L'omicidio di Ewa Kaminska a San Giovanni a Teduccio di Napoli

Vittima:
Ewa Kaminska
Killer:
Pasquale Pinto
Località:
San Giovanni a Teduccio di Napoli
Data:
8 febbraio 2024
La Chiesa di San Giovanni Battista nel quartiere San Giovanni a Teduccio di Napoli

La Chiesa di San Giovanni Battista nel quartiere San Giovanni a Teduccio di Napoli

Voce su Ewa Kaminska

La Chiesa di San Giovanni Battista nel quartiere San Giovanni a Teduccio di Napoli

La Chiesa di San Giovanni Battista nel quartiere San Giovanni a Teduccio di Napoli

Ewa Kaminska, 48 anni, è stata uccisa dal marito Pasquale Pinto, 54 anni, nell'abitazione in cui la coppia risiedeva a San Giovanni a Teduccio, un quartiere dell'area orientale di Napoli.‍[1][2]

L'omicidio si è consumato nelle prime ore del mattino dell'8 aprile 2024, poco prima che il cinquantaquattrenne si affacciasse dalla finestra del suo appartamento, al quarto piano di un condominio in via Raffaele Testa, e cominciasse a sparare con una pistola, seminando il panico in strada.

Vicini e passanti, allarmati dai colpi di pistola, hanno avvertito le forze dell'ordine. Alcuni di loro hanno anche parlato con l'uomo che avrebbe risposto: "Non sono pazzo". Sul posto è intervenuto il personale della Polizia di Stato che ha tentato di trattare con Pinto affinché uscisse dall'appartamento disarmato.

Il malintenzionato però si era barricato in casa, bloccando la porta dall'interno, e avrebbe continuato a sparare altri proiettili dalla finestra, fortunatamente senza ferire nessuno. Il cinquantaquattrenne avrebbe anche urlato di aver tolto la vita alla moglie, mentre avrebbe rassicurato che i loro figli erano a scuola.

La coppia era sposata da diversi anni. La donna era originaria di Sztum in Polonia. Dalla loro relazione erano nati tre figli: un giovane di 18 anni, un altro ragazzo di 16 e una ragazzina di 14. I tre adolescenti, in quei momenti concitati, si trovavano fuori casa: il primogenito era partito per una gita, mentre gli altri due erano a scuola.‍[3]

Pasquale Pinto in passato aveva lavorato come guardia giurata. Molti anni prima, durante il servizio, era rimasto ferito da colpi di pistola esplosi da un malvivente in un tentativo di rapina. Da allora, fu costretto a lasciare l'impiego e percepiva un'indennità.

Trascorse diverse ore, poco dopo le 11.00, le forze di Polizia hanno deciso di fare irruzione nell'appartamento. Una volta all'interno, il personale in divisa ha scoperto i corpi senza vita dei due coniugi. Il cinquantaquattrenne si era suicidato prima che la Polizia facesse irruzione, probabilmente avvelenandosi con dei farmaci. La moglie, invece, è stata ammazzata dall'uomo con circa quaranta coltellate.‍[4]

Sconosciuti i motivi dell'efferato gesto. Il cinquantaquattrenne non ha lasciato lettere o biglietti che spiegassero l'accaduto. Secondo le testimonianze di alcuni conoscenti, Pinto negli ultimi tempi sarebbe stato affetto da forti crisi depressive.‍[5][6] Il figlio della vittima però, in un'intervista al quotidiano Il Mattino di Napoli, ha escluso la presenza di una crisi depressiva, riferendo che il padre talvolta manifestava delle "paranoie".‍[7]

Note

  1. Napoli, uomo armato in casa spara contro la polizia a San Giovanni a Teduccio: aveva ucciso la moglie, poi il suicidio. Il Mattino · Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2024.
  2. Napoli, il vigilante di San Giovanni a Teduccio ha tagliato la gola alla moglie e poi si è suicidato. Cronache della Campania · Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2024.
  3. Chi sono Lino Pinto e Eva Kaminska, la coppia morta nel femminicidio-suicidio di San Giovanni a Teduccio. Fanpage · Archiviato dall'originale. Consultato l'8 febbraio 2024.
  4. Napoli, dramma di San Giovanni: la moglie uccisa con 40 coltellate. Il Mattino · Archiviato dall'originale. Consultato il 10 febbraio 2024.
  5. Napoli, la guardia giurata ha minacciato anche un vicino: "Sparo in testa anche a te". Poi si è avvelenato. Cronache della Campania · Archiviato dall'originale. Consultato il 9 febbraio 2024.
  6. Pasquale Pinto uccide la moglie Eva e si suicida, il giallo del movente: "Nun so' pazz". Today · Archiviato dall'originale. Consultato il 9 febbraio 2024.
  7. Omicidio-suicidio a Napoli, parla il figlio di Pasquale Pinto. "Era paranoico, ma non chiamatelo killer". IlSussidiario.net · Archiviato dall'originale. Consultato il 13 febbraio 2024.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.