Il femminicidio di Maria Clara Cornelli a Rivoli

Vittima:
Maria Clara Cornelli
Killer:
Enrico Giorio
Località:
Rivoli
Data:
7 maggio 2018
Uno scorcio panoramico di Rivoli in provincia di Torino

Uno scorcio panoramico di Rivoli in provincia di Torino (di Adirricor, licenza CC BY 3.0)

Voce su Maria Clara Cornelli

Maria Clara Cornelli, 74 anni, è stata uccisa da Enrico Giorio, 74 anni, il 7 maggio 2018 a Rivoli in provincia di Torino.‍[1]

Uno scorcio panoramico di Rivoli in provincia di Torino

Uno scorcio panoramico di Rivoli in provincia di Torino (di Adirricor, licenza CC BY 3.0)

L'omicidio avvenne durante il pomeriggio nel parcheggio di un supermercato del paese, all'angolo tra corso Susa e via Alpignano. L'uomo aveva con sé una pistola, regolarmente detenuta, con la quale prima colpì la vittima, poi si sparò un colpo in testa. La signora Cornelli era già morta all'arrivo dei soccorsi, mentre Giorio fu trasportato all'ospedale dove però non fu possibile salvarlo. Perse la vita nelle ore successive.

Enrico e Maria si sposarono nel novembre del 2017 e andarono a vivere a Savonera, frazione di Collegno (Torino), ma il loro matrimonio durò poco. Lei aveva deciso di separarsi. I due erano già stati sposati in passato, per lui era la terza volta (la seconda moglie era morta due anni prima). Probabilmente l'uomo non accettava l'esito di quella loro breve relazione.

L'incontro a Rivoli potrebbe essere stato organizzato da entrambi allo scopo di chiarirsi. Non è da escludere tuttavia che Giorio abbia seguito la donna per freddarla, premeditando da tempo l'omicidio.‍‍[2]

Note

  1. Spari in strada: freddata una donna. Morto in ospedale anche l'omicida. TorinoToday · Archiviato dall'originale.
  2. Uccide l'ex moglie e poi si suicida: la tragedia di un ex bancario e di una ex commerciante. TorinoToday · Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.