Visualizza menu Visualizza campo di ricerca
Visualizza menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia precedente

Il femminicidio di Sabrina Malipiero a Pesaro

Vittima:
Sabrina Malipiero
Killer:
Zakaria Safri
Località:
Pesaro
Data:
14 luglio 2018
Panorama di Pesaro
Panorama di Pesaro (di Alessandro Vecchi, licenza CC BY-SA 3.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Panorama di Pesaro
Panorama di Pesaro (di Alessandro Vecchi, licenza CC BY-SA 3.0)

Sabrina Malipiero, 52 anni, è stata trovata morta il 14 luglio 2018 all'interno della sua abitazione a Pesaro. La donna era commessa di un supermercato della zona e separata da anni dal marito. A scoprire il cadavere è stato uno dei suoi due figli. Al ritrovamento la vittima era già morta da alcune ore, aveva il volto tumefatto e numerose ferite sul corpo derivanti da un'arma da taglio. Nella casa non c'erano segni di effrazione, la cinquantaduenne aveva aperto la porta al suo assassino, ma all'esterno mancava la sua auto.‍[1]

Nelle ore successive si scoprirà che a fuggire col veicolo della Malipiero è stato Zakaria Safri, 38 anni, di origini marocchine, rintracciato dai militari e fermato con l'accusa di omicidio volontario aggravato dai futili motivi. L'uomo era da diversi anni in Italia con un regolare permesso di soggiorno, in attesa di ricevere la cittadinanza italiana, ma aveva avuto alcuni precedenti con le forze dell'odine per questioni di droga. Al momento dell'arresto ha negato un suo coinvolgimento, tuttavia la mattina seguente di fronte al pubblico magistrato ha confessato il delitto. Ha dichiarato di aver ucciso la donna sotto l'effetto della cocaina al culmine di una violenta lite dopo aver assunto della droga insieme a lei.‍[2]

Foto della fontana di Piazza del Popolo a Pesaro
Foto della fontana di Piazza del Popolo a Pesaro (di Sailko, licenza CC BY-SA 3.0)

Ma due giorni dopo, rispondendo alle domande del giudice per le indagini preliminari, il trentottenne ha ritrattato le proprie dichiarazioni affermando di essere stato costretto a confessare. Ha precisato che di essere giunto nell'appartamento della cinquantaduenne trovandola già agonizzante a terra. Lui si sarebbe limitato a toglierle il coltello ancora in gola per poi fuggire via impaurito. Nei suoi confronti è stata comunque convalidata la custodia cautelare in carcere.‍[3]

Poco chiaro il movente del delitto. Il marocchino e la Malipiero si conoscevano, ma è stato escluso il movente passionale, mentre una delle ipotesi più accreditate è stata quella del movente economico: secondo il fidanzato della vittima, l'assassino avrebbe avuto un debito con lei. Tuttavia l'imputato ha negato tale circostanza.‍[4] L'autopsia ha chiarito la dinamica dell'aggressione. La donna è stata piacchiata brutalmente e colpita più volte al volto: aveva il naso rotto. Poi è stata accoltelata con undici fendenti.‍[5][6]

Safri è stato rinviato a giudizio e nel maggio del 2019 la Corte d'Assise lo ha condannato all'ergastolo per omicidio volontario aggravato dai futili motivi in continuazione con la rapina. È stata esclusa invece l'aggravante della crudeltà.‍[7]

Note

  1. ^ Pesaro, donna trovata morta in casa dal figlio: è caccia all'assassino. Repubblica.it. Archiviato dall'originale.
  2. ^ Omicidio Pesaro, "ho ucciso io Sabrina Malipiero". La lite e le coltellate sotto l'effetto della cocaina. Corriere.it. Archiviato dall'originale.
  3. ^ Omicidio a Pesaro, il presunto assassino della commessa ritratta tutto. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale.
  4. ^ Omicidio a Pesaro, Safri aveva debiti con Sabrina. Ma continuava a comprare droga. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale.
  5. ^ Omicidio a Pesaro, Sabrina Malipiero uccisa da dieci coltellate. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale.
  6. ^ Omicidio Malipiero Pesaro, le foto dell'autopsia proiettate in aula. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale.
  7. ^ Sabrina Malipiero, ergastolo a Safri per omicidio. Fu picchiata e uccisa a coltellate. IlSussidiario.net. Archiviato dall'originale.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.