Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Veronica Valenti a Catania

Vittima:
Veronica Valenti
Killer:
Gora Mbengue
Località:
Catania
Data:
26 ottobre 2014
La Chiesa di Maria Santissima Immacolata a Belpasso in provincia di Catania dove sono stati celebrati i funerali di Veronica Valenti

La Chiesa di Maria Santissima Immacolata a Belpasso (Catania) dove sono stati celebrati i funerali di Veronica Valenti (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Voce su Veronica Valenti

Veronica Valenti, 30 anni, fu uccisa a Catania il 26 ottobre 2014 dall'ex fidanzato Gora Mbengue, 27 anni, perché lui non accettava la fine della loro relazione.‍[1][2]

La vittima era impiegata presso lo stabilimento dell'Ikea nello stesso capoluogo siciliano ed aveva accanto a sé soltanto il padre, perché purtroppo aveva perduto prematuramente la madre per un tumore e la sorella si era trasferita in America con il marito.

La Chiesa di Maria Santissima Immacolata a Belpasso in provincia di Catania dove sono stati celebrati i funerali di Veronica Valenti

La Chiesa di Maria Santissima Immacolata a Belpasso (Catania) dove sono stati celebrati i funerali di Veronica Valenti (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

L'omicida, originario del Senegal, si era trasferito a Catania e abitava nei pressi della stazione. In città lavorava come magazziniere presso un'azienda di bibite. Il giovane aveva una grande passione per l'hip hop ed amava girovagare per le discoteche della zona. Fu proprio in uno di quei locali che i due si conobbero un anno prima del drammatico epilogo.

Gora era conosciuto come un ragazzo semplice e simpatico ma, a detta di un conoscente, negli ultimi tempi era cambiato e diventato molto scontroso. Il padre di Veronica l'aveva messa in guardia, non perché fosse razzista, ma perché troppo diversi, per culture, religioni, modi di vivere. Quando il ventisettenne iniziò ad essere violento, la ragazza prese la decisione di lasciarlo, ma lui non lo accettava.‍[3]

Il giovane chiese un appuntamento per un ultimo chiarimento. Lei glielo concesse e si recò sul posto con la sua auto. Erano le 23.00, lui scese in ciabatte ed entrò nell'abitacolo portandosi dietro un coltello. Fu proprio dinnanzi all'ennesimo rifiuto, dopo una violenta discussione, che Gora sferrò una quantità enorme di fendenti all'addome, massacrando e infierendo sul corpo della vittima. L'assassino poi si diede alla fuga, ma nelle ore successive fu catturato dalle forze dell'ordine. Dinanzi alla Polizia ammise: "Sono sceso di casa con un coltello e ho pensato: se mi dice no, l'ammazzo...".‍[4]

In un prima momento si era parlato di circa 35 fendenti, ma l'autopsia stabilì che Veronica fu raggiunta da 60 coltellate.‍[5][6] La confessione del senegalese ebbe un pieno riscontro nelle indagini degli inquirenti. Poco prima del delitto, un messaggio di lei: "Sono arrivata, scendi". Poi l'aggressione mortale dopo l'ennesimo no.

Mbengue fu rinviato a giudizio in rito abbreviato e condannato in primo grado a 30 anni di reclusione. Pena confermata in Appello con il riconoscimento delle aggravanti della premeditazione e dello stalking. Non riconosciuta invece quella dei motivi abietti e futili.‍[7]

La vittima era originaria di Belpasso in provincia di Catania. I funerali vennero celebrati nella Chiesa Madre del paese dove il sindaco proclamò il lutto cittadino.

Quattro anni dopo, esattamente il 26 ottobre, l'associazione antiviolenza belpassese "For life", presieduta dal padre di Veronica, Giuseppe, aveva promosso un'iniziativa consistente nell'installazione di una cassetta rossa delle lettere presso il "Giardino Martoglio", per rendere più semplice la segnalazione di casi di violenza, abusi e stalking, per chi non aveva il coraggio di recarsi dalle forze dell'ordine o in un centro antiviolenza per denunciare. A tale scopo, la cassetta sarebbe stata aperta, giornalmente, per controllare la presenza di nuovi messaggi.‍[8]

Note

  1. Uccisa a coltellate in auto dal fidanzato: lei voleva lasciarlo, lui non lo accettava. Arrestato dopo la fuga, l'uomo confessa. Il Messaggero. Archiviato dall'originale.
  2. Ad 'Amore Criminale' l'omicidio di Veronica Valenti, l'ex: "Mi ha detto no e l'ho ammazzata". Fanpage. Archiviato dall'originale.
  3. Veronica uccisa dall'ex. La rabbia del padre: le avevo detto di lasciarlo. Giornale di Sicilia. Archiviato dall'originale.
  4. Donna uccisa nella sua auto Catania, arrestato l'ex fidanzato. ANSA. Archiviato dall'originale.
  5. Omicidio Valenti, uccisa con 60 coltellate L'autopsia conferma la dinamica del delitto. MeridioNews. Archiviato dall'originale.
  6. Veronica è stata uccisa con 60 coltellate. L'esito choc dell'autopsia eseguita oggi. La Sicilia. Archiviato dall'originale.
  7. Uccisa con 40 coltellate: confermati 30 anni per l'ex fidanzato. Giornale di Sicilia. Archiviato dall'originale.
  8. Belpasso. Femminicidio, commemorata Veronica Valenti. YVII 24. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.