Visualizza menu Visualizza campo di ricerca
Visualizza menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia precedente

Il femminicidio di Maria Carmela Isgrò a Bercellona Pozzo di Gotto

Vittima:
Maria Carmela Isgrò
Killer:
Nicola Siracusa
Località:
Bercellona Pozzo di Gotto
Data:
6 luglio 2018
Foto della Basilica di San Sebastiano a Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina dove si sono svolti i funerali di Maria Carmela Isgrò
Foto della Basilica di San Sebastiano a Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina dove si sono svolti i funerali di Maria Carmela Isgrò
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Foto della Basilica di San Sebastiano a Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina dove si sono svolti i funerali di Maria Carmela Isgrò
Foto della Basilica di San Sebastiano a Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina dove si sono svolti i funerali di Maria Carmela Isgrò

Maria Carmela Isgrò, dipendente comunale di 53 anni, e il suo ex marito Nicola Siracusa, pasticciere di 56 anni, sono stati trovati morti nella loro casa di Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina.‍[1]

La sorella della donna non aveva più notizie della vittima da due giorni. Il 6 luglio 2018 ha avvertito i carabinieri, coi quali è entrata nell'abitazione e ha assistito alla tragedia. La cinquantatreenne era all'interno dell'appartamento, distesa a terra, senza vita. L'uomo era impiccato in un angolo del garage. Il decesso è avvenuto diverse ore prima della scoperta dei cadaveri. L'autopsia ha accertato la morte della Isgrò per strangolamento. I militari hanno trovato sul tavolo della masarda un cumulo di banconote che ammontavano a circa 4 mila euro. Nelle vicinanze, un biglietto con scritto che servivano per pagare i funerali. Dettagli che hanno accreditato l'ipotesi dell'omicidio-suicidio premeditato dall'ex marito.

La coppia era separata. La donna aveva presentato una denuncia per maltrattamenti quattro anni prima. La procura aveva richiesto per Siracusa un divieto di avvicinamento, che però il giudice per le indagini preliminari aveva respinto. Tuttavia il provvedimento è stato poi concesso dal Tribunale del Riesame in seguito a un ricorso. Vicenda che aveva avviato un processo a carico dell'uomo, non giunto a termine. In ogni caso, i due non si erano allontanati più di tanto, rimanendo a vivere nello stesso edificio, seppur in alloggi differenti, per stare accanto alla figlia minorenne.‍[2][3]

Note

  1. ^ Messina, omicidio-suicidio a Barcellona Pozzo di Gotto: l'ex marito era già denunciato per maltrattamenti. Stretto Web. Archiviato dall'originale.
  2. ^ Denunciato per maltrattamenti, strangola l'ex moglie e poi si impicca con una corda. La Sicilia. Archiviato dall'originale.
  3. ^ Il femminicidio di Barcellona: oggi i funerali di Maria Carmela Isgrò. Repubblica.it. Archiviato dall'originale.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.