Il femminicidio di Vincenza Angrisano ad Andria

Vittima:
Vincenza Angrisano
Killer:
Luigi Leonetti
Località:
Andria
Data:
28 novembre 2023
Uno scorcio della Cattedrale di Santa Maria Assunta ad Andria, dove sono stati celebrati i funerali di Vincenza Angrisano

Uno scorcio della Cattedrale di Santa Maria Assunta ad Andria, dove sono stati celebrati i funerali di Vincenza Angrisano (di Marcoleo11, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Vincenza Angrisano

La città di Andria vista dall'alto

La città di Andria vista dall'alto (di LeoneMarco97, licenza CC BY-SA 4.0)

Vincenza Angrisano, 42 anni, è stata uccisa dall'ex compagno Luigi Leonetti, 51 anni, nel corso del tardo pomeriggio del 28 novembre 2023 nell'abitazione in cui i due risiedevano alla periferia di Andria, a ridosso della strada provinciale 231, a pochi chilometri dal centro del capoluogo pugliese.‍[1][2]

L'uomo ha accoltellato la donna, probabilmente al culmine di un litigio. Il delitto è avvenuto mentre in casa erano presenti anche i loro figli, di 6 e 11 anni. È stato proprio Leonetti ad allertare i soccorsi, riferendo nella chiamata al 112 di aver ferito gravemente la convivente. Quando il personale sanitario e i Carabinieri sono giunti nell'appartamento, la vittima era già deceduta: giaceva esanime a terra con diverse ferite d'arma da taglio.

Il marito è stato fermato dai militari e accompagnato in caserma per essere ascoltato dagli inquirenti della Procura di Trani. Nel corso dell'interrogatorio ha confessato il delitto, riferendo che la moglie lo tradiva con un'altra persona e precisando che i figli in casa non avevano assistito all'aggressione mortale perché si trovavano in un'altra stanza dell'abitazione.‍[3] Al termine delle formalità di rito, l'uomo è stato condotto in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato dal rapporto coniugale con la vittima.‍[4] I due bambini, assistiti dal personale del centro traumi dell'Azienda Sanitaria Locale, sono stati affidati ad alcuni parenti.

Secondo le ricostruzioni, Vincenza e Luigi vivevano da separati in casa.‍[5] Leonetti era impiegato come custode di un rimessaggio: risiedeva insieme alla famiglia in un edificio adiacente alla sede dell'azienda di cui era dipendente. Angrisano invece lavorava come consulente del marchio Stanhome.‍[4]

Uno scorcio della Cattedrale di Santa Maria Assunta ad Andria, dove sono stati celebrati i funerali di Vincenza Angrisano

Uno scorcio della Cattedrale di Santa Maria Assunta ad Andria, dove sono stati celebrati i funerali di Vincenza Angrisano (di Marcoleo11, licenza CC BY-SA 4.0)

Circa un mese prima del delitto, la donna avrebbe riferito al marito la volontà di interrompere la relazione coniugale e, contestualmente, allontanarsi dall'abitazione per trovare una nuova sistemazione. Da quel momento si sarebbero susseguiti vari litigi fra i due. Il precedente 23 novembre, cinque giorni prima dell'omicidio, la quarantaduenne aveva dovuto ricorrere alle cure mediche in ospedale e ai medici aveva dichiarato di essere stata colpita dal marito con due schiaffi al volto.‍[6][7]

Il successivo 30 novembre, nel corso dell'interrogatorio di garanzia, il cinquantunenne ha ammesso le proprie responsabilità e ha ribadito la confessione precedentemente rilasciata ai Carabinieri.‍[8] Secondo quanto affermato dal legale dell'uomo, la signora Angrisano avrebbe umiliato il marito rivelandogli di avere una relazione extraconiugale con un'altra persona.‍[9] Il giudice per le indagini preliminari non ha convalidato il fermo per la mancanza del pericolo di fuga, ma ha comunque emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Leonetti, ritenendo sussistenti i gravi indizi di colpevolezza e le esigenze cautelari.‍[10]

