Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Zeneb Badir a Baja Sardinia di Arzachena

Vittima:
Zeneb Badir
Presunti killer:
Jalal Hassissou e Soufyane El Khedar
Località:
Baja Sardinia di Arzachena
Decesso:
Olbia
Data:
24 luglio 2018
Uno scorcio della costa di Baja Sardinia, frazione di Arzachena in provincia di Sassari

Uno scorcio della costa di Baja Sardinia, frazione di Arzachena in provincia di Sassari (di Hajotthu, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Zeneb Badir

Zeneb Badir, 34 anni, originaria del Marocco, è morta il 24 luglio 2018 all'ospedale Giovanni Paolo II di Olbia in provincia di Sassari.‍‍[1]

Uno scorcio della costa di Baja Sardinia, frazione di Arzachena in provincia di Sassari

Uno scorcio della costa di Baja Sardinia, frazione di Arzachena in provincia di Sassari (di Hajotthu, licenza CC BY-SA 3.0)

La donna, madre di tre figli di 7, 9 e 14 anni, lavorava come cameriera e risiedeva temporaneamente in un alloggio della località Lu Stazzu di Calcinaiu a Baja Sardinia, frazione di Arzachena (Sassari) dove la sera tra domenica 22 e lunedì 23 luglio 2018 era stata massacrata di botte e presa ripetutamente a calci e pugni in volto. Con lei erano presenti due conoscenti connazionali, Jalal Hassissou, 40 anni, manutentore ed ex compagno di Zeneb, e Soufyane El Khedar, 36 anni, impiegato come aiuto cuoco a Porto Cervo.‍‍[2]‍‍[3]

Furono loro nella giornata di lunedì a trasportarla in stato di incoscienza alla guardia medica di Arzachena, raccontando però che aveva perso i sensi in seguito a una caduta accidentale e aggiungendo che la malcapitata soffriva di un malore che le provocava degli svenimenti. Da lì la trentaquattrenne era stata trasferita all'ospedale di Olbia, dove arrivò in coma irreversibile. I medici, notando i segni della violenza e le profonde lesioni alla testa, non crebbero alla versione fornita dai due uomini e segnalarono il caso ai Carabinieri da cui erano partite le indagini. Intanto la vittima non si era più ripresa e, dopo ore di agonia, perse la vita il giorno successivo.

Hassissou ed El Khedar furono sottoposti a fermo. Il trentaseienne aveva collaborato con i militari indicando l'abitazione dove era avvenuto il pestaggio, ma aveva dichiarato di non aver preso parte all'aggressione. Secondo gli investigatori, invece, sarebbero stati entrambi responsabili della violenza, avendo percosso per lungo tempo la donna, oggetto di botte, pugni e calci, persino sbattuta con la testa contro il water e il lavandino del bagno.

Durante il delitto, i marocchini avevano agito sotto l'effetto di droga e alcol. Il consumo di sostanze stupefacenti era stato confermato anche per la vittima dopo l'esame autoptico, non essendo chiaro però se l'assunzione fosse avvenuta volontariamente o se fosse stata obbligata dai connazionali.‍‍[4]

Foto della scultura in granito delle "Due Vele", realizzata da Lucifero Sgarbati, situata nella piazzetta di Baja Sardinia

Foto della scultura in granito delle "Due Vele", realizzata da Lucifero Sgarbati, situata nella piazzetta di Baja Sardinia (di Hajotthu, licenza CC BY-SA 3.0)

Zeneb Badir era deceduta a causa di un'emorragia cerebrale, provocata dalle percosse subite nel corso del pestaggio. Sconosciuto il movente del gesto. Si era ipotizzato che quella sera i tre avessero organizzato un festino, poi degenerato nella violenta aggressione, probabilmente scaturita dalla gelosia di Hassissou, infastidito dai presunti ammiccamenti rivolti alla ex compagna dall'altro connazionale.

Di fronte agli inquirenti, i due negarono di avere responsabilità nella morte della trentaquattrenne, così come ribadito anche nell'interrogatorio di garanzia, dove Hassissou si era avvalso della facoltà di non rispondere mentre El Khedar aveva pronunciato la sua estraneità ai fatti di violenza. Il giudice per le indagini preliminari convalidò il fermo e dispose la custodia cautelare in carcere per entrambi con l'accusa di omicidio volontario aggravato dai futili motivi.‍‍[5]‍‍[6]

Nel maggio del 2019 furono rinviati a giudizio.‍‍[7]‍‍[1] La Procura richiese per entrambi la pena dell'ergastolo.‍‍[8] Il 16 luglio 2020 la Corte d'Assise di Sassari li aveva condannati a 21 anni di reclusione.‍‍[9]

Nel corso del procedimento di secondo grado fu ascoltato a processo un confidente di Hassissou. Il testimone rivelò che, quando entrambi erano reclusi nel carcere di Bancali, Jalal gli aveva riferito di aver aggredito da solo la vittima e, se non fosse intervenuto Soufyane a fermarlo, lui ne avrebbe occultato il cadavere e nessuno l'avrebbe trovata. Una versione che però fu respinta dalla difesa di Hassissou, ritenendo poco attendibile il teste.‍[10][11]

Note

  1. a b Stazzo degli orrori, in due a processo. La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.
  2. Costa Smeralda, donna marocchina massacrata di botte e uccisa. Affaritaliani.it. Archiviato dall'originale.
  3. Massacrata di botte e uccisa in Costa Smeralda. Repubblica.it. Archiviato dall'originale.
  4. Picchiata per ore durante un festino, gli inquirenti: "Un femminicidio feroce". Sardiniapost.it. Archiviato dall'originale.
  5. Restano in cella i 2 accusati di omicidio. La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.
  6. La Procura: "Così è stata uccisa Zeneb". La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.
  7. Massacrata di botte durante un festino. Due a processo con l'accusa di omicidio. Sardiniapost.it. Archiviato dall'originale.
  8. Zeneb, uccisa a calci e pugni: il procuratore di Tempio chiede l'ergastolo per gli assassini. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale.
  9. Zeneb, ammazzata a calci e pugni: 21 anni di carcere ai due imputati. L'Unione Sarda.it. Archiviato dall'originale.
  10. Donna massacrata e uccisa in uno stazzo, sentenza d'appello a gennaio. Sardiniapost.it. Archiviato dall'originale.
  11. Morte di Zeneb, il teste ricercato scagiona uno dei due imputati. La Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.