Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Cosenza. Accusato di picchiare la compagna incinta. Un 20enne di Cirò Marina (Crotone) sottoposto agli arresti domiciliari.

Immagine della notizia (Miniatura di Rino Porrovecchio su Flickr, licenza CC BY-SA 2.0)

Il gip del tribunale di Cosenza ha emesso una misura applicativa degli arresti domiciliari per un 20enne di Cirò Marina (Crotone), pregiudicato. poiché ritenuto responsabile dei reati di atti persecutori, maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate ai danni dell'ex convivente.

Come ricostruito dalle indagini il giovane, fin dallo scorso gennaio, avrebbe tenuto una condotta violenta e prevaricatoria nei confronti della convivente, picchiandola e sferrandole dei pugni sul viso in occasione di discussioni per futili motivi. I maltrattamenti si sono inoltre aggravati dopo aver scoperto che la donna aspettava un bambino.

L'escalation di violenza è andata aumentando, picchiando la donna anche sulla pancia e offendendola verbalmente. Il ragazzo è arrivato infine a investirla con la sua auto, procurandole minacce di aborto e dileguandosi senza soccorrerla. La donna si è trasferita a casa dei suoi genitori.

Il provvedimento del gip, emesso lo scorso 8 febbraio, è stato eseguito solo nel pomeriggio del 23 marzo, quando il giovane, resosi volontariamente irreperibile dopo le ultime condotte violente, trasferendosi temporaneamente all'estero, ha fatto rientro in Italia ed è stato rintracciato presso la sua abitazione di Cirò Marina.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.