Nell'ordinanza firmata dal gip è stato precisato che, nel pomeriggio del 28 novembre, la donna avrebbe comunicato al marito che sarebbe andata via per prendere il più piccolo dei figli da scuola per poi non fare più rientro a casa. Successivamente pero, per una esigenza del bambino, lei era dovuta tornare nell'abitazione.‍[11] Proprio in quei frangenti, la quarantaduenne sarebbe stata raggiunta da tre coltellate mentre si trovava sull'uscio della porta del bagno. A rivelarsi fatale il fendente che l'uomo ha sferrato al petto della vittima.‍[12]

Sempre nell'ordinanza di custodia cautelare, il gip ha inoltre sottolineato che "uno degli aspetti di maggiore rilevanza concerneva la maturazione dell'intento omicidiario, a partire da quanto occorso il 23 novembre", quando l'uomo aveva preso a schiaffi la moglie facendola finire in ospedale con quattro giorni di prognosi. Da quel momento l'uomo avrebbe "sedimentato l'idea di uccidere sua moglie". "Non aveva ben chiaro il momento, né il luogo, né la modalità, ma questo pensiero si era riproposto più volte nella sua mente." Il tutto era ancor più sostenuto dal fatto che la donna gli aveva comunicato, il giorno prima del delitto, "di aver preso in affitto un appartamento e che si sarebbe trasferita dal 20 dicembre".‍[11]

Note

  1. Andria, accoltella la moglie davanti ai figli piccoli e chiama il 118: "L'ho uccisa". La Gazzetta del Mezzogiorno · Archiviato dall'originale. Consultato il 29 novembre 2023.
  2. Uccide la moglie e chiama il 118: "L'ho accoltellata, venite". AGI · Archiviato dall'originale. Consultato il 29 novembre 2023.
  3. Femminicidio Andria, ha confessato il marito di Enza. A scuola dei figli il messaggio: "Addio mamma". Giovedì la convalida del fermo. La Gazzetta del Mezzogiorno · Archiviato dall'originale. Consultato il 29 novembre 2023.
  4. a b Femminicidio ad Andria. Scriveva: "Donne, alzate la voce". Due giorni dopo viene uccisa dal marito davanti ai figli. Corriere.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 29 novembre 2023.
  5. Andria, uccisa a coltellate davanti ai figli di 6 e 11 anni dal marito. Il legale: "Pensa ai figli". RaiNews · Archiviato dall'originale. Consultato il 29 novembre 2023.
  6. Uccisa dal marito, la vittima era stata in ospedale pochi giorni prima del femminicidio. La ricostruzione degli inquirenti. l'Immediato · Archiviato dall'originale. Consultato il 30 novembre 2023.
  7. L'audio di Vincenza Angrisano prima di essere uccisa: "Mio marito mi ha alzato le mani". AGI · Archiviato dall'originale. Consultato il 2 dicembre 2023.
  8. Donna uccisa ad Andria: marito confessa delitto anche a gip. trmtv · Archiviato dall'originale. Consultato il 1º dicembre 2023.
  9. Femminicidio Andria, Leonetti ha ucciso per una "gelosia esasperata". Antenna Sud · Archiviato dall'originale. Consultato il 1º dicembre 2023.
  10. Donna uccisa ad Andria, marito resta in carcere. trmtv · Archiviato dall'originale. Consultato il 1º dicembre 2023.
  11. a b Femminicidio ad Andria, il gip: "Il marito meditava il delitto da 5 giorni. Ma non sapeva quando e come". Telebari · Archiviato dall'originale. Consultato il 5 dicembre 2023.
  12. Femminicidio ad Andria, a uccidere Vincenza una coltellata al cuore. La Gazzetta del Mezzogiorno · Archiviato dall'originale. Consultato il 3 dicembre 2023.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.