Il femminicidio di Anna Elisa Fontana a Pantelleria

Vittima:
Anna Elisa Fontana
Presunto killer:
Onofrio Bronzolino
Località:
Pantelleria
Decesso:
Palermo
Data:
25 settembre 2023
Uno scorcio panoramico dell'isola siciliana di Pantelleria

Uno scorcio panoramico dell'isola siciliana di Pantelleria (di Luce61, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Anna Elisa Fontana

Uno scorcio panoramico dell'isola siciliana di Pantelleria

Uno scorcio panoramico dell'isola siciliana di Pantelleria (di Luce61, licenza CC BY-SA 4.0)

Nel corso della notte tra venerdì 22 e sabato 23 settembre 2023, Anna Elisa Fontana, 48 anni, è stata data alle fiamme dal compagno Onofrio Bronzolino, 52 anni, nell'abitazione che i due condividevano sull'isola di Pantelleria in provincia di Trapani.‍[1]

La vittima è rimasta gravemente ustionata su circa il 90% del corpo. Trasportata in condizioni critiche all'ospedale civico di Palermo, la donna è morta due giorni dopo, il 25 settembre, nel 2º reparto di "Rianimazione Grandi Ustioni".‍[2][3]

Anche l'uomo, durante l'aggressione, ha rimediato varie ustioni che hanno richiesto il ricovero nel reparto detenuti dello stesso nosocomio. Dopo aver dato fuoco alla compagna, le fiamme di ritorno lo avrebbero investito sul viso e ad un ginocchio. Per questo ha rischiato di perdere la vista.

Sul caso ha aperto un'inchiesta la Procura di Trapani, le cui indagini sono state eseguite dai Carabinieri di Pantelleria e dal Comando provinciale di Trapani. Bronzolino è stato sottoposto a fermo con le accuse di tentato omicidio aggravato e incendio doloso. Dopo la morte della donna, il capo d'imputazione è stato modificato in omicidio volontario.

La signora Anna Elisa Fontana, madre di cinque figli, in passato aveva sposato un altro uomo da cui poi si era separata. La quarantottenne lavorava come dipendente di una struttura alberghiera di Pantelleria. Negli ultimi tempi aveva iniziato una nuova relazione con Bronzolino, operaio edile della stessa isola.

Secondo le prime ricostruzioni dagli inquirenti, la coppia avrebbe avuto vari litigi nel corso della serata del 22 settembre. Un primo alterco si sarebbe verificato in un noto bar di Pantelleria, dove i due avevano passato la serata, probabilmente perché Anna Elisa aveva salutato un uomo.‍[4] Poi, di ritorno a casa, le liti non si solo placate. A un certo punto il cinquantaduenne sarebbe andato nel magazzino dell'abitazione e avrebbe preso una tanica di liquido infiammabile, contenente benzina. Si è così avventato sulla donna, versandole addosso il liquido per poi appiccare le fiamme.‍[2][3]

Non risultano alle forze dell'ordine pregresse denunce per maltrattamenti o violenza domestica anche se, secondo alcuni conoscenti, la donna sarebbe stata più volte minacciata dal convivente. Mentre Bronzolino era ancora ricoverato in ospedale, il giudice per le indagini preliminari ha disposto il trasferimento in carcere non appena le sue condizioni lo permettano.‍[5][6]

Note

  1. Dà fuoco alla moglie a Pantelleria: la donna è in gravissime condizioni. La Sicilia · Archiviato dall'originale. Consultato il 25 settembre 2023.
  2. a b È morta dopo due giorni di agonia Anna Elisa, la donna bruciata viva dal compagno. RaiNews · Archiviato dall'originale. Consultato il 25 settembre 2023.
  3. a b Ustionata dal compagno a Pantelleria, è morta Anna Elisa Fontana. Giornale di Sicilia · Archiviato dall'originale. Consultato il 25 settembre 2023.
  4. Muore data alle fiamme, aveva salutato un uomo. BlogSicilia · Archiviato dall'originale. Consultato il 2 ottobre 2023.
  5. Anna Elisa Fontana, bruciata viva: il compagno finirà in carcere, ecco chi è. QdS · Archiviato dall'originale. Consultato il 2 ottobre 2023.
  6. Il femminicidio di Pantelleria, Bronzolino andrà in carcere. Tp24.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 2 ottobre 2023.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.