Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Agata Scuto ad Acireale

Vittima:
Agata Scuto
Presunto killer:
Rosario Palermo
Località:
Acireale
Data:
4 giugno 2012
Foto della Cattedrale di Maria Santissima Annunziata in Piazza del Duomo ad Acireale in provincia di Catania

Foto della Cattedrale di Maria Santissima Annunziata in Piazza del Duomo ad Acireale in provincia di Catania (di Lasterketak, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Agata Scuto

Foto della Cattedrale di Maria Santissima Annunziata in Piazza del Duomo ad Acireale in provincia di Catania

Foto della Cattedrale di Maria Santissima Annunziata in Piazza del Duomo ad Acireale in provincia di Catania (di Lasterketak, licenza CC BY-SA 3.0)

Agata Scuto era una ragazza di 22 anni scomparsa il 4 giugno 2012. La giovane conviveva insieme alla madre in un'abitazione di Acireale, comune in provincia di Catania. Da allora non fu mai più ritrovata. Agata era affetta da epilessia e da una menomazione al braccio e alla gamba. Per questo percepiva una pensione di inabilità, usciva sempre accompagnata e mai da sola.‍[1]

Poco dopo la sparizione, la madre Mariella raccontò di aver lasciato la ventiduenne a casa da sola e di essere andata dalla nonna insieme all'altro figlio. Al suo ritorno nell'abitazione, non l'aveva più trovata. Nelle ore successive fu presentata la denuncia di scomparsa.

La stessa madre aveva poi riferito di aver sentito telefonicamente la figlia e che, durante la chiamata, la giovane le avrebbe confidato di essere fuggita con un ragazzo e di non voler più rincasare. La famiglia successivamente ritirò la denuncia su decisione della signora Mariella, poiché Rosario Palermo, all'epoca suo compagno e convivente, le aveva rivelato di aver visto più volte la ventiduenne in compagnia di un presunto fidanzato. Lo stesso Palermo però, in seguito, aveva smentito quell'avvistamento.

Crebbero così i sospetti di mamma Mariella sull'ex compagno, ipotizzando che la figlia avesse intrattenuto con lui una relazione e che possa essere rimasta incinta. L'uomo fu iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio.

I riflettori sul caso si spensero fino all'ottobre del 2020, quando se ne tornò a parlare dopo una telefonata anonima arrivata alla redazione del programma televisivo "Chi l'ha visto?".‍[2] Nella chiamata fu suggerito che il corpo senza vita di Agata sarebbe stato nascosto nella cantina dell'abitazione della madre. Tuttavia i Carabinieri ispezionarono il posto senza trovare alcuna traccia.

La svolta però avvenne il 17 gennaio 2022. Su richiesta della Procura di Catania, il giudice per le indagini preliminari aveva emesso un'ordinanza di custodia cautelare a carico di Rosario Palermo, 60 anni, formalmente accusato dell'omicidio aggravato e dell'occultamento del cadavere di Agata Scuto.‍[3][4]

Agli atti degli inquirenti ci sarebbero gravi indizi di colpevolezza, tra cui le false informazioni fornite dall'indagato in merito ai propri spostamenti il giorno della scomparsa della giovane. Lo stesso avrebbe cercato, tramite alcuni conoscenti, di confermare il suo falso alibi. Fondamentale tra l'altro un'intercettazione ambientale in cui il sessantenne esprimeva il proprio timore nell'essere scoperto e arrestato. Secondo le ipotesi investigative, i resti del cadavere della vittima sarebbero stati distrutti in un casolare a Pachino (Siracusa), luogo dove la ventiduenne potrebbe essere stata strangolata e bruciata.‍[5]

Nell'interrogatorio di garanzia dinanzi al giudice per le indagini preliminari, l'indiziato si avvalse della facoltà di non rispondere.‍[6] Nel successivo mese di luglio l'uomo fu rinviato a giudizio. Contestate nei suoi confronti anche le aggravanti di aver commesso il fatto ai danni di una persona disabile e per l'aver agito per motivi abietti.‍[7][8]

Note

  1. Scomparsa Agata Scuto, era incinta di un patrigno omicida? QdS. Archiviato dall'originale.
  2. Agata Scuto scomparsa, la madre aggiunge dettagli: "Lei aveva organizzato tutto". UrbanPost. Archiviato dall'originale.
  3. Acireale, "Agata è stata uccisa": risolto omicidio 10 anni dopo la scomparsa. Live Sicilia. Archiviato dall'originale.
  4. Acireale, scomparsa da dieci anni: l'assassino di Agata è l'ex compagno della madre. La Sicilia. Archiviato dall'originale.
  5. Il presunto assassino di Agata Scuto ha confessato il delitto parlando tra sé. AGI. Archiviato dall'originale.
  6. Omicidio di Agata Scuto, il 60enne non risponde. lasiciliaweb. Archiviato dall'originale.
  7. Agata è sparita da dieci anni: Rosario Palermo sarà processato per omicidio. La Sicilia. Archiviato dall'originale.
  8. Agata Scuto "uccisa perché incinta", a processo Rosario Palermo: prima udienza a ottobre. QdS. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.