Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Cinzia Palumbo a Paternò

Vittima:
Cinzia Palumbo
Killer:
Gianfranco Fallica
Località:
Paternò
Data:
9 dicembre 2018
La Chiesa di Santa Barbara a Paternò dove si sono svolti i funerali di Cinzia Palumbo e i due figli
La Chiesa di Santa Barbara a Paternò dove si sono svolti i funerali di Cinzia Palumbo e i due figli (di Normangreek, licenza CC BY-SA 3.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
La Chiesa di Santa Barbara a Paternò dove si sono svolti i funerali di Cinzia Palumbo e i due figli
La Chiesa di Santa Barbara a Paternò dove si sono svolti i funerali di Cinzia Palumbo e i due figli (di Normangreek, licenza CC BY-SA 3.0)

La mattina del 9 dicembre 2018 in via Libertà a Paternò, provicia di Catania, è stato rinvenuto un tragico caso di omicidio-suicidio. Gianfranco Fallica, 35 anni, si è tolto la vita dopo aver ucciso la moglie Cinzia Palumbo, 34 anni e i suoi due figli Daniele e Gabriele di 6 e 4 anni. A scoprire i corpi senza vita nella stanza da letto della casa in cui vivevano è stato il padre della donna, preoccupato perché non riusciva a mettersi in contatto con la famiglia.‍[1] La strage sarebbe avvenuta durante la notte. Cinzia e i due bambini erano in pigiama sul letto, il più piccolo aveva il ciuccio in bocca. Per tutti e tre un unico colpo in testa, freddati probabilmente nel sonno. L'uomo invece non aveva il pigiama, era vestito con abiti casual ed è stato ritrovato accanto alla stessa pistola, detenuta legalmente, che ha utilizzato per suicidarsi.

Poco chiare le cause che hanno spinto il trentacinquenne a compiere il massacro. Secondo le ricostruzioni, sarebbe da escludere un movente passionale, mentre sarebbero maggiormente plausibili le ipotesi riconducibili a problemi depressivi causati da eventuali difficoltà finanziarie.‍[2][3]

Note

  1. Uccide la moglie, i due figli e si spara: a Paternò una tragedia "inspiegabile". La Sicilia. Archiviato dall'originale.
  2. Paternò non si dà pace: cos'è successo a quella famiglia che sembrava perfetta? La Sicilia. Archiviato dall'originale.
  3. Depressione, debiti o gelosia? Paternò s'interroga sul movente del "familicidio". La Sicilia. Archiviato dall'originale.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.