Il femminicidio di Khadija Bencheikh a Valeggio sul Mincio

Vittima:
Khadija Bencheikh
Killer:
Agim Ajdinaj e Vezir Ajdinaj
Località:
Valeggio sul Mincio
Data:
30 dicembre 2017

Aveva 46 anni ed era originaria del Marocco. I resti del suo corpo sono stati ritrovati il 30 dicembre 2017 in un campo della località di Gardoni a Valeggio sul Mincio, comune in provincia di Verona. Le indagini della procura avevano portato nelle settimane successive al fermo di Agim Ajdinaj, albanese di 51 anni, convivente ed ex marito della vittima. Quest'ultimo, nell'udienza di convalida del fermo, aveva confessato il delitto di fronte al giudice per le indagini preliminari assumendosi tutte le responsabilità.

L'autopsia aveva stabilito il decesso della vittima per le lesioni al cranio dovute ai numerosi colpi inflitti tramite un corpo contundente. L'aggressione sarebbe avvenuta il giorno precedente al ritrovamento, nell'abitazione della donna a Verona al culmine di una lite. Dopo la morte, il cadavere della quarantaseienne è stato fatto a pezzi e abbandonato in un campo agricolo. Successivamente gli inquirenti hanno scoperto che ad aiutare l'assassino nello smembramento del corpo è stato il fratello Vezir Ajdinaj, 54 anni.

Agim è stato condannato a 18 anni di reclusione per omicidio volontario e distruzione di cadavere. Al fratello Vezir è stato riconosciuto il reato di distruzione di cadavere e ha ricevuto una pena di 6 anni di reclusione.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.