcere di Monza con l'accusa di omicidio volontario.

Secondo le testimonianze, già nel pomeriggio del giorno precedente il giovane aveva provato ad avere un ultimo chiarimento con l'ex fidanzata, ma in quell'occasione la ventenne gli aveva fatto capire che la loro relazione era terminata. I due si conoscevano da diversi anni e avevano iniziato una relazione nel 2018, poi continuata tra alti e bassi, fino alla rottura poche settimane prima dell'omicidio.

Sofia Castelli era una studentessa di Sociologia all'Università Bicocca di Milano. Era impiegata anche in un centro commerciale di Cologno Monzese e, da poco, aveva iniziato a fare l'educatrice in un campo estivo.‍[4] Atqaoui invece era disoccupato. Cresciuto a Cologno, si era poi trasferito nel vicino comune di Vimodrone. Dopo la partenza dei genitori per l'estero, sarebbe rimasto solo. Per questo la famiglia di Sofia l'avrebbe ospitato nella propria abitazione per quasi un anno e mezzo.‍[7]

Il successivo 1º agosto 2023, nel corso dell'interrogatorio di garanzia, Atqaoui confermò la confessione già resa nei giorni precedenti agli inquirenti in caserma. Il giovane avrebbe agito sulla base del sospetto che l'ex compagna avesse un nuovo ragazzo,‍[8] riferendo di aver colpito più volte la vittima al collo ma, dopo il primo fendente, non avrebbe ricordato altro, fino a quando non si era accorto di essere insanguinato fuori dalla stanza.

Il giudice per le indagini preliminari non convalidò il fermo, ritenendo insussistente il rischio di fuga, ma dispose comunque la custodia cautelare in carcere per l'italo-marocchino considerando l'estrema gravità del fatto e gli elementi che attestavano un'evidente "mancanza di controllo dei propri istinti violenti".‍[9]

Il successivo mese di dicembre la Procura di Monza chiuse le indagini e ottenne il rinvio a giudizio per il reo confesso, contestando le aggravanti della premeditazione, dei futili motivi e dell'uso del "mezzo insidioso" (per essersi nascosto nell'armadio della camera da letto della vittima prima di sferrare l'agguato mortale).‍[10] Nell'udienza del processo tenutasi il 1º marzo 2024, l'imputato rese dichiarazioni spontanee affermando: "Voglio chiedere scusa alla famiglia e a tutti quelli a cui ho causato disagio".‍[11]

La pubblica accusa chiese la pena dell'ergastolo, ma il 12 aprile 2024 la Corte d'Assise di Monza aveva condannato l'imputato a 24 anni di reclusione, riconoscendo le attenuanti generiche equivalenti alle aggravanti contestate.‍[12] Secondo le motivazioni della sentenza di primo grado, il giovane uccise l'ex compagna con "coscienza e volontà", ma meritava le attenuanti perché, subito dopo il delitto, aveva fermato una pattuglia della Polizia locale e si era "assunto le sue responsabilità", "permettendo alle forze dell'ordine di intervenire prontamente all'interno dell'abitazione" dove si era consumato l'omicidio.

Il reo confesso, inoltre, aveva "ricostruito i dettagli del delitto, compresi quelli che avevano portato alla contestazione di alcune aggravanti che non sarebbero state dimostrate senza il suo racconto". La Corte tenne anche conto della storia familiare dell'imputato, apparsa "particolarmente disagiata e difficile", nonché del fatto che il giovane era "incensurato e alla prima esperienza giudiziaria".‍[13]

Note

  1. a b Cologno Monzese, Sofia Castelli uccisa con coltellate alla gola dall'ex fidanzato: aveva 20 anni. Lui confessa. Il Giorno · Archiviato dall'originale. Consultato il 30 luglio 2023.
  2. Sofia, chi era la ragazza uccisa a coltellate a 20 anni. MilanoToday · Archiviato dall'originale. Consultato il 30 luglio 2023.
  3. Uccisa dall'ex fidanzato, Sofia Castelli stava per raggiungere la Sardegna. Sassari Oggi · Archiviato dall'originale. Consultato il 31 luglio 2023.
  4. a b Femminicidio Cologno: la lite, le chiavi rubate e l'agguato all'alba nel sonno. Le ultime ore di Sofia Castelli. Il Giorno · Archiviato dall'originale. Consultato il 30 luglio 2023.
  5. Sofia Castelli, il killer: "Ero nascosto nell'armadio, l'ho sentita parlare di altri ragazzi, mi sono arrabbiato e l'ho uccisa". Il Gazzettino · Archiviato dall'originale. Consultato il 2 agosto 2023.
  6. Sofia Castelli, il piano criminale dell'ex fidanzato: si è nascosto in casa e ha aspettato che lei si addormentasse. Il Giorno · Archiviato dall'originale. Consultato il 31 luglio 2023.
  7. a b Sofia Castelli uccisa nel sonno, due settimane fa l'addio a Zakaria. Lui ha rubato le chiavi di casa e l'ha accoltellata. Corriere.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 31 luglio 2023.
  8. Femminicidio di Sofia Castelli, 5 ore di interrogatorio per l'ex. I genitori della ragazza: "Vogliamo sapere cosa è successo negli ultimi attimi della sua vita". La Stampa · Archiviato dall'originale. Consultato il 2 agosto 2023.
  9. Femminicidio Cologno Monzese, resta in carcere l'assassino di Sofia Castelli. Il gip: "Incapace di controllare gli impulsi violenti". Open · Archiviato dall'originale. Consultato il 3 agosto 2023.
  10. Cologno Monzese, si nascose nell'armadio e uccise l'ex fidanzata a coltellate: giudizio immediato per Zakaria Atqaoui. Corriere.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 18 dicembre 2023.
  11. Femminicidio di Sofia Castelli, la Procura chiede l'ergastolo per l'ex fidanzato: "Omicidio feroce e premeditato". La Stampa · Archiviato dall'originale. Consultato il 2 marzo 2024.
  12. Omicidio Sofia Castelli, l'ex fidanzato condannato a 24 anni di reclusione. Il Giorno · Archiviato dall'originale. Consultato il 12 aprile 2024.
  13. Omicidio Sofia Castelli, niente ergastolo per Zakaria Atqaoui anche se ha ucciso la ex "con coscienza e volontà". La rabbia della famiglia. Il Giorno · Archiviato dall'originale. Consultato il 1º luglio 2024.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.