Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Maila Beccarello a Cavarzere

Vittima:
Maila Beccarello
Presunto killer:
Natalino Boscolo Zemello
Località:
Cavarzere
Data:
8 agosto 2018
Foto di Santa Maria di Sala, paese d'origine di Maila Beccarello

Foto di Santa Maria di Sala, paese d'origine di Maila Beccarello (di Threecharlie, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Maila Beccarello

Maila Beccarello, 37 anni, è stata uccisa dal marito Natalino Boscolo Zemello, 35 anni, l'8 agosto 2018 a Cavarzere in provincia di Venezia.

Foto di Santa Maria di Sala, paese d'origine di Maila Beccarello

Foto di Santa Maria di Sala, paese d'origine di Maila Beccarello (di Threecharlie, licenza CC BY-SA 3.0)

Il delitto si consumò nelle prime ore del mattino all'interno dell'abitazione della coppia. Fu l'uomo ad avvisare i soccorsi, resosi conto della gravità delle condizioni della moglie, dicendo di aver avuto un litigio con lei. I sanitari giunti sul posto non poterono fare altro che constatare il decesso della trentasettenne che presentava numerose lesioni sul corpo e aveva il volto tumefatto. In diversi punti della casa erano chiaramente visibili le tracce di sangue lasciate dalla vittima, segni del violento pestaggio.

Più tardi l'uomo aveva cercato di ritrattare quanto precedentemente affermato, negando la lite e spiegando che la donna si era ferita e aveva perso conoscenza in seguito a una rovinosa caduta. Tale versione tuttavia non fu ritenuta credibile dagli inquirenti. Nei confronti di Zemello scattò il provvedimento di fermo con l'accusa di omicidio.

La coppia risiedeva a Cavarzere da poco più di un anno. Si erano sposati nel 2011. Lei era originaria di Santa Maria di Sala (Venezia) e svolgeva lavori saltuari, impiegata in alcuni bar e locali della zona, oppure come baby-sitter. Lui era detenuto in regime di arresti domiciliari essendo stato condannato in passato per estorsione e violenza privata.‍‍[1]‍‍[2]

Due giorni dopo l'accaduto, nell'interrogatorio di garanzia di fronte al giudice per le indagini preliminari, il trentacinquenne riferì di aver soltanto percosso la vittima con "due schiaffi e un pugno", non avendo tuttavia l'intenzione di ucciderla. Al termine dell'aggressione, avrebbe tentato di rianimarla. Il giudice ritenne "riduttiva" l'entità della ricostruzione fornita dall'uomo e convalidò nei suoi confronti la custodia cautelare in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato dal rapporto coniugale, dai futili motivi e dalla crudeltà.‍‍[3]

Secondo le ricostruzioni, la signora Beccarello aveva subito in più occasioni botte e percosse da parte del marito nel corso degli ultimi anni della loro convivenza. Negli ultimi 12 mesi di vita era stata ricoverata cinque volte al pronto soccorso, ma lei non aveva mai ammesso i maltrattamenti e liquidava con delle scuse i sospetti di violenze domestiche. Inoltre, ad alcuni amici più stretti, avrebbe confidato l'intenzione di volersi separare.‍‍[4]

Foto di Cavarzere, città dove risiedeva Maila Beccarello

Foto di Cavarzere, città dove risiedeva Maila Beccarello

L'esame autoptico aveva confermato la morte della donna per le lesioni e i traumi riportati nell'aggressione avvenuta la mattina dell'8 agosto. In quell'occasione la trentasettenne fu inizialmente colpita nel cortile antistante l'edificio per poi essere trascinata all'interno, come testimoniavano le tracce ematiche rinvenute sui muri esterni dell'abitazione, nonché a ridosso della porta d'ingresso.

Nel referto del medico legale erano emerse botte, coltellate, calci e bastonate, che avevano provocato fratture alle costole e al cranio, il naso rotto, e un'emorragia alla testa. Segni di una violenza giudicata "estrema e reiterata". Presenti sul corpo della vittima anche fratture calcificate, elementi che proverebbero le ripetute violenze subite in passato.‍‍[5]‍‍[6]

Nel gennaio del 2019 la Procura chiese il processo diretto in Corte d'Assise senza passare dall'udienza preliminare. La difesa dell'uomo, tuttavia, si oppose avanzando l'istanza di rito abbreviato condizionato a una perizia psichiatrica per stabilire se l'imputato fosse lucido nel momento del delitto. La Procura aveva contestato l'omicidio volontario aggravato dai futili motivi, dalla crudeltà, dal vincolo di parentela e dall'aver commesso il reato mentre era sottoposto a una misura alternativa alla detenzione in carcere.‍‍[7]

Due mesi dopo, il giudice per l'udienza preliminare accolse la richiesta della difesa rinviando l'imputato a giudizio in rito abbreviato.‍‍[8] Il 27 settembre 2019 venne resa nota la relazione della perizia che valutò Zemello capace di intendere e di volere nel momento del delitto.‍‍[9]

Il 16 dicembre 2019 l'uomo fu condannato a 30 anni di reclusione. Il verdetto rappresentava il risultato della riduzione di un terzo della pena, come previsto dal rito abbreviato in seguito all'accoglimento della richiesta dell'ergastolo avanzata dalla pubblica accusa.‍‍[10] Il 13 novembre 2020 la Corte d'Appello di Venezia aveva confermato la sentenza di primo grado.‍‍[11]

Note

  1. Omicidio a Cavarzere, donna di 37 anni uccisa a botte dal marito. VeneziaToday. Archiviato dall'originale.
  2. Maila, una donna che aveva grandi sogni. La Voce di Rovigo. Archiviato dall'originale.
  3. La versione di Boscolo: "Solo due schiaffi e un pugno a Maila, ma non voleva uccidere". VeneziaToday. Archiviato dall'originale.
  4. Chi era Maila Beccarello, uccisa a botte dal marito in provincia di Venezia. L'HuffPost. Archiviato dall'originale.
  5. Omcidio Maila, nuovo sopralluogo degli inquirenti. La Voce di Rovigo. Archiviato dall'originale.
  6. Maila è stata massacrata dall'ex marito: "Violenza estrema e reiterata". La Voce di Rovigo. Archiviato dall'originale.
  7. Omicidio Maila, giudizio immediato. La Voce di Rovigo. Archiviato dall'originale.
  8. Uccise Maila a calci e pugni, sì a rito abbreviato e perizia. La Nuova Venezia. Archiviato dall'originale.
  9. Era capace di intendere e volere il marito assassino di Maila. La Nuova Venezia. Archiviato dall'originale.
  10. Venezia, omicidio Beccarello: trenta anni al marito Natalino Boscolo Zemello. Corriere.it. Archiviato dall'originale.
  11. Confermati 30 anni di carcere a Boscolo Zemello per l'omicidio di Maila Beccarello. Venezia Today. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.