Il femminicidio di Jennifer Zacconi a Maerne di Martellago

Vittima:
Jennifer Zacconi
Killer:
Lucio Niero
Località:
Maerne di Martellago
Data:
7 maggio 2006

Voce su Jennifer Zacconi

Jennifer Zacconi 20 anni, scomparve negli ultimi giorni del mese di aprile del 2006 e fu ritrovata morta il successivo 7 maggio a Maerne, frazione di Martellago in provincia di Venezia. La giovane era al nono mese di gravidanza, avrebbe partorito nei giorni successivi al massacro.‍[1]

La locale Procura avviò le indagini mentre erano in corso le ricerche. L'amante della ragazza, Lucio Niero, un imprenditore di 34 anni, padre di due figli, fu considerato tra i principali sospettati. Convocato dai Carabinieri, si rese inizialmente irreperibile. L'uomo fu poi fermato il 7 maggio 2006. Nell'interrogatorio di fronte agli inquirenti, confessò l'omicidio. Fu lui stesso a indicare il luogo in cui aveva seppellito la vittima, un campo a Maerne di Martellago.‍[2][3]

Il trentaquattrenne aveva una relazione extraconiugale con Jennifer di cui non avrebbe mai parlato alla moglie. La giovane chiedeva un sostegno economico per il figlio, frutto della loro unione, ma l'uomo non voleva alcuna responsabilità sul futuro nascituro. La situazione aveva portato a profondi contrasti e numerose liti, tra cui l'ultima sfociata nell'aggressione mortale avvenuta, secondo le ricostruzioni, nella notte tra il 29 e il 30 aprile 2006.

La vittima venne violentemente pestata. Presa a calci e pugni, le furono strappati tutti i capelli e spaccata la spina dorsale.‍[4] Gettata in una buca, fu calpestata e seppellita viva. L'esame autoptico stabilì il decesso per asfissia. La ragazza aveva ingerito una cospicua quantità di terreno.‍[5][6] Dopo il delitto, il trentaquattrenne tentò di depistare le indagini, impossessandosi del cellulare della giovane e mandando un messaggio ai genitori di lei, cercando di fargli credere che fosse ancora viva.

Niero fu rinviato a giudizio in rito abbreviato e condannato in via definitiva a 30 anni di reclusione per omicidio volontario e procurato aborto.‍[7][8]

Note

  1. Jennifer Zacconi, la storia della ragazza sepolta viva al nono mese di gravidanza. GQ Italia · Archiviato dall'originale.
  2. La confessione di Lucio: "L'ho uccisa". La Nuova Venezia · Archiviato dall'originale.
  3. Era incinta, così l'ho strangolata. la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  4. Sepolta viva con il bimbo in grembo, permesso premio al killer di Jennifer. Il Mattino · Archiviato dall'originale.
  5. L'ha sotterrata viva con il bimbo nel grembo. La Stampa · Archiviato dall'originale.
  6. Venezia, è stata sepolta viva la ragazza incinta al nono mese. la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  7. Sepolta viva, trent'anni di carcere. Il Mattino di Padova · Archiviato dall'originale.
  8. Venezia: uccise l'amante incinta, sconterà 30 anni di carcere. Blitz Quotidiano · Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.