Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Roberta Felici a Sarzana

Vittima:
Roberta Felici
Killer:
Cristi Ionut Raulet
Località:
Sarzana
Data:
3 aprile 2018
Uno scorcio panoramico dall'alto di Sarzana, scattato dalla Fortezza di Sarzanello

Uno scorcio dall'alto di Sarzana, scattato dalla Fortezza di Sarzanello (di Stefano Sansavini con licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Roberta Felici

Roberta Felici, 53 anni, è stata uccisa dal compagno Cristi Ionut Raulet, 29 anni, la mattina del 3 aprile 2018. Il delitto si consumò nell'abitazione della donna nel quartiere Bradia di Sarzana in provincia di La Spezia.

Uno scorcio panoramico dall'alto di Sarzana, scattato dalla Fortezza di Sarzanello

Uno scorcio dall'alto di Sarzana, scattato dalla Fortezza di Sarzanello (di Stefano Sansavini con licenza CC BY-SA 4.0)

Dopo aver commesso l'omicidio, il giovane si allontanò dall'abitazione per andare a giocare alle slot machine di un locale del centro cittadino. In quel frangente aveva confidato l'accaduto a un amico che, successivamente, lo convinse a costituirsi alle forze dell'ordine. Così il ventinovenne di origini romene si consegnò spontaneamente ai Carabinieri, confessando le proprie responsabilità nella morte della compagna.

Il corpo senza vita della vittima fu scoperto in casa dai militari circa 10 ore dopo il compimento del delitto.‍‍[1]‍‍[2] Secondo le dichiarazioni fornite in sede di interrogatorio, l'efferato gesto fu compiuto al culmine di un litigio scoppiato perché Raulet sarebbe stato ossessionato dalla gelosia della compagna e voleva abbandonare l'abitazione della donna con la quale conviveva da circa un anno.‍‍[3] Il ventinovenne fu arrestato e condotto in carcere. Nei giorni seguenti, di fronte al giudice per le indagini preliminari, il giovane ribadì la propria confessione. La custodia cautelare fu convalidata.‍‍[4]

Roberta Felici era madre di 4 figli, avuti da due precedenti relazioni. Dalle ricostruzioni investigative era emerso che i litigi fra lei e Raulet erano piuttosto frequenti, tanto che la mattina del 3 aprile alcuni vicini di casa sentirono delle urla provenire dall'appartamento che la coppia condivideva.‍‍[1] Il ventinovenne utilizzò una forbice per aggredire la vittima. L'esame autoptico confermò il decesso per le lesioni d'arma da taglio. Furono quattro i fendenti rilevati, tra cui uno al petto che risultò fatale alla donna.‍‍[3]‍‍[2]

Il reo confesso fu rinviato a giudizio in rito abbreviato. Il 9 gennaio 2019 il Tribunale di La Spezia lo condannò a 30 anni di reclusione.‍‍[5] Il successivo 17 settembre la Corte d'Appello di Genova aveva confermato la sentenza,‍‍[2] resa definitiva dalla Corte di Cassazione nell'aprile del 2021.‍‍[6]

Note

  1. a b Accoltellata a morte in casa a Sarzana, fermato il compagno che ha confessato. Il Secolo XIX. Archiviato dall'originale.
  2. a b c Delitto Felici, pena confermata in appello. Raulet condannato a trent'anni di carcere. Il Secolo XIX. Archiviato dall'originale.
  3. a b Roberta uccisa dal compagno, il fendente mortale sferrato al petto. Città della Spezia. Archiviato dall'originale.
  4. L'assassino resta in carcere. Città della Spezia. Archiviato dall'originale.
  5. Uccise la compagna a coltellate, condannato a 30 anni di carcere. Città della Spezia. Archiviato dall'originale.
  6. Cassazione conferma la condanna. Uccise la compagna, 30 anni. lanazione.it. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.