Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Milano. Donna violentata in Piazza Gae Aulenti. Lo stupratore incastrato dal test del DNA. Il gip: "Lucida volontà criminale".

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Andrea Albini su Panoramio e Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

"Stai ferma altrimenti ti uccido - le aveva detto con le mani strette attorno al collo - io sono egiziano, sono vuoto dentro e non ho sentimenti". È nato, in realtà, a Milano il presunto responsabile Mohamed A.E., 22enne incensurato arrestato sabato mattina dagli investigatori della Squadra Mobile, coordinati dalla Procura di Milano.

"Lucida volontà criminale" ha sottolineato il gip nell'ordinanza cautelare. Il suo è un "impulso sessuale fuori controllo", una "violenza inaudita" mischiata a "istinto di sopraffazione". È questo ciò che il giovane avrebbe scatenato al termine di una nottata intossicata da erba e vodka.

Lo stupro si è consumato a cielo aperto, sotto i grattacieli di piazza Gae Aulenti, a un passo dai locali di corso Como, ai danni di una ragazza 34enne di origini polacche, brutalizzata e terrorizzata dal suo aguzzino nella notte tra il 23 e il 24 agosto scorso.

Il 22enne aveva bevuto e fumato insieme alla vittima e ad altri due ragazzi. Questi ultimi poi si erano allontanati. Lei invece era rimasta e, all'alba, totalmente stordita, era stata trascinata giù per le scale mobili fino a un prato, riparato da un muro. Lì la 34enne era stata violentata due volte e solo le sue suppliche, e la promessa di non denunciare, avevano allentato la minaccia di morte e il tentativo di strangolamento.

Le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona, che hanno ripreso l'egiziano, hanno permesso alla Squadra Mobile, insieme ad altri elementi investigativi tra cui il test del DNA, di portare al suo arresto.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.